Regime - Peter Gomez,Marco Travaglio - ebook

Regime

Peter Gomez, Marco Travaglio

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Pagine della versione a stampa: XXII-409 p.
  • EAN: 9788858602072
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 6,99

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il libro ricostruisce i più clamorosi casi di censura televisiva degli ultimi due anni. Documenti inediti e interviste ai protagonisti permettono di tratteggiare il quadro dell'informazione giornalistica in Italia, a partire dall'occupazione della RAI da parte degli uomini Mediaset, fino al caso Biagi, "reo" di aver intervistato Montanelli e Roberto Benigni in campagna elettorale. E poi Michele Santoro e la squadra dei giornalisti di "Sciuscià", smembrata e "mobbizzata"; Daniele Luttazzi, Massimo Fini, Sabina Guzzanti ed Enrico Deaglio. E ancora: Paolo Bonolis, Paolo Rossi, Giovanni Minoli e le censure ai TG. Un viaggio nelle verità taciute sull'informazione in TV.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,49
di 5
Totale 146
5
111
4
19
3
4
2
0
1
12
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    giulio pelliccioni

    06/07/2011 05:30:36

    Carissimi italiani, io sono uno di quei cervelli in fuga di cui tanto si parla. Ho il cuore a pezzi a sentire e leggere come certi vampiri hanno spolpato la mia italia. A farmi ritornare a sentirmi italiano c'e' per fortuna Travaglio. Sono per il fatto di esistere e mettere a repentaglio la sua vita (in tutti i sensi) con quello che dice e rivela, per amore della verita',mi fa' sentire orgoglioso di appartenere a QUELLA italia, quella che ama il bello. Aristotele diceva che la bellezza e' verita' e quindi verita' e' bellezza. E quindi vorrei concludere con una frase del grande Gaber; io non mi sento italiano, ma per fortuna o purtroppo lo sono. Buona lettura a tutti.

  • User Icon

    1987

    01/09/2010 19:02:59

    Ben scritto e ben documentato . Gomez e Travaglio sono giornalisti che cercano di riportare le notizie esatte in un mondo ,quello del giornalismo italiano ,dove fanno carriera i servi del potere. Purtroppo i coraggiosi vengono fatti sparire dalla televisione ,come racconta questo libro . In TV attualmente abbiamo 5 canali che fanno disinformazione ( escludendo anno zero) e un canale ,rai3 che fa un pò di informazione ,seppur con molta cautela. Poi abbiamo la7 , che è una via di mezzo tra rai3 e gli altri canali. Non capisco i berlusconiani che commentano libri che non hanno letto ,o che non comprendono . è meglio che commentino i libri di Bruno Vespa che si addice meglio a loro.

  • User Icon

    Stefano Facci

    15/01/2009 08:44:00

    Il solito ottimo lavoro di due giornalisti senza guinzaglio. Il degrado della TV pubblica ben documentato e violentemente spiattellato davanti agli occhi di chi vuol vedere.

  • User Icon

    Mosè

    30/06/2008 11:49:00

    "A parte che ho ancora il vomito per quello che riescono a dire. Non so se son peggio le balle oppure le facce che riescono a fare." Da "Niente Paura" di Luciano Ligabue

  • User Icon

    antonio

    25/05/2007 16:58:13

    Grande Travaglio, grazie per averci fatto spalancare gli occhi davanti a tante ingiustizie e a tantissime cose NON DETTE! Questo libro dovrebbero leggerlo tutti, ragazzini compresi, perchè bisogna essere a conoscenza di certe schifezze che fanno i media! ce ne sono ancora pochi, purtroppo, di scrittori come Travaglio!

