Categorie

Edith Wharton

Traduttore: M. Biondi
Collana: Varianti
Anno edizione: 2015
Pagine: 270 p. , Brossura
  • EAN: 9788833926223

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    nadia

    12/03/2015 21.59.02

    Ho letto questo romanzo poco dopo aver terminato "La casa della gioia", libro della stessa autrice, e devo dire che le due storie si assomigliano molto, forse troppo. Edith Wharton, in entrambi i romanzi, presenta l'alta società newyorkese del primo Novecento come un ambiente ipocrita, costruito, popolato da esseri umani vergognosamente egocentrici e superficiali. Certo, ci sono le eccezioni... ma non è facile abbandonare un mondo di cui si ha sempre fatto parte, non è facile rinunciare alle comodità e ai lussi in nome della libertà, dell'onestà, della dignità. Non è facile, ma ne vale decisamente la pena: questo il messaggio che la Wharton vuole trasmettere ai suoi lettori. Lo svolgimento dei fatti è sempre piuttosto lento -l'autrice si concentra soprattutto sui pensieri dei suoi personaggi-, ma nel complesso ho trovato quest'ultima lettura meno pesante rispetto a "La casa della gioia"... e poi questa volta l'autrice ci concede il lieto fine, senza comunque rinunciare al realismo.

Scrivi una recensione