Rubber Soul

(Remastered Digipack)

Artisti: Beatles
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Apple Corps
Data di pubblicazione: 1 aprile 2013
  • EAN: 0094638241829
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

Disponibile anche in altri formati:

€ 22,90

Venduto e spedito da IBS

23 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Descrizione
Tecnologia d’avanguardia unita ad attrezzature di studio di registrazione d’epoca hanno fatto in modo di preservare l’autenticità e l’integrità delle registrazioni originali analogiche.Il risultato di questo scrupoloso processo ha prodotto il più alto livello di fedeltà che questo catalogo abbia mai avutodalla sua prima pubblicazione.Album rimasterizzato in stereo, nuovo formato in digipack a 3 ante, nuovi booklet con dettagliate note storiche, appunti sulle registrazioni e foto inedite, mini documentario Quick Time da 2/3 minuti.
Disco 1
  • 1 Drive My Car
  • 2 Norwegian Wood (This Bird Has Flown)
  • 3 You Won't See Me
  • 4 Nowhere Man
  • 5 Think for Yourself
  • 6 The Word
  • 7 Michelle
  • 8 What Goes On
  • 9 Girl
  • 10 I'm Looking Through You
  • 11 In My Life
  • 12 Wait
  • 13 If I Needed Someone
  • 14 Run for Your Life

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Michele

    23/09/2018 10:05:20

    Rubber soul (1965) è per i Beatles il primo tentativo di svolta, non ancora drastica come in Revolver (1966) o a oltranza come in Sgt. Pepper's (1967), ma una sincera e opportuna virata verso nuove sonorità, nuove tematiche e una nuova facciata, come la copertina dimostra con la sua immagine volutamente distorta. L'era psichedelica è in arrivo e qualcosa già può intuirsi in canzoni come la riflessiva In my life - nella quale il produttore George Martin suona un assolo di piano mandato a velocità doppia per farlo sembrare un clavicembalo - o l'introspettiva Nowhere man, nel cui testo Lennon dichiara apertamente la sua perdita di coscienza di sè. Ma il pezzo forte sono ancora i brani 'vecchia scuola', che diventeranno classici come Michelle e Drive my car; una valida via di mezzo fra vecchi e nuovi Beatles è rappresentata poi da Norwegian wood (This bird has flown), pezzo controverso sul piano lirico - pare raccontare una scappatella extraconiugale di John - e potenziato su quello strumentale dall'ingresso nella produzione beatlesiana di uno strumento emblematico del cambiamento quale è il sitar (idea ed esecuzione di Harrison). C'è spazio come sempre anche per Ringo: il suo momento di gloria è What goes on, nella quale non solo suona la batteria e canta, ma figura anche come co-autore. Due i brani di George Harrison: Think for yourself e If I needed someone; Paul si esalta in composizioni ritmate come I'm looking through you e You won't see me, mentre John cesella con cura un gioiello come Girl, delicata e romantica poesia musicale.

  • User Icon

    Sara

    12/01/2014 19:50:35

    Sui Beatles si potrebbero scrivere mille libri. Quindi cerco di racchiudere la seguente recensione in una parola: "fantastico" Secondo me, Rubber Soul, è l'album più bello dei quattro ragazzi di Liverpool, anche se è difficile affermarlo, visto la grande bellezza ed armonia di ogni loro disco. Questo disco contiene pezzi stupendi, da ascoltare assolutamente: "DRIVE MY CAR", "NORWEGIAN WOOD", "NOWHERE MAN", "MICHELLE", "GIRL", "I'M LOOKING THROUGH YOU", "IN MY LIFE" (da sentire molte, molte volte), "IF I NEEDED SOMEONE". Insomma, ascoltate tutto l'album! :)

  • User Icon

    Alex Lugli

    22/09/2009 21:27:59

    I Beatles sono stati un gruppo musicale britannico, originario di Liverpool e in attività dal 1960 al 1970. Hanno segnato un'epoca nella musica, nel costume e nella moda e di conseguenza nella Pop Art. "Rubber Soul" è il titolo dell'album pubblicato nel Dicembre 1965, quando la Band era al culmine della popolarità. Sul titolo ("Anima di gomma"), le versioni divergono. Secondo una di esse, era un'espressione che Paul ripeteva in sala di registrazione durante le prove di I'm Down. Una variante vuole invece che sia stato un commento sui Rolling Stones di Bob Freeman, l'artista che realizzò la fotografia stirata della copertina. L'album è pervaso da una atmosfera misticheggiante, le musiche appaiono fresche, imprevedibili, trascinanti; Paul McCartney confermò i suoi talenti in "Drive My Car" orchestrata da un piano straripante e virtuoso, da una chitarra scintillante, e dalle voci allusive e sbeffeggianti, mentre con "Michelle" cantò un inno all'amore dolciastro e sentimentale meritevole di innumerevoli cover; John Lennon raggiunse picchi di umorismo sardonico memorabili nelle sue indimenticabili ballate: in "Norwegian Wood", compose un quadretto di un'avventura extraconiugale tanto grottesca quanto esistenzialista; in "Nowhere Man", delineò un ritratto dell'uomo medio contemporaneo proteso verso falsi e inutili traguardi a causa della perdita del senso della vita; in "Girl" e "In My Life" la vena ironica si accostò perfettamente a quella nostalgica e a quella romantica. Per questo album furono utilizzate tecniche di registrazione innovative, poi evolutesi nelle moderne forme di missaggio elettronico e digitale. La copertina, con una fotografia dei Beatles assai distorta (quasi a simulare l'effetto di un acid trip), offriva un primo assaggio dell'"anima di gomma" che si celava dietro il gruppo, per sottolineare ulteriormente l'inizio della transizione verso sonorità rock psichedeliche (portate a compimento con gli album Revolver e Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band). Un classico assoluto senza tempo, bellissimo.

Scrivi una recensione