-15%
Un sabato, con gli amici - Andrea Camilleri - copertina

Un sabato, con gli amici

Andrea Camilleri

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
In commercio dal: 1 ottobre 2013
Pagine: 142 p., Brossura
  • EAN: 9788804631866
Salvato in 8 liste dei desideri

€ 8,08

€ 9,50
(-15%)

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA

Un sabato, con gli amici

Andrea Camilleri

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Un sabato, con gli amici

Andrea Camilleri

€ 9,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Un sabato, con gli amici

Andrea Camilleri

€ 9,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Quando il passato presenta i suoi conti. Le vite di Matteo, Gianni, Giulia, Anna, Fabio, Andrea e Renata detta Rena sono tutte vite segnate. Fin dall'infanzia, con traumi profondi che scuotono l'anima oppure vanno a interrarsi in certe zone segrete della coscienza, e dalla giovinezza che ci aggiunge il suo carico di turbamenti, di rivolte, di affermazioni di sé. Sembrerebbe che gli anni della prima maturità possano portare un inizio di pacificazione, se non altro perché le vite sembrano incanalate nei loro binari borghesi e le coppie si sono stabilizzate, ma non è così. Non è affatto così; anzi, è proprio il contrario: l'età matura è il momento giusto perché i nodi vengano al pettine, gli elementi psichici si combinino apposta per precipitare, per esplodere come una miscela assai temibile con la quale un alchimista improvvido abbia giocato troppo a lungo e con troppa fortuna. Decisamente, questo romanzo è anomalo nella produzione di Andrea Camilleri. Lo è da subito, dalla prima lettura che ci propone una lingua secca, affilata, che non cede all'espressività del dialetto né ad alcuna di quelle varie forme di pietas che spesso si ritrovano nella prosa dello scrittore e che sotto forma di ironia, tenerezza, comprensione per le umane debolezze intervengono a lenire anche le situazioni più dure e crudeli. Qui invece non c'è possibilità di fuga o di nascondimento. Ogni personaggio è consegnato alla sua dannazione e alla deriva inesorabile delle sue azioni.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2,68
di 5
Totale 39
5
9
4
5
3
3
2
9
1
13
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Elena

    06/01/2020 17:43:59

    Camilleri racconta un gruppo di amici del liceo,che tenutosi in contatto negli anni si riunisce settimanalmente a cena.Un sabato sera,però uno di loro da poco riunitosi al gruppo precipita dal parapetto.Attraverso numerosi salti temporali Camilleri tratteggia le personalità e le deviazioni dei suoi personaggi ricostruendo i contorni della tragedia..Come in altri romanzi contemporanei non montalbaniani l'autore compie,a mio parere, sempre lo stesso errore di utilizzare il sesso come riempitivo di una trama scialba..Non lo consiglio.

  • User Icon

    Agostino

    29/07/2019 15:41:12

    Andrea, Anna, Fabio, Gianni, Giulia, Matteo, Rena. Sette personaggi prima bambini piccoli, poi adulti, quindi giovani, di nuovo adulti e così via in un alternarsi ripetuto e caotico di flash back, quasi sempre a contenuto sessuale. Ma non è un romanzo erotico, è piuttosto una serie di frammenti morbosi appena accennati e mai definiti. È un puzzle da sistemare faticosamente, tessera dopo tessera, che però non si completa perché alla fine il racconto si interrompe: mancano alcune tessere per arrivare alla soluzione. Un Camilleri in lingua italiana e senza Montalbano, poco coinvolgente, nient’affatto divertente. Sconsigliabile.

