€ 9,99

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    guido tenaglia

    28/11/2014 19:34:05

    il film e' un insieme di storie piuttosto improbanili.... che non sono neanche ben legate fra di loro. in particolare la vicenda dell'alunna che dopo molti anni cerca il prof fiorito e' quanto meno inverosimile, cosiccome la scena in cui l'uomo arrestato ricorda la lezione del prof fiorito mentre viene ammanettato. scena strana e scollegata dal film. anche le altre storie sono poco credibili. in giro ci sono film sulla scuola assai migliori e piu' convincnti di questo

  • User Icon

    ROBERTO'61

    12/03/2013 17:53:27

    Il cinico professore di storia dell'arte Fiorito (Herlitzka) ci racconta il suo liceo di periferia romano. Ormai vecchio e incattivito dai troppi anni di servizio, diffida totalmente delle capacità dei propri studenti e, rassegnato senza troppi sensi di colpa, si limita a fumare sigarette in classe o a ripetere controvoglia scostanti lezioni, magari davanti agli alunni sbagliati. Egli guarda con divertito compatimento Giovanni Prezioso (Scamarcio), uno di quei giovani supplenti al primo incarico spinti dalla voglia di costruire un rapporto sincero con i ragazzi, coinvolgendoli nelle lezioni e insegnando loro ad appassionarsi alla propria materia. Nel corso del film, tratto dall'omonimo libro di Marco Lodoli, si intrecciano le difficoltà personali degli studenti, che fanno da filo conduttore (e non da trama) alla storia; vengono così evitati luoghi comuni, che pensavo inderogabili, ad esempio su degrado e bullismo. Piccioni riparte dalla scuola; un primo problema è senz'altro il rapporto tra insegnanti e studenti. - "Occupatevi solo di ciò che accade tra le mura del liceo" dice la preside (Buy) ai professori, ma più tardi si renderà conto lei stessa di questa insensata forzatura, scoprendosi in un atteggiamento quasi materno nei confronti dello sfortunato Brugnoli (bravissimo Davide Giordano!). Il film è così un atto di difesa alla scuola pubblica (afferma il regista - "essa va protetta, perché i giovani non hanno solo il diritto di studiare, ma anche di sperare nel futuro"), e insieme una richiesta di dialogo (che spesso cerchiamo), perché la penna rossa degli insegnanti e la nostra, quella blu, possano interagire e correggersi a vicenda.

  • User Icon

    cristina

    11/02/2013 12:27:16

    L'ennesimo film sulla scuola italiana, uguale ai precedenti e con più o meno gli stessi bravi attori. Ho trovato poco plausibili alcune vicende (come quella tra la direttrice e il ragazzo "dimenticato"; ma anche il rapporto tra Scamarcio e l'alunna presunta orfana), insomma nell'era attuale se ne sa molto sia degli studenti che delle loro famiglie, è difficile ignorare alcune informazioni. Nel complesso un film accettabile e scorrevole, ma si dimenticherà presto o lo si confonderà con gli altri.

Scrivi una recensione
  • Produzione: Teodora, 2013
  • Distribuzione: CG Entertainment
  • Durata: 98 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti; Inglese
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Contenuti: dietro le quinte (making of); trailers; foto; note di regia