La regina Margherita - Carlo Casalegno - copertina

La regina Margherita

Carlo Casalegno

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Il Mulino
Anno edizione: 2001
In commercio dal: 9 novembre 2001
Pagine: 233 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788815083555
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 8,36

€ 15,49
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Margherita (20 novembre 1851 - 4 gennaio 1926), cugina prima di Umberto di Savoia che divenne suo marito nel 1868, fu regina d'Italia dal 1878 al 1900. In una corte severa e poco dedita alla mondanità e alla cultura, Margherita diede un'impronta più raffinata e intellettuale, e in un'Italia costituita di fresco e bisognosa di simboli unificanti contribuì in maniera determinante al radicamento della casa regnante. Questo volume, pubblicato nel 1956 e da tempo fuori commercio, propone la biografia di una sovrana che fu una delle figure di maggior spicco dell'Italia postunitaria, e certo l'esponente più amato e popolare di casa Savoia. Casalegno segue attentamente le fasi della vita di Margherita, mettendo in luce l'influsso che (con i suoi comportamenti non meno che con la sua leggenda) essa esercitò sulla vita pubblica del tempo.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Regina d'Italia dal 1878 al 1900 in quanto sposa del cugino Umberto I, Margherita di Savoia, come ben evidenziava in queste pagine Carlo Casalegno (il giornalista che sarebbe poi stato assassinato dalle Brigate rosse), si distinse nella storia della monarchia sabauda per caratteristiche quali la straordinaria presa sulle masse popolari, l'interesse per la cultura, la passione per la beneficenza. Senza contare che, come rileva Vittorio Mazzonis nell'introduzione, essa incarnò agli occhi dei più una sorta di "eterno femminino regale". Il sardo Gavinu Graba scriveva, in proposito, che la sovrana "hat superadu / Sas unicas bellesas de Levante". Discendente dei duchi di Genova, Margherita fece politica con i salotti più che con i colloqui ufficiali, e il suo maggior motivo di vanto fu forse l'aver conquistato, lei severamente antirepubblicana e cattolica, il repubblicano e anticlericale Giosue Carducci, che non esitò a dedicarle anche alcune poesie. Sui suoi atteggiamenti vengono qui offerte chiose acute, come quando la si ascrive al classico "paternalismo assolutistico" o se ne ridimensiona il mito di "regina infermiera", ricordando che quelle fatte ai feriti di guerra furono semplici visite di cortesia: del resto, Margherita era "irrimediabilmente conservatrice", e, se fra il 1893 e il 1898 auspicò una repressione delle proteste popolari attraverso un periodo "tutto tinto di color di sangue" (espressione che si trova in una sua lettera), più avanti ebbe ad ammirare nel Duce il salvatore della nazione. È anche grazie a notazioni di questo genere che il libro di Casalegno, di grande eleganza e leggibilità, riesce a delineare con equilibrio ed efficacia il ritratto d'una regina tra le più celebri e dell'ingenua venerazione popolare per il suo mito.

Daniele Rocca

Note legali