Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Re-Composed by Max Richter. Le quattro stagioni (New Edition)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Max Richter
Compositore: Antonio Vivaldi
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Deutsche Grammophon
  • EAN: 0028947927778
Salvato in 18 liste dei desideri

€ 18,45

€ 20,50
(-10%)

Punti Premium: 18

Venduto e spedito da IBS

spinner

Disponibilità immediata

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 18,90 €)

Recomposed by Max Richter è diventato un album di culto, apprezzatissimo dallacritica internazionale e dal pubblico, nonché da alcuni dei più importati esponentidella "nuova musica" come Ludovico Einaudi, che lo ha definito uno degli CD piùbelli e innovativi realizzato negli ultimi anni.
La nuova edizione contiene 5 nuovi brani, ovvero paesaggi sonori composti per le performancedal vivo a supporto del materiale visivo realizzato dal designer danese Dark Matters.
Disco 1
1
Spring 0
2
Spring 1
3
Spring 2
4
Spring 3
5
Summer 1
6
Summer 2
7
Summer 3
8
Autumn 1
9
Autumn 2
10
Autumn 3
11
Winter 1
12
Winter 2
13
Winter 3
14
Shadow 1
15
Shadow 2
16
Shadow 3
17
Shadow 4
18
Shadow 5
4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Gianluigi Chirico

    15/05/2020 12:30:18

    Sarà anche perché in parte riproposta come colonna sonora de "L'amica geniale", e quindi ancora risonante in lontanaza, ma questa rielaborazione di una delle più belle musiche di sempre è assai accattivante e, una volta messa su, ci se ne distacca con difficoltà. Il che testimonia della qualità delle idee e dell'ispirazione del musicista. Una stella in meno del massimo solo perché quello continua ad andare, innegabilmente, al Vivaldi originale.

  • Antonio Vivaldi Cover

    Compositore e violinista.La vita. Suo padre, Giovanni Battista, era violinista della cappella di San Marco; Antonio studiò con lui e forse, per breve tempo, con G. Legrenzi. Ordinato sacerdote nel 1703 (e subito denominato, per la sua capigliatura, «il prete rosso»), fu dispensato dal celebrare la messa per le cattive condizioni di salute. Entrò come insegnante di violino nel conservatorio della Pietà, dove rimase sino al 1740; era questo uno dei quattro istituti veneziani dove, a somiglianza dei conservatori napoletani, trovavano assistenza (per lo più gratuita) orfani, figli illegittimi, malati. V. vi ricoprì di volta in volta, con interruzioni per viaggi, le cariche di maestro di cappella, maestro di coro, maestro dei concerti, dapprima alle dipendenze di F. Gasparini e poi (dal 1713) in... Approfondisci
Note legali
Chiudi