Traduttore: M. Antonielli
Editore: Adelphi
Collana: Gli Adelphi
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
In commercio dal: 27 ottobre 2016
Pagine: 388 p., Brossura
  • EAN: 9788845931277
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 6,48
Descrizione
«Quando uscì in Inghilterra, nel 1956, il romanzo piacque a Evelyn Waugh. Non c’è da stupirsene. Due case tedesche alla fine dell’Ottocento, nelle quali quasi tutti credevano di dover parlare solo in francese. Una famiglia di ebrei ricchissimi, i Merz, nell’immensa villa guglielmina di Berlino. E una famiglia terribilmente e formalmente cattolica nella casa di campagna, al sud, con un capostipite bizzarro e distratto e tre rampolli inaffidabili. Poi i vicini di tenuta, con il conte Bernin, assai implicato nelle Cancellerie e negli affari di Stato. E ancora: dame frivolissime e dame austere; viaggi; soggiorni a Parigi, in Costa Azzurra e in Spagna ... Oggi, Il retaggio ci sembra un romanzo divertentissimo: una sorta di calco al negativo dei Buddenbrook; la rifinitura aerea e frivola di un’epoca inamidata e per certi versi plumbea. Con cambi di prospettiva vertiginosi e dialoghi magnifici come nella realtà, e come non si leggevano da tempo, amministrati dalla penna agilissima, capricciosa, di una signora ignara forse di avere come compagno di strada, più o meno in quegli anni, Vladimir Nabokov, proprio a Berlino». - GIORGIO MONTEFOSCHI

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Libetta

    03/10/2004 17:08:01

    Saga familiare, le conversazioni i momenti migliori del romanzo oltre a principale filo conduttore, affascinanti quelle durante gli interminabili pasti con i commensali a decidere le sorti degli assenti. Ambientato nella Germania tra fine '800 ed inizio secolo, anche con punte d'invenzione come sinceramente dichiara l'autrice nella prefazione (tra le poche che davvero si possano leggere prima del libro), il dipinto ironico ed itinerante, anche tra le lingue usate, di un periodo storico con le castrazioni dell'epoca in materia di religione, di necessita' politiche e militari e l'avidita' di sempre maggior denaro per farvi fronte o superarne la noia. Struggimento per Johannes.

Scrivi una recensione