  • User Icon

    stefano

    25/04/2007 07:31:08

    Quando ho letto questo libro ( per me tra i piu belli di Travaglio )son rimasto senza parole , non pensavo che al giorno d' oggi si fosse arrivati a questo alla RAI ! Travaglio sarebbe un ottimo ministro delle comunicazioni

  • User Icon

    Pierluigi

    04/04/2007 10:26:26

    Mi spiace dover fare una aggiunta alla precedente recensione. Però mi sono preso la briga di leggere le altre e così vorrei semplicemente dire a chi ha recesito Regime come un libro fazioso, partigiano, di sinistra ecc. ecc. che o non ha letto il libro e se lo è fatto raccontare da Emilio Fido e i suoi amici o che non ci ha capito proprio nulla. Come ho già detto nella recensione principale il libro è bello proprio perchè non fa sconti a nessuno. Infatti Travaglio bastona anche l'Annunziata, Petruccioli e i tanti politici di sinistra che hanno assistito senza muovere un dito alle epurazioni "bulgare". Quanto poi alla solita vecchia storia trita e ritrita che chiunque va al Governo lottizza la Rai sarà pure vera, però nessun Capo del Governo si è mai sognato di farlo in maniera così diretta e pubblica come ha fatto il Cavalier Banana. Volgio ricordare che qui non si sta parlando di giornalistucoli da 4 soldi. Si sta parlando di Enzo Biagi (che insieme a Indro Montanelli ha costituito la storia del giornalismo moderno italiano) e Ferruccio De Bortoli il cui unico torto è stato quello di non pensarla come il Berlusca.

  • User Icon

    Pierluigi

    02/04/2007 08:44:19

    Come al solito: grade Travaglio! Con la sua solita semplicità e schiettezza denuncia il clima da Regime instaurato nel mondo dell'informazione dal solito Cavaliere nel periodo del suo ultimo governo. E poi, sempre come al solito, non fa sconti a nessuno. Per cui le bacchettatte piovono a destra come a sinistra. E questa sua sana obiettività nel giudicare le cose senza preconcetti di partito, lo rende, ai miei occhi, ancora più grande.

  • User Icon

    Luca

    27/11/2006 18:02:29

    Travaglio e Gomez hanno reso un encomiabilissimo servigio a tutti noi che abbiamo subito l'ukase bulgaro reagendo con solenni e sacrosante incazzature. All'inizio. Ma poi siamo stati anestetizzati, narcotizzati dalla demenzialità dei 'pacchi' che Raiuno ci ha incessantemente rifilato nel preserale. Quasi rassegnati. Indispensabile riscoprire la portata antidemocratica del licenziamento in diretta da Sofia. Basta vedere a che posto ci relegava 'Freedom House'...Che vergogna. Il regime mediatico, però, sebbene sia cambiato il governo già da un semestre, non è affatto finito. Sebbene sia tornato Santoro ossigenato e adeguatamente placato. Benché siamo all'"annozero". Nonostante 'Striscia' o 'Le iene' fingano mordacità. Il regime mediatico, in questa miserrima Itaglietta campanilista e lottizzatrice, non finirà mai: ottimismo della volontà e pessimismo della ragione. Siamo gattopardeschi all'inverosimile. E preferiamo la censura di regime alla libertà di espressione. L'art. 21 della Costituzione, per tutti gli itagliani e itaglioti, è più opinabile di un parere personale. Inguaribili, eterni balilla.

  • User Icon

    Otto

    06/11/2006 11:20:56

    Buon libro, interessante e rivelatore. Vengono scoperti altarini gustosi e tristi, e fatta luce sul marcio che c'è dietro la televisione italiana. Da leggersi "da destra a sinistra".

  • User Icon

    Rosalba Fronteddu

    25/03/2006 16:38:26

    Ho letto Regime circa un anno fa, e visto che seguo Marco Travaglio, è un libro che, come tutti gli altri, analizza lucidamente e in maniera oggettiva quello che succede sotto i nostri occhi, tutti i giorni: in RAI, ma non solo, nei giornali di regime, nella testa della gente che non vuole informarsi e sapere. Il mio giudizio è naturalmente alto, anche se, come ha scritto un'altra lettrice, preferirei ci fosse il lieto fine. Sono una studentessa che vorrebbe fare la giornalista in modo serio, e sapere che ancora esistono giornalisti liberi e intellettualmente onesti, è per me una gran notizia! Marco, vai avanti così!

  • User Icon

    gianluca

    21/03/2006 22:18:02

    i molti commenti sono, se non altro, indice che almeno qualche centinaio di lettori italiani esiste. purtroppo la sostanza dei commenti stessi è indicativa, passa dal tifo da stadio alla repulsione. pochi i giudizi equilibrati (Luciano, Piero e qualche altro). mi pare che nessuno nomini la postfazione di Beppe Grillo, che pure è importante. comunque un gran chiacchierare, e mi chiedo come andranno le elezioni, essendo evidentemente utopistico aspettarsi che siano senza proselitismi né fanatismi. il volume è di piacevole lettura, a volte amaro, a volte eccessivo e scade di tono e contenuto. non tutto è TV-radio-giornali, non tutto è Berlusconi, la politica, la vita sono altrove. finché resisteranno l'ipocrisia e il pregiudizio sull'uomo e sul denaro, resteremo al palo a criticare invece di creare, condivideremo i malcelati presupposti dell'attualità invece di lasciare cadere l'enorme sovrastruttura priva di vita che ci sommerge di informazioni e banalità. lettura che comunque rimane buona, da integrare certamente, p.es. con Popper, Cioran, Coomaraswamy, Enzensberger, Pasolini, Eliade, Guénon, Quinzio e chi altro vi pare, ma che stia dalle parti in cui si respira l'aria pulita dello spirito. qualsiasi cosa esso sia. saluti.

  • User Icon

    Luciano Riccardi

    05/03/2006 08:03:58

    Il giovane Isao di Yukio Mishima si chiede se e come è possibile la preservazione della propria purezza nel tentativo di purificare il mondo - ecco pertanto il richiamo dei fiordi norvegesi, la breve estate del Nordland di Hamsun, ciò che vorrei dopo aver letto l'ultima pagina di questo libro - non aver a che fare con tutto questo gioco degradante che banalizza l'esistenza umana. Per il resto, un libro interessante, ben scritto, ironico - unico neo, a mio modo di vedere, la quasi assenza di note; ad esempio, gli autori come sono venuti a conoscenza della conversazione riportata a p. 354?

  • User Icon

    luca

    23/01/2006 12:01:15

    Vi racconto una storiella. C'è un signore settantenne, piccoletto, calvo, che un bel giorno, da Sofia, esprime il suo leggittimo dissenso circa l'utilizzo della televisione pubblica da parte di due giornalisti e un comico. Dico legittimo perchè a) si suppone che il suddetto paghi il canone e b) l'articolo 21 della costituzione garantisce libertà di pensiero e di parola. Il problema è che il protagonista di questa triste storia, non essendo nè il presidente della Rai, nè uno dei membri del CdA, bensì il Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica, non dovrebbe avere alcuna voce in capitolo riguardo alle vicende della Televisione di Stato. Ciònonostante, Biagi Santoro e Luttazzi spariscono dallo schermo, in compagnia di altri, l'Italia naviga attorno al 70mo posto della classifica dei paesi in cui è maggiormnete garantita la libertà d'espressione ( quella dell'art. 21, appunto ) e si qualifica come un paese "parzialmente libero", alle spalle persino di Capo Verde. Travaglio e Gomez raccontano questo, nel loro libro, i casi vergognosi di censura di questi ultimi anni beceri, le maipolazioni cui è sottoposto il TG1 di Mimun e molto altro.

  • User Icon

    Ivan

    09/01/2006 10:36:31

    ATTENZIONE!!!! Questo libro è Contagioso!!! (oltre che fondamentale) Dopo che l'avrete letto: - NON guarderete + il TG1 per lo sdegno....(o almeno lo guarderete con molta + attenzione per ciò che Vi nascondono) - andrete per supermercati a girare su se stessi i libri di Vespa (per nasconderli) perchè noterete che ce ne sono dappertutto (anche in mezzo al pesce!!) mentre NON troverete i libri di Travaglio (se non pochi e ben nascosti)... ATTENZIONE..."ESSI" SONO TRA DI NOI E CI NASCONDONO LA VERITA'.... UN CULT...Grazie Marco Travaglio

  • User Icon

    Barbara

    02/01/2006 11:20:22

    Dovrebbe essere adottato come libro di testo! Grande Marco Travaglio!

  • User Icon

    Dino

    05/12/2005 14:34:24

    Un libro che fa chiarezza su dove viviamo e come veniamo "educati" dal nostro premier. Lettura educativa da consigliare a tutti...destra, sinistra e centro!!!

  • User Icon

    ilaria

    25/11/2005 22:22:15

    lo definirei commovente se ci fosse il lieto fine....apprezzo il suo coraggio e determinazione

  • User Icon

    Rick

    23/11/2005 13:06:54

    Chi vuole davvero conoscere lo stato dell’arte dell’informazione in Italia, deve obbligatoriamente passare per la lettura di questo libro, che getta un faro nelle nebbie in cui Berlusconi ha avvolto il sistema radio-televisivo pubblico. Il maggior pregio di questo lavoro è che aguzza lo spirito di critica del lettore, invitandolo a verificare nella realtà quanto asserito: il risultato è illuminante. Due esempi per tutti: la tecnica del panino nei servizi politici del TG1 (prima si riferisce l’operato del governo, poi le critiche dell’opposizione – spesso solo citate, perciò non sempre riportate a voce – e poi si chiude il sandwich con le controcritiche della maggioranza, cui spetta sempre l’ultimo giudizio, affinché rimanga bene impresso). Ebbene, 4 volte su 4 osservazioni, ho appurato che questo schema è stato rispettato. Secondo esempio: il 21/11 ho messo a confronto il tg1 di mezza sera con il tg3. Il secondo ha riferito il dato del crollo del fatturato delle industrie nel mese di settembre, il primo neanche ne ha accennato: perché guastare la fiaba delle eccezionali performances di questo governo? Ma il quadro più desolante riguarda il sistema dei mass-media in generale: epurazione di giornalisti di fama mondiale (Biagi in testa), imbavagliamento della satira, critiche internazionali alla mancanza di libertà di stampa nel nostro Paese (niente meno che dalla federazione internazionale dei giornalisti, dal rappresentante in Italia dell’Ocse, dalla Commissione Europea, dal Parlamento Europeo e da altre voci autorevoli), con l’elencazione puntuale di decine di casi di censura e di mobbing. Gomez e Travaglio meritano un encomio, perché smontano, con la cronaca dei fatti, le menzogne della propaganda berlusconiana che tenta di infangare la reputazioni di professionisti che si macchiano del più grave reato che un regime possa concepire: raccontare la verità.

  • User Icon

    Carlo

    27/09/2005 11:17:52

    Un ottimo libro. E a distanza di oltre un anno ancora attualissimo.

Vedi tutte le 146 recensioni cliente
  • Peter Gomez Cover

    Peter Gomez, è direttore di ilfattoquotidiano.it e conduce per la tv di “il Fatto” la trasmissione “La Confessione”. Negli ultimi anni ha seguito tutti i principali scandali italiani su mafia, tangenti e corruzione. È autore di moltissimi bestseller, molti dei quali scritti con Marco Travaglio, diversi pubblicati da Chiarelettere: Mani pulite, Mani sporche (con Gianni Barbacetto e Marco Travaglio), Se li conosci li eviti (con Marco Travaglio), Bavaglio (con Marco Lillo e Marco Travaglio), Papi (con Marco Lillo e Marco Travaglio), Il regalo di Berlusconi (con Antonella Mascali). Approfondisci
  • Marco Travaglio Cover

    Dopo la maturità classica al liceo salesiano Valsalice di Torino, si laurea in Storia contemporanea cominciando l'attività giornalistica con testate di area cattolica. Nel 1988 inizia la sua collaborazione con il «Giornale» di Indro Montanelli che seguì, con altri 50 redattori, nel 1994 quando fondò «La Voce». In seguito alla chiusura del quotidiano ha collaborato con molte altre importanti testate e ha tenuto una rubrica fissa su «l'Unità» e su «Repubblica», grazie alle quali nel 2007 ha vinto il Premio Satira di Forte dei Marmi. Collabora con numerosi blog ed è autore di saggi di grande successo e di spettacoli teatrali d'argomento politico.Ha pubblicato molti libri, tra i quali ricordiamo: La Scomparsa... Approfondisci
Note legali