Quintetti con pianoforte - CD Audio di Antonin Dvorak,Sviatoslav Richter,Borodin String Quartet

Quintetti con pianoforte

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium In promozione DOPPI PUNTI fino al 23/6
Compositore: Antonin Dvorak
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Philips
Data di pubblicazione: 22 marzo 2006
  • EAN: 0028947575603
Disco 1
1
1. Allegro ma non troppo
2
2. Andante sostenuto
3
3. Finale (Allegro con brio)
4
1. Allegro, ma non tanto
5
2. Dumka (Andante con moto)
6
3. Scherzo (Furiant) (Molto vivace)
7
4. Finale (Allegro)
  • Antonin Dvorak Cover

    Compositore ceco.Dagli esordi all'affermazione internazionale. Fu avviato agli studi musicali dal padre, un locandiere dilettante di musica che gli fece studiare il violino e poi il pianoforte e l'organo. Nel 1857, grazie all'aiuto finanziario di uno zio, poté essere inviato a Praga, dove studiò regolarmente alla scuola di organo. Nel 1873, dopo aver fatto parte per una decina d'anni come violinista dell'orchestra del Teatro Nazionale, ebbe la nomina di organista nella chiesa di S. Adalberto; dal 1874, grazie agli interventi di Hanslick e di Brahms, fruì di una borsa di studio del governo austriaco; poté così concentrarsi nella composizione, acquistando presto notorietà europea: dapprima con le Danze slave, poi con lo Stabat Mater che, eseguito a Londra nel 1883, è all'origine della straordinaria... Approfondisci
  • Sviatoslav Richter Cover

    Pianista ucraino. Autodidatta, si perfezionò con H. Neuhaus a Mosca, debuttando nel 1942 con sonate di Prokof'ev. A partire dal 1960 si affermò anche in Occidente come uno dei maggiori pianisti del secolo. Affrontò un repertorio vastissimo, da Bach al primo Novecento, sia solistico sia con orchestra e cameristico (spesso suonando con D. Ojstrach, O. Kagan, M. Rostropovic, il Quartetto Borodin, Fischer-Dieskau e la Schwarz­kopf) ma espresse la sua genialità soprattutto nella musica del primo Ottocento. Capace di «piegare» la tastiera alle più sottili sfumature timbrico-dinamiche, ha saputo imprimere alle sue interpretazioni una gamma espressiva che va dall'introversione con cui ha reso i prediletti Schubert e Schumann (e in certi casi anche Beethoven), all'oscura inquietudine (Liszt), dall'arguzia... Approfondisci
  • Borodin String Quartet Cover

    Quartetto d'archi fondato nel 1946 come Quartetto filarmonico di Mosca (il nome Quartetto B. fu assunto nel 1955) da Rostislav Dubinskij (primo violino), Jaroslav Alexandrov (secondo violino), Dmitrij Sebalin (viola) e Valentin Berlinskij (violoncello). Si è distinto soprattutto nel repertorio russo e slavo (anche in quintetti con S. Richter al pianoforte) da Borodin a Caikovskij, Dvoæák e Sostakovic. Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali