Richard III-Riccardo III

William Shakespeare

Traduttore: P. Valduga
Curatore: P. Bertinetti
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2002
Formato: Tascabile
In commercio dal: 7 maggio 2002
Pagine: XLIII-361 p.
  • EAN: 9788806159719
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Il gobbo, sciancato, Riccardo, Duca di Gloucester, per ottenere la corona è disposto a tutto. A perfide macchinazioni, misfatti e persino a uccidere il proprio fratello. Ma una volta conquistato, il potere va mantenuto, e ai primi crimini se ne devono sommare altri. Finché proprio chi li ha compiuti non ne diventa la vittima. In edizione bilingue il capolavoro del Bardo, dove campeggia in scena la possente figura dell'eroe negativo che con cruda malvagità guida il proprio destino e quello degli altri verso un abisso di orrore.

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Euge

    09/01/2007 12:44:23

    l'ho mollato dopo una decina di pagine perchè troppo noioso, poi il suo linguaggio è troppo obsoleto, pomposo, arzigolato (attenzione: non difficile), stancante; amleto e macbeth sono molto più ''accessibili'', assimilabili. quelli sì, sn capolavori.

  • User Icon

    Marco

    14/09/2004 11:09:35

    A mio modesto avviso la più ben riuscita opera di Shakespeare. Si narra della macchinazioni di un Duca per arrivare a essere il Re d'Inghilterra. Farà uccidere tutti i parenti. La parte più interessante dell'opera sta nelle prime due pagine nel monologo di Riccardo che con disprezzo ma anche con profondo dolore odia la Natura che l'ha reso così brutto, goffo e orripilante agli occhi degli altri. Dunque egli è un uomo cattivo ma allo stesso tempo che suscita anche una comprensione infinita. Per chi non lo sapesse questa è l'opera che termina con la celeberrima frase del protagonista che essendo storpio e quindi vulnerabilissimo a piedi, nel momento in cui viene disarcionato e vorrebbe scappare grida "un cavallo, il mio regno per un cavallo!"

Scrivi una recensione