Categorie

Piersandro Pallavicini

Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori
Anno edizione: 2012
Pagine: 267 p. , Brossura
  • EAN: 9788807018824
"Non riesco più ad ammirare qualcosa di bello senza pensare che lo perderò", riflette il narratore settantaduenne di Romanzo per signora, a poche pagine dall'inizio. In un certo senso, il succo del libro è tutto qui: ma è molto, molto più profondo di quanto sembra. Sbaglierebbe il lettore a pensarlo come un acquerello sulla giovinezza perduta o un libro intriso di nostalgia quasi postuma. L'esatto contrario: Romanzo per signora è un carico di vitalità mai arresa. La storia: due coppie di anziani membri del Rotary Club di Vigevano, più un amico rimasto vedovo, partono per un viaggio a Nizza. Sono tutti un po' acciaccati (il narratore ha la sclerosi multipla a insorgenza tardiva) ma sanno ancora godersi la vita e sono ferocemente determinati a farlo. Sulle prime sembra solo una piacevole vacanza in uno dei posti più belli d'Europa, ma le cose degenerano in fretta su tutti i fronti: il Buttafava (la cui replica preferita – "Càgat adòs!" − non mancherà di piegare in due il lettore) sembra ancora più incattivito e delirante del solito, il povero Persegàti è mezzo rimbambito dalla perdita della moglie, e anche per il narratore, editor in pensione, arriva una grossa sorpresa. Per le vie nizzarde incrocia per caso il vecchio amico Leo, scrittore di talento da lui scoperto negli anni ottanta e di recente scomparso nel nulla. È l'inizio di una serie di avventure e disavventure incrociate che comprendono scene memorabili quali una rissa sfiorata tra il Buttafava e un camionista ucraino, l'acquisto di una palla di hashish da parte del narratore e del Persegàti (il primo lo fuma per ragioni terapeutiche, ma vi indulge oltre il necessario senza farsi problemi), spassose prese in giro delle mogli bigotte, un'inspiegabile fuga del Buttafava e così via. Si ride molto, ma si riflette ancora di più: sotto la messa in scena di questi borghesotti assurdamente provinciali (il dialetto domina alla grande anche nei migliori ristoranti di Nizza) crepita ben altro. Innanzitutto la loro condizione reale: il fatto che il Persegàti si vesta con della biancheria intima da donna è uno dei momenti più divertenti del libro, ma è soprattutto la dimostrazione più straziante di quanto la moglie gli manchi. Ma non solo: c'è ancora dell'altro. Un bisogno, una necessità, un imperativo. Quale? La metto così: restare, nonostante tutto, nonostante ogni dolore, fedeli alla vita. L'approccio estetico e dandy alle cose è un po' un leitmotiv dei romanzi di Pallavicini, ma è sempre messo in scena senza superficialità e senza moralismo, anzi come forma di un sincero e disperato amore per l'esistenza. Disperato perché − e in questo libro lo si capisce al meglio − il grande spettacolo prima o poi finirà, e nella maggior parte dei casi finirà in modo triste e patetico. I vecchi di una volta toglievano il disturbo in fretta. I vecchi di oggi (non c'è più la vecchiaia di una volta) rimbambiscono, si ammalano, resistono, tirano a campare fino all'esaurimento. I figli sono i loro badanti, e nel finale del romanzo verranno a prenderli per portarli a casa, quando le disavventure cominceranno a prendere il sopravvento sulle avventure. Ecco: cosa c'è di più terribile che vedere il proprio corpo e la propria mente cedere così? E quale rimedio è più radicale di riderci sopra o fumarsi una canna? In mano a un altro narratore potrebbe sembrare un inutile svilimento del dolore. Calato nella prosa mai banale di Pallavicini, diventa virtù. E come un fiume carsico sotto tali eventi scorre la storia della giovinezza e della maturità del narratore, profondamente legata alla figura dell'amico e scrittore scomparso, Leo. Non a caso un nome tondelliano (il protagonista di Camere separate): in un'intervista rilasciata al "Corriere della sera" il 21 febbraio, Pallavicini definiva il suo personaggio una specie di "Tondelli cattivo". Un divo sprezzante e inaffidabile, pieno di talento, ma senza l'umanità dello scrittore di Correggio. Le parti sul passato comune nella Milano letteraria degli anni ottanta sono forse le più vibranti d'emozione, le più belle del libro, e insieme sono quelle che ne forniscono una chiave di lettura. Facendo splendere la semplice filosofia di cui sopra. È il cinismo di Leo a trascinarlo nel baratro dell'isolamento e della volontà di farla finita con l'esistenza, come ammette chiaramente nel bellissimo, nervoso incontro finale. È lui, pure molto più giovane dei coprotagonisti, il vero vecchio: perché brutalmente rassegnato fin dall'inizio; perché, nonostante ogni talento, si arrende. Ed è proprio qui che si consuma la vera distanza fra lui e il narratore. Se il primo brama l'annullamento, il secondo è ancora e comunque fedele alla vita. Fedele alla vita: di nuovo, questo sembra il canto che esce dalle pagine del libro di Pallavicini, ricche di gioia e di dolore, ricche di risate e di tristezza, consapevoli che il qualcosa di bello sarà presto perso, ma che merita e meriterà sempre di essere guardato, e vissuto. Giorgio Fontana

