Le quattro stagioni / Stagioni - CD Audio di Antonio Vivaldi,Adriano Guarnieri

Le quattro stagioni / Stagioni

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Tactus
Data di pubblicazione: 1 gennaio 2005
  • EAN: 8007194103366
Disco 1
1
Vivaldi - il cimento dell'armonia e dell'invenzione op.8 - la primavera - allegro
2
Largo
3
Allegro
4
Concerto in sol minore per violino archi e basso continuo 'l'estate' - allegro nonmolto
5
Adagio
6
Preesto
7
Concerto in fa maggiore per violino archi e basso continuo 'l'autunno' - allegro
8
Adagio molto
9
Allegro
10
Concerto in fa minore per violino, archi e basso continuo 'l'inverno' - allegro nonmolto
11
Largo
12
Allegro
13
Guarneri - stagioni - 1
14
Stagioni - 2
15
Stagioni - 3
16
Stagioni - 4
17
Stagioni - 5
18
Stagioni - 6
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Antonio Vivaldi Cover

    Compositore e violinista.La vita. Suo padre, Giovanni Battista, era violinista della cappella di San Marco; Antonio studiò con lui e forse, per breve tempo, con G. Legrenzi. Ordinato sacerdote nel 1703 (e subito denominato, per la sua capigliatura, «il prete rosso»), fu dispensato dal celebrare la messa per le cattive condizioni di salute. Entrò come insegnante di violino nel conservatorio della Pietà, dove rimase sino al 1740; era questo uno dei quattro istituti veneziani dove, a somiglianza dei conservatori napoletani, trovavano assistenza (per lo più gratuita) orfani, figli illegittimi, malati. V. vi ricoprì di volta in volta, con interruzioni per viaggi, le cariche di maestro di cappella, maestro di coro, maestro dei concerti, dapprima alle dipendenze di F. Gasparini e poi (dal 1713) in... Approfondisci
  • Adriano Guarnieri Cover

    Compositore. Studiò a Bologna con G. Manzoni. Negli anni '70 fondò a Firenze il Nuovo Ensemble Maderna. Insegna al conservatorio di Milano. Dopo una ricerca iniziale sulla base di matrici tardo-strutturaliste, dalla metà degli anni Settanta in poi ha espresso una posizione poetica volta alla ricerca di aspetti neoformali e di matericità cantabile guidati dal concetto timbrico di «dissolvenza». Si segnalano: Pierrot, Pierrot! per flauti, percussioni e celesta (1980),... Il tubare della tortora non odi? per voce, percussioni e orchestra (1986), Trionfo della notte, azione lirica su testo di Pasolini (1986), l'opera-film Medea per soli, coro e orchestra (1991), Orfeo cantando... tolse, 10 azioni liriche (1994), Quare tristis per soli, coro femminile e 2 gruppi strumentali (1995). Approfondisci
Note legali