È quel che è. Poesie d'amore di paura di collera

Erich Fried

Traduttore: A. Casalegno
Editore: Einaudi
Anno edizione: 1988
In commercio dal: 1 gennaio 1997
Pagine: XVIII-220 p.
  • EAN: 9788806599935
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 13,18

€ 15,50

Risparmi € 2,32 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Aurora S.

    21/09/2018 09:27:34

    Ho amato questo libro, dall'inizio alla fine. Ogni poesia è stata come una stilettata al cuore. Lucido, analitico, profondo, passionale e mai banale. Ogni tanto lo risfoglio e sono felice di avere questo testo nella mia libreria. Questo libro "è quel che è" anch'esso, è un magnifico Erich Fried.

  • User Icon

    Effiopo

    20/03/2008 01:11:32

    Pubblicato nel 1983 (Heirich Fried morirà nel 1988) "Es ist was es ist. Liebesgedichte Angstgedichte Zorngedichte" è un libro acutissimo, frutto di una maturazione pienamente raggiunta dal poeta. Indignazione, partecipazione sociale e politica (caratteri fortemente identificativi della produzione di Fried) si mescolano con toni più laconici, col grande tema dell'amore e con componimenti leggeri e spontanei. Tecnica compositiva e formalità sono martellanti e ineccepibili; ma sono l'espressività e l'intensità del messaggio (vario, moderno e antico allo stesso tempo) a rendere la poesia di Fried composta, luminosa e coinvolgente. "È quel che è" si rivela come l'ottimo lavoro di un autore tra i più autorevoli del Novecento.

  • User Icon

    MAXIM

    13/10/2005 14:10:20

    Le poesie di Fried camminano sul filo di uno strano equilibrio. Tra l'elementare e il sublime; l'elementare non è mai casuale ed il sublime pare che capiti e, forse, capita soltanto. Quasi non voluto, non inseguito. Ma Fried poeta lo è proprio per questo tentativo, questa ossessione di ridurre il verso e la parola ad una economia necessaria, sentita come tale. Inseguita. Perseguita.Quando capita, il sublime, pare che non appaia, che si schernisca. Diventa elementare come qualcosa che si racconta per caso. Come se non dovesse restare.

Scrivi una recensione