Rock Bottom

Artisti: Robert Wyatt
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Self
Data di pubblicazione: 1 marzo 2017
  • EAN: 5034202204022
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,90

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alex Lugli

    15/12/2009 16:23:31

    Robert Wyatt (pseudonimo di Robert Ellidge) è un musicista inglese; membro fondatore dei Soft Machine (uno dei gruppi più importanti del Progressive Rock, solitamente classificato, almeno in relazione ai primi album, all'interno del sottogenere noto come "scena di Canterbury"), di cui è stato batterista, voce solista, talora esecutore di parti di tastiera, e compositore; ha partecipato ai primi quattro album della Band, lasciandola nell'Agosto del 1971. Successivamente ha fondato i Matching Mole (altra band della scena di Canterbury), incidendo due album sempre nella veste di batterista e cantante. "Rock Bottom" (pubblicato dalla Virgin Records nel 1974 e con, nelle vesti di produttore, Nick Mason dei Pink Floyd) è il secondo album solista del cantante Progressive britannico Robert Wyatt. Si tratta di un'opera estremamente anticonvenzionale, difficilmente classificabile (sebbene evidentemente Progressive in senso ampio), che viene considerata uno dei suoi capolavori assoluti. Brani fondamentali come l'iniziale "Sea Song", passando per perle musicali come "A Last Straw", "Little Red Riding Hood Hit The Road", "Alifib", "Alife " e la conclusiva "Little Red Robin Hood Hit The Road", mettono in evidenza tutto il grande talento compositivo dell'artista, grazie a picchi emozionali musicali di caratura sublime ed eccelsa. In conclusione siamo di fronte ad un disco dall'inestimabile valore artistico, di una bellezza unica e genuina; un artista che con la sua grande musica ha emozionato ed incantato gli ascoltatori più attenti ed accorti, ricettivi verso la pregevole musica di qualità dal grande spessore compositivo/esecutivo.

  • User Icon

    andrea

    25/03/2009 20:28:54

    Una pietra miliare nella musica d'autore. Basta da sola "sea song" per far venire i brividi e sognare ad occhi aperti. Fondamentale.

Scrivi una recensione