Categorie

Marco Vichi

Editore: Guanda
Collana: Le Fenici
Anno edizione: 2014
Pagine: 294 p., Brossura
  • EAN: 9788823508941
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Simone

    04/11/2015 00.42.22

    Tradito dall'evidenza di uno scrittore oramai mainstream e con la supponenza di snobbare gli scrittori locali (di terra Toscana), uno poi magari capita che si lascia sfuggire un vero e bravo scrittore. Questi racconti neri, non che volessero fare il verso ad un maestro del noir quale Scerbanenco, seguendo le cui simili aspettative mi ero avvicinato, non decollano infatti in tal senso, non avendo la stessa ruvidezza ed essenzialità ma poi ti catturano, almeno alcuni, uno alla volta ed ognuno in un modo diverso, avvolgendo il lettore in molti casi fino in fondo nell'attesa di qualcosa che si sblocchi o si compia (Mio figlio no) o lasciandoti inesausto con il pugno di mosche del finale aperto (Scala reale) o ancora rendendoti talmente nitidi alcuni fatti di un esperienza storica con tanto di personaggi reali tanto da farti dire insieme all'autore: "ma è avvenuto davvero?" (Puttana). Ho citato fra tutti i racconti quelli che più rimangono, almeno a me e questo è quello che può fare secondo me un bravo scrittore, cioè fare con le parole, quello che può fare uno scultore con sgorbia e scalpello, solidificare e far permanere immagini, storie, emozioni.

  • User Icon

    Mario

    16/04/2014 21.24.31

    Dopo "Il brigante" ho deciso di approfondire questo autore noir. E ho fatto bene. Vichi scrive benissimo e riesce a raccontare narrativamente anche i peggiori episodi di cronaca nera. In alcuni casi imbastisce una suspense degna di Woolrich. I racconti non spiccano tutti (i "peggiori" - comunque sufficienti - sono "Io sono Maria" e "La torre") ma la maggior parte sono ottimi, come "Puttana", "Mio figlio no", "Scala reale", "Quando uno ama". Lo consiglio anche perchè è una delle rarissime antologie noir in cui non c'è quasi traccia del poliziesco (visto che molte volte i due generi vengono confusi).

  • User Icon

    Jany

    05/09/2013 15.08.05

    Assolutamente da leggere. Uno scrittore che riesce veramente a farti provare le sensazioni dei personaggi, con storie realistiche e crude. L'unico difetto, non ho capito con certezza la fine di due racconti e/o vorrei aver voluto scritta la fine della storia.

  • User Icon

    Sergio

    16/06/2013 19.41.28

    Non lo conoscevo, sono contento d'aver colmato la lacuna. Sa scrivere. Sono rimasto molto colpito dal racconto "Puttana", di una tristezza indicibile. Un plauso all'Autore, che ha sacrificato il solito finale consolatorio in nome dell'arte. Un vero pugno nello stomaco.

  • User Icon

    Michele Vaccaro

    11/05/2013 09.17.42

    Il solito, eccellente, Marco Vichi. Che siano romanzi o racconti, la qualità è sempre alta. Consigliatissimo.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione