La ragione e la passione. Le forme della politica nell'Europa contemporanea

Paolo Pombeni

Editore: Il Mulino
Collana: Saggi
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 22 aprile 2010
Pagine: 715 p., Brossura
  • EAN: 9788815136688
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 22,68
Descrizione
Paolo Pombeni, uno dei massimi e più accreditati studiosi di storia politica oggi in Italia, in questo volume ha inteso sintetizzare il suo ormai lungo lavoro di ricerca centrato sull'evoluzione della politica nell'Ottocento e nel Novecento in Italia e in Europa. Diviso in tre parti, il volume studia dapprima il sistema costituzionale europeo dell'Ottocento, con l'emersione di quell'istituto fondamentale della politica moderna che è il partito; la seconda parte mette a fuoco il caso italiano, analizzandone (sempre nel quadro dei paralleli sviluppi europei) le fasi essenziali: l'impianto, il consolidamento e la crisi del costituzionalismo liberale fra l'Unità e il fascismo, la fase della dittatura mussoliniana, e il nuovo costituzionalismo affermatosi con la ricostruzione. La terza parte infine si misura con alcuni nodi emersi con la crisi contemporanea della politica: il rapporto fra autorità politica e autorità sociale, il populismo, la questione del leader carismatico e la più generale questione della leadership politica.

€ 35,70

€ 42,00

Risparmi € 6,30 (15%)

Venduto e spedito da IBS

36 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Docente di storia comparata dei sistemi politici europei all'Università di Bologna, Paolo Pombeni è autore di numerosi importanti studi sulla politica contemporanea. Fin dalle prime pagine di questo suo cospicuo lavoro, dove confluisce materiale pubblicato dal 1986 in poi, egli inquadra l'attuale come una fase di transizione dai tratti non meglio definiti. Quel che si può individuare costante, nella storia politica occidentale, è la trasformazione della ragione, presente al momento di fondare i partiti, in passione, che li rende punti di riferimento e baricentri di intere esistenze, con tutto ciò che ne consegue. Nell'Ottocento, ad esempio, essendo rivoluzionaria la radice del costituzionalismo, ciò che era legato ai partiti fu dai costituzionalisti criticamente ricondotto a principi di contrapposizione. Proprio all'evolversi del dibattito intorno al rapporto fra partito, consenso, istituzioni, Pombeni dedica il proprio percorso, toccando il modello inglese come quello francese, le concezioni di Bluntschli come quelle di Joseph Chamberlain o Kirchheimer, ma anche le dottrine affermatesi nella pratica politica italiana, dal trasformismo, inteso come pragmatico tentativo di fondare una vasta base liberale in parlamento, al fascismo, che non riuscì né volle delimitare i confini delle proprie istituzioni e dei propri organismi. Nell'ultima parte si affrontano il tema weberiano della leadership carismatica e il populismo, dall'autore accostato all'esigenza riformatrice di un ritorno all'ecclesia dopo la progressiva corruzione degli ideali partitici, e identificato, quindi, come "pilastro e tarlo del costituzionalismo occidentale".
Daniele Rocca