Categorie

Anne Holt

Traduttore: M. Podestà Heir
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2015
Pagine: 353 p. , Brossura
  • EAN: 9788806215316

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giulietta Bernardi

    19/08/2016 16.12.02

    Bello l'inizio, un po' fuori dal comune e ci si aspetta qualcosa di nuovo. Ma la suspance è davvero poca. Ho trovato difficoltosa la lettura, perché i dialoghi si svolgono in uno strano modo. Viene posta una domanda e prima della risposta c'è quasi sempre una descrizione sul personaggio, o spezzoni della vita della protagonista, per cui, quando si arriva alla risposta, bisogna tornare a leggere la domanda. Per questo è un po' noioso, ma l'dea era buona e attraente.

  • User Icon

    Bookworm

    01/02/2016 11.11.39

    Concordo pienamente con Elena: le descrizioni dei personaggi risultano, a taluni, lente ma sono piene di indizi. È il primo libro che leggo di quest'autrice e, nonostante sia l'ultimo della serie, si può intuire cosa sia successo nei precedenti. Oltre a un'ambientazione alla "Agatha Christie", da elogiare è sicuramente l'introspezione psicologica della protagonista (recentemente costretta su una sedia a rotelle). Magistrale anche il ritratto del medico. Sfortunatamente, l'autrice ha creato troppi personaggi secondari.

  • User Icon

    massimo

    14/12/2015 20.42.57

    Di questo romanzo mi è piaciuta molto solo la parte iniziale, veramente forte, poi l'autrice rallenta molto, fino ad annoiare. I dialoghi e gli accadimenti diventano statici e continuare nella lettura diventa davvero difficile. Molto al di sotto delle aspettative.

  • User Icon

    andabonni

    11/08/2015 15.42.52

    Non male come lettura. Condivido le opinioni di altri utenti circa la lentezza della narrazione e il fatto che si perda spesso in ampie e troppo lunghe descrizioni. Anche se sono un amante di racconti più movimentati, sono d'accordo con la recensione che di questo libro dice essere "un ottimo omaggio al giallo classico". L'autrice si perde in ampie descrizioni e nella narrazione di tratti di vita della protagonista, in una serie di capitoli dove l'indagine sembra non partire mai, e dove anche al lettore sono tenuti nascosti alcuni ragionamenti che l'investigatrice in carrozzella compie per arrivare, alla fine, a individuare il colpevole. Se all'inizio ho trovato difficile continuare la lettura, che non ho tuttavia mai interrotto grazie all'ambientazione, che ho trovato molto particolare e avvincente, nella seconda parte del libro diversi colpi di scena catturano (finalmente) la completa attenzione del lettore, che è lasciato con una scena che consente alla scrittrice di creare un finale "aperto" e misterioso allo stesso tempo.

  • User Icon

    mariapia

    10/08/2015 23.01.41

    ho apprezzato questo libro, soprattutto l'introspezione psicologica della protagonista, e ho amato molto la figura del medico. Non sarà da suspense intensa, ma è un bel giallo! Anne Holt, attendo il prossimo!

  • User Icon

    bruno

    15/07/2015 20.48.46

    Romanzo scritto in modo più che discreto. E qui finiscono le annotazioni di segno positivo. Di segno avverso la souspence (non c'e), lo stimolo al riprendere, di volta in volta, la lettura (tendente a zero), l'effetto sorpresa (idem, cme per il punto precedente)... Insomma, noioso e sconsigliabile per chi non soffra di insonnia!!!

  • User Icon

    Isa

    02/07/2015 06.21.48

    Il finale mi ha lasciato alquanto perplessa, ma forse e' sfuggito qualcosa a me!

  • User Icon

    miciacippa

    21/06/2015 13.00.19

    Lento lento lento, suspence zero. Anche gli omicidi non sono praticamente descritti in maniera coinvolgente. Un libro proprio brutto, sconsigliatissimo!

  • User Icon

    Elena

    05/06/2015 14.33.44

    Le prime pagine risultano un po' lente perché descrivono i vari personaggi e i loro atteggiamenti; sono pagine a cui si fa poca attenzione ma che in realtà servono perché la poliziotta torna ad analizzare proprio questi comportamenti nel corso delle indagini. E' un libro che inizia in sordina ma che poi prende il via e diventa interessante, anche se soprattutto nell'ultima pagina ci sono dei riferimenti ai romanzi precedenti dell'autrice che mi hanno lasciata confusa dato che è il primo che leggo della Holt (colpa mia comunque che non li ho letti in ordine). E' un thriller più psicologico che d'azione, comunque si fa apprezzare e sicuramente leggerò altro di questa scrittrice.

  • User Icon

    Alberto

    11/05/2015 22.02.27

    lento, poco dinamico e a tratti non chiaro; miscuglio di personaggio difficilmente ricordabili e l'intreccio non è fluido; ci sono riferimenti a personaggi e circostanze non abbordabili (forse riferimenti a precedenti pubblicazioni dell'autrice). l'unica nota positiva è che non ha tante pagine.....

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione