La regina degli scacchi

Walter Tevis

Traduttore: A. Cecchi
Editore: BEAT
Collana: BEAT
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 322 p., Brossura
  • EAN: 9788865591987
Disponibile anche in altri formati:

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    nanni

    03/10/2016 17:23:36

    Un libro molto bello, semplice ma appassionante. La protagonista soffre di alcuni vizi che la rendono umana, laddove invece è dotata di capacità incredibili. Un libro veramente consigliabile

  • User Icon

    valerioboing

    30/01/2015 21:53:34

    Libro comprato per caso, che pero' si e' rivelato essere un piccolo capolavoro. Struggente e allo stesso tempo di facile lettura. Lo consiglio.

  • User Icon

    mariacristina

    11/10/2014 15:31:03

    splendido, commovente e appassionante. Non conosco nemmeno una regola degli scacchi ma questo libro e le sue lunghe descrizioni delle partite mi hanno letteralmente stregato. E' il secondo libro di Tevis che leggo (dopo l'uomo che cadde sulla terra) e si conferma essere un autore eccezionale, ancora troppo poco conosciuto.

  • User Icon

    Carol

    05/08/2014 09:17:30

    Molto bello e intrigante. Nonostante non sia un'appassionata di scacchi e non ne conosca bene regole e mosse, non mi sono mai annoiata nelle lunghe descrizioni delle partite e sono anche riuscita a figurarmele sulla scacchiera, a riprova della capacità narrativa dell'autore che riesce a coinvolgere il lettore in maniera costante per tutta la durata del libro. Molto buona anche la descrizione degli stati d'animo della protagonista e la caratterizzazione degli altri personaggi di contorno.

  • User Icon

    Alessandro

    11/06/2009 22:41:54

    Come romanzo fine a se stesso non è affatto male, ben scritto, scorrevole con una trama interessante, da appassionato di scacchi però devo rilevare una certa superficialità nella descrizione delle partite e quel mondo scacchistico così inventato ad incominciare dai nomi dei giocatori rende il tutto un pochino "finto"

  • User Icon

    alessandro

    03/02/2009 08:05:38

    Gran bel libro! Trama avvincente e ottimo finale. Scritto in maniera molto piacevole e mai noiosa. Non so perchè ma la protagonista mi ha ricordato un po' il John Nash di "A beautiful mind". Adattato sarebbe perfetto come sceneggiatura di un film (cosa peraltro già accaduta ad altri romanzi di Tevis come "Lo spaccone" e "L'uomo che cadde sulla Terra"). Lo consiglio.

  • User Icon

    davide

    17/05/2008 12:25:45

    Bellissimo. una grande storia e una grande lezione di vita: un episodio su tutti: quello in cui la protagonista dice al piccolo prodigio russo:"ma se diventi campione del mondo a 12 anni, che cosa ti resterà da fare nel resto della tua vita?" Attendo speranzoso la ripubblicazione degli altri romanzi di Tevis.

  • User Icon

    manuela

    16/01/2008 18:31:34

    Una sola parola: stupendo!!! Un libro troppo bello per non essere letto, mi ha fatto emozionare dalla prima all'ultima pagina... Tevis è un grande!!!

  • User Icon

    vittorio caffè

    27/11/2007 20:32:55

    Devo dire la verità? All'inizio mi dicevo, ecco la solita operazione di minimum, prendono qualche scrittore dimenticato che i diritti costano poco e la traduzione già è fatta, e ce lo presentano come il capolavoro trascurato... E invece no. E' un bel romanzo, che non solo ha tiro e coinvolge, ma è molto più profondo di quel che sembra. Il fatto è che gli scacchi sono la vita con le sue lotte, l'arte con le sue prove, la politica con le sue strategie. La ragazza va a giocare in Russia contro i russi: è solo questione di scacchi? O non piuttosto politica? Guerra fredda? Superpotenze che non possono prendersi a bombe atomiche e si confrontano simbolicamente (basti pensare a cos'era lo sport in quegli anni, con l'eterna gara alle Olimpiadi a chi prendeva più medaglie...). Insomma, è un piatto ricco, e vi raccomando di ficcarvici...

  • User Icon

    Mauro

    05/09/2007 12:05:42

    E' una storia che scorre lieve, una storia piena di sofferenze e riscatti morali, vicissitudini personali e schermaglie psicologico-scacchistiche che nulla hanno da invidiare a quanto ho letto sul genere: da Zweig a Nabokov, da Pontiggia a Maurensig. E' una storia che coinvolge e trascina come la cieca determinazione della piccola protagonista. Una storia che non ha il merito di approdare a lidi diversi dall'aspettative iniziali, non si dipana come una partita di scacchi ignota e non ci sono colpi di scena né sorprese come quelle vere che ritrovi sulle riviste specializzate. Ha in comune con queste, se si può azzardare il parallelo, solo il"lieto fine" contrassegnato a priori dal risultato di solito evidenziato a fianco dei contendenti. Ma non è scontata e incalza e rapisce sottraendo piacevolmente ore di sonno. Una storia dove l'autore e l'io narrante si astengono sapientemente dal manifestarsi. Ma ci sono eccome! E' il primo libro che leggo Tevis Walter. Non sarà l'ultimo. L'immediata sensazione è di non avere tra le mani un libro di "alta letteratura". Non ci si trovano massime di vita, o estetismi linguistici di cui godere e le tematiche sono abbozzate e scarne se si eccettuano quelle essenziali alla vicenda e al genere: gli scacchi e il contrastato cammino verso la vittoria che richiamano tanto cinema anni ottanta visto e rivisto in tutte le sue varianti; non ci si sofferma su di una pagina perché non c'è di che godere, dicevo, e perché il richiamo della successiva è grande. C'è un angolo visuale che proietta il lettore nella vicenda e lo incatena fino alle ultime pagine. Quando lo si è letto quella vicenda non sfuma come un romanzetto di serie B. Le sue impronte restano impresse e la tensione emotiva resta a lungo e ci si interroga su cosa, in realtà, sia l'alta letteratura. Questo, per me, è già tanto, forse il massimo che posso chiedere a un libro.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione