Il ritorno di Lazzaro

Jean Cayrol

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Curatore: M. Dotti
Editore: Medusa Edizioni
Collana: Le porte regali
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 21 febbraio 2008
Pagine: 88 p.
  • EAN: 9788876981241
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 9,35

€ 11,00
(-15%)

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Il ritorno di Lazzaro

Jean Cayrol

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Il ritorno di Lazzaro

Jean Cayrol

€ 11,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Il ritorno di Lazzaro

Jean Cayrol

€ 11,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nonostante gli sforzi per mascherare la sua origine e il suo accento, nel giovane Jean Cayrol François Mauriac riconosceva i tratti lievi e la non comune dolcezza tipici della provincia di Bordeaux. Nato nel 1911, poeta di belle speranze, allo scoppio della Seconda guerra mondiale Cayrol si impegnò attivamente nella rete della resistenza antinazista. Arrestato e deportato a Mauthausen, "tanta dolcezza e tanta capacità di sognare non gli servirono più a nulla, perché ormai era giunto", scriveva ancora Mauriac, "il tempo degli assassini". Le notti e le nebbie di Bordeaux annunciarono a Jean Cayrol "un'altra notte, un'altra nebbia da cui soltanto per un miracolo è riuscito a tornare, con quel canto tragico sulle labbra e tutti i corpi crocifissi dei suoi compagni che non finirà mai di portare su di sé, corpi che per lui, ormai, sono appesi sulla medesima croce". Nel 1945, dopo tre anni di detenzione nel campo di Mauthausen, Cayrol scriverà alcune pagine memorabili di quella "letteratura del ritorno" che, nella sua riflessione, prenderà il nome di "lazzariana".
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Cristiano Cant

    05/02/2018 10:26:40

    L'inumano può avere voce? L'inverosimile può colare dalle stimmate dell'estremo e farsi lento tremito d'inchiostro, ferita affidata a un letto di versi e di prose? Lazzaro (l'eco del personaggio evangelico è chiara) torna alla vita dopo tre anni a Mauthausen, e ci prova "attraversando quella sventura che lo ha reso straniero", quella spaventosa indigenza sensibile di fronte alla quale ogni alfa e omega del senso sono annientate, impermeabili ad ogni soglia di ragione, ad ogni luce di coscienza. Dove si torna, in quale luogo, dopo esser stati lì, al centro della glaciale malvagità umana? Leggiamo: "L'eroe lazzariano non è mai dove si trova. . Deve compiere un immenso lavoro di riflessione, pensare che si trova là e non altrove, che ha vissuto in un mondo che non si trovava da nessuna parte e le cui frontiere non sono segnate, perché son quelle della morte. Diffida sempre del posto in cui è appena arrivato". L'insofferenza ormai onnipresente, lo squarcio sui broccati dell'anima che suona d'irrimediabile; forse la parola, un grumo umilissimo e stentato di parola può violentare l'inaudito e porsi all'ascolto, in quella faticosa possibilità di sognare una testimonianza che è anzitutto il canto di chi vuol essere amato, ritrovato a un margine di presa con la bontà e il miracolo delle cose: "Pensiamo agli dei che non hanno trovato/ che un po' di lacrima sulla guancia/ all'eternità dei corrucci/ al nuovo sangue rosso sfatto". Siamo in buona sostanza nel cuore di un diario la cui cifra morale è una gemma d'assoluto. Il grido e il gesto di una letteratura, come la definisce lo stesso Cayrol, "della misericordia, una letteratura che salvi l'uomo". Pagine sconvolgenti, un dolore presente e sempre aperto, perché "la speranza chiede uomini riconciliati, uomini che non risistemano i bagagli ogni giorno per preparare una nuova fuga". Le spine della memoria qui rendono dono di fioritura ogni pensiero calpestato dal male. La vittima vera sa diffondere luce.