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    rosanna

    24/01/2015 18.24.11

    Bello.Scritto benissimo.Divertente e amaro.Un'avventurosa vacanza in cui succede di tutto.Cinque personaggi indimenticabili.La vita è più forte di tutto e va vissuta intensamente fino all'ultimo,sia pure con ricordi e rimpianti,occasioni perdute e malattie gravi.E la famiglia,la bella famiglia italiana che subisce attacchi continui,la famiglia rimane sempre riferimento e approdo di tutti gli affanni della vita. Una bella lezione sul valore assoluto della vita. Ma quante ne combinano questi arzilli settantenni acciaccati!!

  • User Icon

    Melita Gilardi

    18/11/2014 16.54.13

    Questo libro mi è stato regalato perchè sono di Vigevano, come i quattro protagonisti del libro. Purtroppo non mi è piaciuto. Dico purtroppo perchè le aspettative erano alte, visti i giudizi lusinghieri. I quattro anziani in trasferta a Nizza sono un po' squallidi, e non ti fanno nessuna tenerezza. L'unica che ti ispira simpatia è Grazia, ma solo perchè è già morta. L'Adriana è mortificata da un marito volgare e la povera Franca da un consorte che parla di lei come di un'estranea e non si capisce perchè l'abbia sposata. No, triste, triste, triste. Sarà anche scritto bene, ma non ti lascia proprio nulla. Solo tristezza.

  • User Icon

    adriana

    03/11/2014 18.36.25

    Insomma, sono perplessa: avrei dato 2, ma a tratti mi è piaciuto. Non mi dispiace di averlo letto, ma non lo ricomprerei

  • User Icon

    aurora pozzo

    02/04/2014 18.56.41

    libro bellissimo: una vera sorpresa

  • User Icon

    Debora

    04/01/2013 23.37.50

    Quando leggo qualcosa di scritto e narrato così bene mi viene lo sconforto al pensiero che un tronista di Uomini e donne sia più celebre dell'autore. Splendido.

  • User Icon

    Marco Manfredda

    02/11/2012 09.09.58

    Che libro ha letto chi ha scritto la recensione precedente? Forse un altro, perchè Romanzo per signora è brillante, divertente, ben scritto. Tra l'altro l'ho regalato a molti anziani, che dopo averlo letto mi hanno ringraziato: dicevano che i protagonisti erano uguali a loro, soltanto che mettevano più allegria. Per me una delle migliori letture dell'anno

  • User Icon

    Ele

    27/09/2012 16.38.50

    Veramente brutto. Questo non ha mai visto un anzano in vita sua. Tetro. Piagato.

  • User Icon

    Davide

    09/05/2012 00.03.03

    Pallavicini mostra una vecchiaia senza indugi, frizzante e rancorosa. La scrittura è leggera ma in più di un'occasione sa diventare densa e commovente. Mi è piaciuto.

  • User Icon

    christian sartorio

    15/04/2012 20.05.36

    Avevo appena terminato L'ultimo inverno e Homer e Langley di Harding e Doctorow, entrambi memorabili e per tematiche simili. Quando leggi quella roba vorresti non finisse mai. Non volevo sbagliarmi sul prossimo libro, ero già a 1/3 del sequel del Piperno (gustoso, un Franzen Roth all'italiana). Poi però sarà stato per il titolo, per il plot, per la dedica e i ringraziamenti- comincio sempre da li e già mi avevano commosso non poco- beh mi son detto faccio fare una piccola pausa al Pipe e mi assaggio questo Romanzo per signora. L'ho divorato in due giorni. Vuoi per i cinque pensionati vigevanesi bauscia in quel di Nizza, vuoi perché li dentro c'erano comunque un po' di Tondelli , Palandri, Chiara e anche se appena citati Capote, Faulkner, Irshewood? che bella compagnia, gli autori e le letture dei miei anni migliori. Vuoi perché non mi aspettavo un romanzo davvero così bello, fluido senza intoppi con due piani di lettura: i famelici vecchietti in stile Amici miei e dall'altro vizi e sberleffi del (piccolo) mondo dell'editoria. Quello che funziona di più sono il rimando ai ricordi, alle stagioni letterarie dei due protagonisti; aleggia nelle pagine di questo libro ovunque una velata malinconia e PS Pallavicini ha il dono di saper raccontare solo quello che i grandi autori sanno fare: l'aria del tempo.

  • User Icon

    Laura Anfossi

    11/04/2012 07.35.51

    divertente e struggente

  • User Icon

    Pocah

    10/04/2012 22.45.23

    Semplicemente meraviglioso. Ritratto impietoso della provincia e della vecchiaia, con ironia e un pizzico di ottimismo e speranza, scritto in un linguaggio ricco ma non autocompiaciuto, mai banale, intelligente, sincero.

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione