I racconti di Odessa

Isaak Babel'

Curatore: R. Platone
Collana: Classici moderni
Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
Pagine: 133 p., Brossura
  • EAN: 9788817054935
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    08/09/2017 09:22:04

    Immersi in una tradizione ferrea, cocciuta, spesso ferocissima, ma avvolta in un suo particolarissimo senso della giustizia, del bene, di espiazioni immediate, ecco una straordinaria corte di racconti nella quale l'ebraismo prorompe in tutte le sue ortodossie. Un universo di personaggi come in bilico fra obbedienze estreme e morali tutte proprie attraversa i vicoli delle pagine disegnando un mosaico di nuvole e sangue, di generosi banchetti e tremende vendette; commercianti, bagarini, mediatori, portuali, tutti uniti fra loro dalla forza di una comunita', dalle strettoie di parentele inscindibili, da storie dove una morale arcaica e terribile fissa un legame al palo di doveri senza discussione e dove la giustizia e' una sola:"Quella giustizia tra virgolette e senza virgolette". Una scrittura che sa subito alzarsi a poesia, immagini e metafore stupende che aprono il cuore in un tenero sorriso: "Il cielo era rosso come una data rossa sul calendario". Oppure:"Sul naso ha gli occhiali, nell'animo l'Autunno". O ancora: "La fodera del borsellino gonfio e' piena di lacrime". Le vicende di Frojim il guercio o del "Re" Benja Grid si stagliano nelle righe come un suono di gesta da mandare a memoria, un solco di ricordi da imprimere a fuoco nella coscienza, traccia profonda di quel mondo radicatissimo dove anche certo male e' pedagogia assoluta. Un mare che deposita stralci di tempo umano e religioso incantato, come sospeso, vivo tuttora e tramandato in abitudini che non conoscono ne' cadute ne' rivali. Perche' e' vero che: "Un pensare semplice e' un pensare senza astuzie". Ma solo perche' l'astuzia e' antica quanto l'uomo. Libro indispensabile, lastra purissima di una cultura eternamente favolosa.

Scrivi una recensione