La religione del cuore

Ferdinando Tartaglia

Editore: Adelphi
Anno edizione: 2008
Pagine: 159 p., Brossura
  • EAN: 9788845922718
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 6,48
Descrizione
Prima di proclamare con la sua arroventata eloquenza - nella Firenze del 1945 - l'urgenza di una "tramutazione pura" dell'uomo, del reale, di Dio" (Giulio Cattaneo) e di proporre un Movimento di Religione teso a una incommensurabile novità, e destinato a dileguarsi come un miraggio, Tartaglia pubblicò alcuni saggi su figure fondamentali del pensiero cristiano quali Pascal, Malebranche e Newman, nonché su un controverso contemporaneo, Gabriel Marcel. "Dissolvendosi il vecchio atto religioso, anche i tradizionali contenuti religiosi verranno a trovarsi cambiati. La realtà di Dio viene rapidamente portata al massimo della sua liberazione, viene trascesa in una realtà diversa oltre Dio e non Dio": bastano queste parole, pronunciate a Ferrara in occasione dell'ultimo convegno del Movimento, per comprendere la radicalità dell'azzardo di Tartaglia. Il suo presupposto, come dimostrano questi saggi, era una profonda conoscenza della tradizione cristiana, in tutte le sue diramazioni.

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 12,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    alida airaghi

    28/09/2012 16:06:32

    Quattro brevi saggi su altrettante figure fondamentali del pensiero spirituale dell'Occidente, delineati con l' ardore profetico e dissacrante, le immagini violente e l'indignazione caustica e derisoria che caratterizzavano lo stile di scrittura libero e appassionato di questo prete visionario e rivoluzionario, poeta pazzo di Dio, polemista coraggioso e profondo conoscitore delle Scritture e di ogni teologia: Ferdinando Tartaglia, scomunicato "vitando" nel 1946 per aver difeso Ernesto Buonaiuti, e perdonato dalla Chiesa solo sul letto di morte. Nel primo saggio dedicato a Blaise Pascal e alle sue "Provinciali", Tartaglia non teme di scontrarsi con tutta una ricca tradizione agiografica cattolica, se afferma: "Io non trovo il mio Dio in Pascal", che viene da lui accusato di scarsa carità, rigorismo farisaico, tiepidezza ideologica ed eccesso di ironia. Ma terribilmente accese sono poi le sue accuse contro l' Ordine dei Gesuiti, "né liberi né redenti...menti inchiavardate...gregari ciechi e obbedienti... Il Vangelo è libertà voi siete asservimento, il Vangelo è servizio voi siete impadronimento, il Vangelo è amore voi siete prudenza e tenace non-perdonanza, il Vangelo è superiore impotenza voi siete conato alla violenza, il Vangelo è miracolo voi siete assenza". Gli altri tre interventi del volume meritoriamente proposto da Adelphi sono dedicati a Malebranche, Newman, Gabriel Marcel. Riguardo a quest'ultimo, esponente dell'esistenzialismo cattolico francese tra le due guerre, convertitosi nel 1929, Tartaglia rinnova un suo severo e acuto giudizio di disapprovazione filosofica, accusandolo di un "esangue teologizzare impressionistico", di un "moto d'anima quasi tortuoso e svagato" e di una "segreta concessione al decadentismo" che lo avvicina pericolosamente a un irrazionalismo intuizionista "conservatore, a servizio dell'ordine costituito."

Scrivi una recensione