Quello che mi sta succedendo - Miguel Brieva - copertina

Quello che mi sta succedendo

Miguel Brieva

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: F. Bianchi
Editore: Eris
Collana: Kina
Anno edizione: 2015
In commercio dal: 9 ottobre 2015
Pagine: 112 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788898644148
Salvato in 7 liste dei desideri

€ 15,20

€ 16,00
(-5%)

Punti Premium: 15

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Quello che mi sta succedendo

Miguel Brieva

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Quello che mi sta succedendo

Miguel Brieva

€ 16,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Quello che mi sta succedendo

Miguel Brieva

€ 16,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 15,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Victor ha studiato per fare il geologo, come sognava fin da bambino, quando parlava con le pietre e indagava su minerali vecchi come il mondo. Ma ora la sua laurea, come succede a tutti i suoi amici e a sua sorella, non gli serve a trovare un buon lavoro. È semplicemente un giovane precario senza stabilità e senza prospettive. Passa da un impiego poco dignitoso all'altro e nulla gli valgono i corsi su come imparare a vendersi meglio. Ma una mattina si ritrova nel bagno di casa circondato da allucinazioni e amici immaginari e giorno dopo giorno scivola sempre più in questo vortice di deliri onirici che gli mostrano però una visione più lucida e sincera della realtà di quella propinata da telegiornali e media. La dimensione del sogno e del fantastico, dove tutto è possibile se ci credi, è la vera protagonista della storia creata da Miguel Brieva che dà corpo al desiderio di cambiare il presente in cui viviamo trascinandoci in una sfida impossibile tra quello che vorremmo fosse il mondo e quello che il mondo vorrebbe fare di noi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

E tu ce l'hai il ridiculum?

Disoccupazione e allucinazione nella Spagna precaria e impoverita. Ma se ne può uscire. Basta avere spirito d''intraperdenza'. 

Di Quello che mi sta succedendo, ambiziosa prova “lunga” del fumettista spagnolo Miguel Brieva, si è già molto parlato, anche qui in Italia. Per cominciare, vista la provenienza sia geografica che politico-culturale del suo autore, il fumetto è stato da più parti percepito come una specie di manifesto del dopo Indignados, cosa che in effetti è, almeno in parte (ma su questo ci torniamo poi). E va bene, ridurre opere narrative di una certa complessità a formule tanto semplicistiche e vaghe, è sempre impresa rischiosa e, perché no, disonesta; ma un volta chiuso il volume, è difficile non cadere nella tentazione di rispolverare espressioni cadute in disgrazia tipo opera militante. Che è pur sempre un'espressione con una sua nobiltà, almeno credo io.
In una recente intervista concessa ad Alias, Brieva avvertiva che da qui in poi “iruolo del fumetto dovrà essere quello di qualsiasi altro mezzo: cambiare il nostro immaginario, perché diversamente da quanto accade oggi, si passi a considerare prima la distruzione del capitalismo, che quella del nostro mondo”. Parole che ribaltano l'antico adagio di Fredric Jameson “è più facile immaginare la fine del mondo che quella del capitalismoe che piacerebbero a tipi come Alex Williams e Nick Srnicek, che trovate intervistati in altra parte del giornale. Ma in cosa, esattamente, Quello che mi sta succedendo è un'opera “militante”?Protagonista del libro è Victor Menta, un trentaduenne laureato in geologia che, dopo la consueta pletora di lavoretti squallidi e mal pagati, si ritrova disoccupato a seguito della crisi del 2008. Passa le sue giornate ai giardini pubblici assieme a un gruppo di amici autoribattezatisi gli intraperdenti (non è un refuso), ogni tanto segue qualche corso di aggiornamento, finisce anche lui nell'onnipresente call center, lavora come addetto alle pulizie all'aeroporto... Per farla breve, le sue giornate sono scandite da curriculum che diventano ridiculum, tante canne, tanta noia, tanta depressione. Ma soprattutto: tante allucinazioni.

Ecco, le allucinazioni di Victor sono il vero perno di Quello che mi sta succedendo: perseguitano il protagonista precipitandolo in una specie di dimensione parallela che, pagina dopo pagina, si fa sempre più claustrofobica e delirante, e certo non per caso hanno spesso a che fare con le suggestioni, le lusinghe, e in buona misura gli inganni della società dell'informazione, che tutto permea e tutto confonde. Ci sono personaggi presi dalla televisione e dalla pubblicità, esseri antropomorfi pelosetti e adorabili, ma anche portasaponi che discettano di economia e finanza, nonché atlete di nuoto sincronizzato che con le loro acrobazie dettano l'agenda di governo e parlamento.

Senza svelare troppo della trama, posso dirvi che queste allucinazioni così invadenti e vieppiù farneticanti, si riveleranno per Victor non il segnale di un'irrecuperabile instabilità mentale, ma lo strumento attraverso il quale lui e i suoi amici intraperdenti riusciranno a... be', a cambiare il mondo, diciamo.
Ma qui siamo già nella seconda parte del libro, quella che più echeggia i fatti o se non altro le atmosfere del Movimiento 15-M. È anche la parte in cui Brieva più sfiora una certa enfasi retorica che è il perenne rischio di opere del genere, ma che tutto sommato viene tenuta a bada sia dal tono allucinato delle tavole (che fanno pensare al Terry Gilliam più de L'esercito delle 12 scimmie che di Brazil) sia da un tratto memore della grande lezione underground di Robert Crumb, autore a cui Brieva è stato giustamente accostato.

Personalmente, però, è la prima parte del libro quella che trovo più interessante. Perché traduce in maniera angosciante (e per questo efficace) tutto il senso di vuoto, spaesamento e vera e propria nullità di quella generazione che il dogma dell'individuo-imprenditore-di-sé-stesso ha infine relegato in un limbo sospeso tra precariato perenne (lavorativo, affettivo, biografico) e marginalità imposta (politica, economica, perché no esistenziale). Nelle sue pagine migliori, Quello che mi sta succedendo è quasi un piccolo trattato su come la depressione sia diventata, per dirla col Bifo di Heroes, la malattia tipica di un'era di competizione e iperconnettività. “Non c'è niente di meglio che salire su un bel cumulo di rifiuti per osservare meglio il mondo”, si legge in una delle tavole: tanto più se è il mondo intero ad assomigliare a una discarica immensa popolata da rottami e materiali di scarto, insomma da pezzi di vita.

Note legali