Recensioni Rashomon

Rashomon Toshiro Mifune, Machiko Kyo, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Minoru Chiaki, Kichijiro Ueda, Fumiko Homma, Kigigiro Vedo, Daisuke Kato A & R Productions
€ 9,99
  • User Icon
    13/05/2020 10:47:28

    Film capolavoro del grande Akira Kurosawa con un meraviglioso Toshiro Mifune, consigliato da me che lo rivedo volentieri

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    19/09/2019 11:32:49

    Tratto da due racconti modellati assieme dello scrittore Akutagawa, Rashomon si presenta come una potentissima rappresentazione dell'intangibilità della verità, del dato oggettivo ed inconfutabile, una teatrale messa in scena del "caos" governante, a dispetto di ogni più ferrea convinzione sulla realtà oggettiva. Film fondamentale per diversi aspetti, nobile apripista al cinema orientale (e biglietto da visita per l'Europa di quel gran regista che è stato Kurosawa) nel lontano 51, palma d'oro a Venezia ed Oscar come miglior film straniero.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    24/07/2019 12:16:59

    Un capolavoro del cinema giapponese, apprezzato nel mondo già al tempo della sua uscita. Grande interpretazione di Toshiro Mifune e importante lavoro di regia di Kurosawa. Da rivedere e conservare.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    26/01/2019 22:49:24

    Ci sono uomini capaci di dire la verità oppure mentiamo tutti, perfino a noi stessi? In quello che è forse il più noto film di Kurosawa la risposta sembra essere negativa. I tre personaggi coinvolti nel delitto si dichiarano colpevoli per rendersi migliori agli occhi loro e degli altri; perfino un testimone non dice il vero per non essere coinvolto nella faccenda. Ognuno parla secondo il proprio punto di vista o per egoismo o per vigliaccheria: gli uomini sono così, cattivi ed egoisti, come sostiene un personaggio e solo un prete si dispera per questo? Forse, ma il film è complesso e non giunge a chiarire la situazione. Un barlume di speranza sta solo nel gesto finale del testimone vigliacco, che porta via con sé un bambino abbandonato. A ognuno di noi, sembra dire il regista, spetta scegliere da che parte stare.

    Leggi di più Riduci