Revolution and other essays

Revolution and other essays

Jack London

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Narcissus.me
Formato: EPUB
Testo in en
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,85 MB
  • EAN: 9786050410600
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 1,99

Punti Premium: 2

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

I received a letter the other day. It was from a man in Arizona. It began, “Dear Comrade.” It ended, “Yours for the Revolution.” I replied to the letter, and my letter began, “Dear Comrade.” It ended, “Yours for the Revolution.” In the United States there are 400,000 men, of men and women nearly 1,000,000, who begin their letters “Dear Comrade,” and end them “Yours for the Revolution.” In Germany there are 3,000,000 men who begin their letters “Dear Comrade” and end them “Yours for the Revolution”; in France, 1,000,000 men; in Austria, 800,000 men; in Belgium, 300,000 men; in Italy, 250,000 men; in England, 100,000 men; in Switzerland, 100,000 men; in Denmark, 55,000 men; in Sweden, 50,000 men; in Holland, 40,000 men; in Spain, 30,000 men—comrades all, and revolutionists.
These are numbers which dwarf the grand armies of Napoleon and Xerxes. But they are numbers not of conquest and maintenance of the established order, but of conquest and revolution. They compose, when the roll is called, an army of 7,000,000 men, who, in accordance with the conditions of to-day, are fighting with all their might for the conquest of the wealth of the world and for the complete overthrow of existing society.
  • Jack London Cover

    Pseudonimo di John Griffith London, scrittore statunitense. La sua figura è una delle più singolari e romanzesche della letteratura americana: figlio illegittimo di un astrologo, cresciuto dalla madre e dal suo secondo marito John London, abbandona la scuola a 13 anni e diventa rapidamente adulto tra Oakland e San Francisco con ladri e contrabbandieri, praticando vari mestieri non sempre legali tra cui strillone di giornali, pescatore clandestino, cacciatore di foche, operaio, lavandaio, venditore porta a porta, avventuriero alla ricerca dell'oro in Klondike. Nel 1897, infatti, Jack London lasciò San Francisco per l'Alaska sulla scia della febbre dell'oro scoppiata in quegli anni. Tra mille peripezie raggiunse il Klondike, e proseguì al di là delle montagne,... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali