Relazione intima (DVD)

The Ski Bum

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: The Ski Bum
Regia: Bruce Clark
Paese: Stati Uniti
Anno: 1975
Supporto: DVD
Vietato ai minori di 14 anni
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 9,99 €)

In una località montana degli Stati Uniti, denominata New Day, per merito dell'anziano Edward Hughes che l'ha fondato, esiste un centro di sport invernali. La gestione, di carattere familiare, è stata via via condotta dagli stessi maestri di sci, ora capeggiati dal giovane campione Johnny. Questi, amante di Samantha che è maritata al sempre lontano Otto, ne subisce gli influssi. Un giorno con la scoperta intenzione di comperare la maggioranza delle azioni e di trasformare la stazione in un banale centro turistico a scapito del paesaggio e della serietà delle discipline sportive, giunge sul posto un capitalista senza scrupoli: Burt Stone.
  • Produzione: Dynit Minerva, 2018
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 88 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital Stereo)
  • Lingua sottotitoli: No
  • Formato Schermo: 16:9
  • Area2
  • Charlotte Rampling Cover

    Charlotte Rampling è nata a Sturmer nel 1946. Dopo gli inizi come modella ha intrapreso la carriera di attrice cinematografica. Ha esordito sul grande schermo negli anni Sessanta e continua a essere un’attrice di riferimento per il cinema contemporaneo. Cara a numerosi registi italiani, le sue interpretazioni in Portiere di notte (Liliana Cavani, 1973) e La caduta degli dei (Luchino Visconti, 1969) rimangono indimenticabili. Il suo libro, Io, Charlotte Rampling, è edito in Italia da 66th and 2nd (2016). Approfondisci
  • Zalman King Cover

    Nome d'arte di Z. Lefkovitz, regista e sceneggiatore statunitense. Già attore in ruoli secondari, è tra gli sceneggiatori del celeberrimo Nove settimane e mezzo (1986) di A. Lyne. Il torrido erotismo del film, oltre che una formidabile intuizione merceologica, diventa per lui un'autentica ossessione: tutti i suoi film da regista e da produttore sono infatti una rielaborazione, con minime varianti, di quella formula. Che si svolgano in scenari esotici (Orchidea selvaggia, 1990) o in epoche suggestive (Il delta di Venere, 1995), restano comunque illustrazioni patinate ai limiti del soft-core, in cui anche le presunte provocazioni (l'amore a tre, l'attrazione omosessuale femminile) si stemperano in un voyeurismo pruriginoso. Approfondisci
Note legali