Quintetto per clarinetto op.115 - Quintetto per pianoforte op.34

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Johannes Brahms
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Praga (Fra)
Data di pubblicazione: 26 gennaio 2018
  • EAN: 3149028116922
  • Johannes Brahms Cover

    Compositore tedesco.La formazione e l'incontro con Schumann. I rudimenti di musica impartitigli dal padre, suonatore di contrabbasso, e lo studio del pianoforte, effettuato con F.W. Cossel, gli permisero presto di guadagnarsi la vita in orchestrine locali. Approfondiva intanto, sotto la guida di E. Marxsen, lo studio della composizione. A vent'anni, nel corso di una tournée (accompagnava al pianoforte il violinista R. Reményi) conobbe J. Joachim che, già celebre, lo introdusse nei più influenti circoli musicali tedeschi. Se l'incontro con Liszt a Weimar (1853) lo lasciò indifferente, decisivo per la sua formazione fu quello con Schumann a Düsseldorf. Vedendo in B. una sorta di antidoto alla corrente «progressista» rappresentata da Liszt e Wagner, Schumann segnalò al pubblico il giovane musicista,... Approfondisci
  • Rudolf Serkin Cover

    Pianista austriaco naturalizzato statunitense. Studiò e debuttò a Vienna, intraprendendo quindi una carriera internazionale come solista e come membro di complessi da camera (formò, col violinista A. Busch, un memorabile duo). Stabilitosi nel 1939 negli Stati Uniti, assunse l'incarico di responsabile del dipartimento di pianoforte nel Curtis Institute di Filadelfia e più tardi di direttore artistico del festival di Marlboro, pur proseguendo la carriera concertistica in tutto il mondo. Fu interprete raffinato e sensibile dei romantici, nonché di Bach e Mozart. Si segnalano le incisioni discografiche delle Sonate di Beethoven per violino e pianoforte e per violoncello e pianoforte, realizzate rispettivamente con A. Busch e con P. Casals. Approfondisci
  • Budapest String Quartet Cover

    Quartetto d'archi fondato nel 1917 nella capitale ungherese da Emil Hauser, I. Poganyi, I. Polyi e H. Són. Con questa formazione si distinse negli anni '20 nell'esecuzione di quartetti di Smetana e di Bartók. Nel corso degli anni '30 ai membri originari subentrarono Joseph Roisman (primo violino), Alexander Schneider (secondo violino), Boris Kroyt (viola), Misha Schneider (violoncello), tutti di origine russa o ucraina, e in questa formazione il quartetto acquistò fama internazionale, con frequenti tournées e incisioni discografiche sino allo scioglimento nel 1967. Lo stile del quartetto rifletteva le qualità esecutive del primo violino Roisman, incline al gesto incisivo, ai tempi incalzanti e al suono brillante, qualità non estranee al successo commerciale. Sono rimaste famose le loro interpretazioni... Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali