Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Rosa e Ferdinando - J. G. Sapodilla - ebook

Rosa e Ferdinando

J. G. Sapodilla

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Narcissus.me
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 389,96 KB
  • EAN: 9781465819543

€ 2,49

Punti Premium: 2

Venduto e spedito da IBS

spinner

Scaricabile subito

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Ferdinando, soldato del re Franceschiello in fuga, rifiuta di arruolarsi nell'esercito piemontese e diventa disertore. La sua fidanzata Rosa lo raggiunge nei boschi. Un breve romanzo, ispirato da un diario autentico all'epoca della spedizione dei Mille di Giuseppe Garibaldi. La spedizione trionfale di Giuseppe Garibaldi alla conquista del Regno delle Due Sicilie è l'evento che fa nascere l'Italia unita dopo secoli di divisioni. Nella versione ufficiale della spedizione si racconta di mille camicie rosse, guidate dal condottiero sul cavallo bianco, che sconfiggono l'esercito borbonico, con folle festanti ad acclamare nelle città liberate. In una differente versione si racconta che l'impero britannico, geloso della flotta marinara di Franceschiello Re di Napoli nel Mediterraneo, corrompe gli ufficiali dell'esercito borbonico e spinge il re del Piemonte a mandare Garibaldi alla facile conquista. Fonti maliziose aggiungono che le reali casse piemontesi erano piene di debiti e le casse di Franceschiello erano stracolme di ducati d'oro. Pare infine che gli inglesi finanziarono la corruzione dei generali borbonici con un certo carico d'oro derubato all'Impero Ottomano. Queste sono le versioni degli storici, che noi rispettiamo."
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Note legali