Autore di una trentina di volumi, Jean Cayrol (1911-2005) è più noto in Italia per aver scritto la sceneggiatura di due film di Alain Resnais – Nuit et brouillard (1956) e Muriel (1964) – che per la sua opera di poeta, narratore e saggista. Due suoi romanzi sono stati tradotti da noi: nel 1963 I corpi estranei da Lerici, nel 1970 Mezzogiorno mezzanotte da Rizzoli. Da allora, nulla. Con il gennaio 2008 abbiamo però assistito a un'inversione di tendenza: il Centro studi italo-francesi dell'Università di Roma Tre ha dedicato a Cayrol un colloquio internazionale proprio mentre arrivava in libreria il saggio Il ritorno di Lazzaro. C'è da sperare che sia l'inizio di una riscoperta destinata a toccare un pubblico sempre più ampio.
Quando viene deportato a Mauthausen come resistente, Cayrol ha già pubblicato qualche testo poetico. Nell'inferno del campo, è forse proprio la poesia a tenerlo aggrappato alla vita: i versi che traccia di notte su pacchetti di sigarette e altri supporti di fortuna, sostenuto dall'affetto di un compagno di prigionia d'eccezione, il carmelitano padre Jacques (al secolo Lucien Bunel, poi ispiratore del film di Louis Malle Au revoir les enfants), internato per aver nascosto in un collegio cattolico della provincia francese tre studenti ebrei e destinato a morire, in seguito alle privazioni e ai maltrattamenti subiti durante la prigionia, il 2 giugno 1945. A differenza di padre Jacques e di tanti altri compagni di sofferenze, Cayrol sopravviverà ai tre anni trascorsi a Mauthausen: vivrà ancora molto a lungo, scoprirà, in qualità di direttore delle Éditions du Seuil, romanzieri importanti, come Robbe-Grillet, scriverà molto, in versi e in prosa. Ma tutto quello che scriverà porterà impressa una traccia dell'indicibile che ha attraversato. Roland Barthes dirà che tutti i romanzi di Cayrol potrebbero intitolarsi Ricordi di un malato di amnesia: l'apparente regolarità del racconto dissimula un vuoto, una voragine di oblio che non si lascia localizzare con precisione, ma divora l'esistenza, la cancella progressivamente. Innominabile, l'orrore concentrazionario prosegue la propria opera di distruzione nell'universo di apparente normalità che gli succede: "Nel mondo di Cayrol – scrive ancora Barthes – non c'è nulla di rovinato, gli oggetti funzionano, ma tutto è diseredato, come quella camera de I corpi estranei che un giorno il narratore scopre nella propria casa, dietro la carta da parati che ricopre i muri, e nella quale gli oggetti del passato (forse perfino un cadavere) restano immobili, dimenticati, incantati senza incanto, a rabbrividire nel vento 'pungente' che soffia dal camino".
Nel Ritorno di Lazzaro Cayrol espone proprio la poetica e l'etica di questa sua scrittura di un reale diseredato. Una poetica che rifiuta ogni consolazione, tranne quella della speranza cristiana in un'umanità "infinitamente riconciliata". "Perché – scrive Cayrol nel 1950, ma la sua voce suona per noi vicinissima – è facile costruire un mondo dove anche la bomba atomica sembrerà come la Colomba, ma sta a noi difendere la speranza non con le armi in pugno, ma dentro di noi, nel punto in cui è più minacciata, affinché ogni nostro gesto e ogni nostro pensiero sia causa di una speranza". Mariolina Bertini
  • Jean Cayrol Cover

    (Bordeaux 1911-2005) scrittore francese. Partecipò attivamente alla resistenza e fu deportato a Mauthausen. Ha pubblicato volumi di versi (I fenomeni celesti, Les phénomènes célestes, 1939, nt; Poemi della notte e della nebbia, Poèmes de la nuit et du brouillard, 1945, nt; la trilogia Vivrò l’amore degli altri, Je vivrai l’amour des autres, 1947, nt) e romanzi (Il vento della memoria, Le vent de la mémoire, 1952, nt; Mezzogiorno-mezzanotte, Midi-minuit, 1966; Lo sento ancora, Je l’entends encore, 1968, nt). C. ha conosciuto una crescente notorietà a partire dal 1950, grazie anche alla sua attività di sceneggiatore cinematografico (collaborò tra l’altro a Notte e nebbia e a Muriel di A. Resnais). Alla sua ultima produzione appartengono i tre volumi di Poesia-diario (Poésie-journal, 1969-80,... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali