Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Il racconto dei racconti. Tale of Tales

Il racconto dei racconti

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Il racconto dei racconti
Paese: Francia; Italia
Anno: 2014
Supporto: DVD
Salvato in 55 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

spinner

Disponibilità immediata

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (10 offerte da 7,00 €)

C'era una volta un regno... anzi tre regni vicini e senza tempo, dove vivevano, nei loro castelli, re e regine, principi e principesse. Un re libertino e dissoluto. Una principessa data in sposa ad un orribile orco. Una regina ossessionata dal desiderio di un figlio. Accanto a loro maghi, streghe e terribili mostri, saltimbanchi, cortigiani e vecchie lavandaie sono gli eroi di questa libera interpretazione delle celebri fiabe di Giambattista Basile.
3,78
di 5
Totale 9
5
4
4
3
3
0
2
0
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Virgi

    13/02/2021 15:31:01

    Il fantasy di M. Garrone è splendido per la sceneggiatura, l'interpretazione, la fotografia, i costumi e le acconciature ed i premi ricevuti sono tutti meritati.

  • User Icon

    giuseppe

    17/05/2020 15:01:40

    Un capolavoro sotto tutti i punti di vista che appassiona lo spettatore

  • User Icon

    Laura S.

    19/09/2019 15:02:30

    Bellissimo intreccio di fiabe nate dalla penna di Giambattista Basile, autore de "Il racconto dei racconti", da cui Garrone attinge per creare questo bellissimo film. Tre storie con i personaggi tipici di ogni fiaba: una regina cattiva, un mostro cattivo, una strega, un bel principe. Musiche, costumi e attori stupendi, per un piccolo capolavoro che esula dalle storie edulcorate disneyane, lasciando il finale agrodolce, come tradizione dei Grimm e di Andersen.

  • User Icon

    Valerio

    11/03/2019 15:44:07

    Oltre ad essere un interessante progetto di film fantasy italiano, il Racconto dei Racconti di Garrone è un film visivamente bellissimo: scenari, paesaggi, luoghi (soprattutto i tre castelli) e scenografie sono eccezionali. Le storie di Basile scelte sono qui ben rappresentate e vantano un grande cast internazionale. Il film non ha sempre un ritmo elevato ma è affascinante e coinvolgente e rappresenta secondo me un ottimo risultato per il cinema italiano, che qui si discosta da generi e storie solitamente raccontati.

  • User Icon

    Daniele

    09/05/2018 14:39:49

    Paesaggi italiani e storie che catturano l'attenzione. Giovinezza, bellezza, potere e magia. Un capolavoro!

  • User Icon

    Alberto

    27/01/2017 09:17:58

    Al di là delle storie di Basile scelte dal regista, a mio avviso molto interessanti anche in una interpretazione in chiave contemporanea: Il desidero ossessivo di maternità, di giovinezza etc..., il film è anche un meraviglioso inno al paesaggio italiano. E' a tratti cruento, ma diretto con maestria e alla fine un bel film. Scenografie stupende e accostamenti cromatici studiati in ogni scena. Da rivedere più volte.

  • User Icon

    daric

    19/01/2016 10:52:36

    Inutilmente cruento, questo film non restituisce nulla dell'atmosfera fiabesca e popolare della raccolta di Basile. Molto più suggestivo e genuino il film del 1975 di Francesco Rosi "C'era una volta" con una meravigliosa Sophia Loren. Il grande dispendio di mezzi per i costumi sontuosi, le scenografie, la ricerca di ambientazioni che restuiscono una sensazione di nostalgia vagamente inquietante di un mondo di favola ormai perduto, non bastano però a bilanciare l'incapacità di tenere insieme le tre favole scelte dal regista in una narrazione unitaria. Ma, soprattutto, non equilibrano un sadico indulgere in una drammatizzazione splatter, che non comunica nulla nè dell'antico mondo popolare a cui queste favole fanno riferimento, nè del moderno. Peccato

  • User Icon

    stefano

    17/11/2015 18:38:17

    Come direbbe Fantozzi: "Per me, è una boiata pazzesca"!

  • User Icon

    rosetta

    12/11/2015 16:57:14

    "Lo cunto de li cunti" di Giambattista Basile è all'origine di molte nerrazioni successive e di una parte delle Fiabe italiane di Calvino. In particolare "La gatta Cenerentola" è la celeberrima storia portata sulle scene dalla Compagnia di Canto Popolare, straordinario spettacolo musicale popolare. Vedere sullo schermo questi racconti con protagonisti attori come Cassel o Selma Hayek potrebbe sembrare quasi un'eresia e invece così non è. Alla fine il mix è ottimo e il risultato molto piacevole. Consigliato a chi ama la tradizione, ma rivisitata nella contemporaneità.

Vedi tutte le 9 recensioni cliente
  • Produzione: 01 - Home Entertainment, 2015
  • Distribuzione: Eagle Pictures
  • Durata: 125 min
  • Lingua audio: Italiano (DTS 5.1);Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Inglese; Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Contenuti: dietro le quinte (making of); interviste
  • Salma Hayek Cover

    Propr. S. Valgarma H. Jiménez, attrice messicana. Figlia di un uomo d'affari libanese e di una cantante lirica messicana, dopo gli studi inizia a lavorare nelle telenovela diventando in breve una delle attrici più popolari del suo paese. Nei primi anni '90 parte per Los Angeles ed esordisce sul grande schermo con una parte di sfondo in Mi vida loca (1994) di A. Anders. Il successo arriva però con i film di R. Rodriguez che ne esaltano il fascino bruno e sensuale: dal violento Desperado (1995), seguito di El Mariachi (1992) con A. Banderas, al grottesco Dal tramonto all'alba (1995). Tra le sue successive interpretazioni Mela e Tequila - Una pazza storia d'amore con sorpresa (1997) di A. Tennant, in cui ottiene il suo primo ruolo da protagonista, e Wild Wild West (1999) di B. Sonnenfeld. Nel... Approfondisci
  • Alba Rohrwacher Cover

    "Propr. A. Caterina R., attrice italiana. Di formazione teatrale, dopo un intenso apprendistato tra Firenze e Roma, si diploma nel 2003 al Centro sperimentale di cinematografia e comincia a comparire in piccoli ruoli al cinema (L’amore ritrovato, 2004, di C. Mazzacurati; Melissa P., 2005, di L. Guadagnino). Con la sorella esasperata dai fratelli terribili Accio e Manrico di Mio fratello è figlio unico (2007) di D. Luchetti disegna una figurina di grande vivacità in poche battute, ideale preludio ai personaggi femminili fragili, svagati, un po’ sopra le righe che le vengono affidati in ragione di un aspetto diafano, quasi infantile: ecco allora la figlia sconvolta dal nuovo status economico dei genitori nell’amaro apologo sul precariato di Giorni e nuvole (2007) di S. Soldini e la giovanissima... Approfondisci
Note legali