Le ragazze sono partite - Giacomo Mameli - copertina

Le ragazze sono partite

Giacomo Mameli

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Il Maestrale
Collana: Grandi tascabili
Anno edizione: 2020
In commercio dal: 21 aprile 2020
Pagine: 240 p., Brossura
  • EAN: 9788864292205

€ 14,25

In uscita da: 21 aprile 2020

Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Pietrina, Clelia, Evelina, Maretta, Erminia, Bonaria, Silvana, Carrula, [...] sono solo alcuni dei nomi delle tante protagoniste del libro di Giacomo Mameli, ragazze che emigrano in particolar modo da Perdasdefogu, verso il continente, a Roma e Milano, a partire dal secondo dopoguerra, per fare "le seraccas" (le serve) presso alcune famiglie benestanti. Il testo è costruito in modo corale, è un intreccio di storie di donne nell'arco di più generazioni, che partono e raccontano la loro esperienza migratoria. Un testo polifonico in cui le diverse voci narranti ci fanno entrare in un mondo tutto femminile, fatto di donne giovani, spesso quasi bambine, forti, coraggiose.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Luca Taj

    05/05/2016 14:43:21

    Un libro splendido, uscito un anno fa e scoperto per caso. Non è un romanzo, ma tanti "romanzi", perché trovo riduttivo chiamarli racconti. Sono tante storie di ragazze di Sardegna, nate e cresciute nella zona più povera dell'interno, in un paese che si chiama Perdas de Fogu, che chiunque abbia fatto il militare ricorda ancora con terrore, che andavano a servizio nelle ricche famiglie del Continente. Le chiamavano "Seraccas" tradotto dallo stesso autore con "serve". Non sono d'accordo. La mia traduzione sarà sicuramente sbagliata ma è "eroiche collaboratrici domestiche", Scherzo, naturalmente, ma è un libro commovente, scritto con trasporto e sincera empatia. Struggenti le descrizioni di quelle vite sacrificate per mantenere le famiglie numerose rimaste al paesello e far studiare i figli. Una vera perla scritta da un grande giornalista. Da leggere e rileggere!

Note legali