  • User Icon

    Ross

    07/03/2019 18:43:15

    Un repertorio degli orrori da cui si vuole uscire al più presto per scrollarsi di dosso l'ansietà e l'angoscia che tali contenuti creano. Contenuti affatto facili, a cui va dato merito a Camilleri di averli affrontati, e di averlo saputo fare con una narrazione davvero "d'impatto": un linguaggio schietto, fatto di brevi frasi e molto realistico, in cui addirittura, quando sono i bambini a raccontare, viene utilizzato il loro tipico "storpiamento" delle parole. L'autore fa riflettere su temi purtroppo di molta attualità, e dà dimostrazione di come sia complessa la psiche umana, di quanto sia difficile sopire perversioni e deliri… e di quanto, spesso, questo risalga all'infanzia, laddove la nostra personalità ed il nostro io si sono formati. Facendo sì che ci si debba portare dietro per tutta la vita ricordi troppo pesanti, con conseguenze delle volte irrimediabili.

  • User Icon

    giulia

    05/07/2013 12:16:11

    non do 1 come voto solo perché la scrittura è trascinante e il libro si legge in un'ora senza riuscire a fermarsi; detto questo, violenza, brutalità e miseria umana sono le uniche protagoniste del libro. Consigliato a stomaci forti (tra i quali non figura il mio).

  • User Icon

    ferdi

    14/04/2013 11:57:23

    Che strano qst romanzo non sembra neppure scritto da Camilleri (che di solito ci porta a riflettere deliziandoci con dosi abbondanti di ironia e bonomia siciliana). Piuttosto sembra il promettente e nulla piu' esordio di un giovane scrittore pulp...Se dovessi limitarmi a qst giudizio darei al max 2 punti. Troppa violenza e massiccia presenza di odio represso, raccolti in una compagnia di presunti amici, che rendono il romanzo e la storia poco credibili. Se pero', come gia' qualcuno ha fatto, penso ad un sviluppo teatrale allora il giudizio cambia perche' siamo in presenza di un meccanismo ben oliato e strutturato, con i giusti tempi di suspense e con dialoghi tesi e affilati come rasoi di vecchi barbieri, che rimandano ad una tensione pirandelliana virata al noir...Allora qui 4 pallini non glieli nega nessuno. La media fa 3...

  • User Icon

    roberto

    18/01/2012 00:21:50

    ho praticamente letto tutta la produzione del maestro, questo libro mi lascia perplesso, se lo avesse scritto un giovane scrittore direi che e' promettente, ma nulla piu'...

  • User Icon

    Laura

    01/04/2011 12:11:35

    Amo moltissimo il Camilleri di Montalbano. Ogni volta che esce una nuova avventura del commissario di Vigata mi lancio nella lettura ed ogni volta, quando più quando meno, è sempre un piacere. Questa premessa è necessaria perché Camilleri ha, secondo me, la dote di essere tre scrittori in uno, quello di Montalbano, quello storico ("La bolla di componenda" o "La scomparsa di Patò" ad esempio) e quello degli ultimi romanzi, che non sembrano neanche frutto della sua prolifica penna. Questo brevissimo romanzo mi ha lasciato senza parole. E' di una crudezza, di una glacialità sorprendente. Non si riesce ad amare uno dei personaggi nenache sforzandosi. Sono tutte persone prive di moralità, vuote, nonostante i traumi legati al loro passato, - bellissima l'idea di un preracconto sull'infanzia di ognuno di loro - non si riesce a provare compassione. E anche i legami tra loro non richiamano né ricordano un rapporto di amicizia. Finito di leggere ho costretto marito e amiche a leggerlo solo per poterlo commentare con qualcuno. Urticante

  • User Icon

    Maunakea

    20/02/2011 01:01:55

    Primo libro in italiano, e registro completamente diverso, si legge d'un fiato, bel strutturato e scorrevolissimo, il bello è che senza saperlo non diresti mai che è di Camilleri. Mi piace quando gioca a cambiare completamente genere e si cimenta con strutture e trame differenti. Consigliato.

  • User Icon

    fiorella

    22/09/2010 16:11:44

    Pessimo.Tante deviazioni morboso-sessuali tutte riunite in un gruppo ristretto di amici , giustificate dal fatto che TUTTI hanno subito nell'infanzia tremendi traumi. Io sono una grande estimatrice di Camilleri ma questo romanzo mi ha disgustata.

  • User Icon

    Giovanna Carbonaro

    09/05/2010 18:04:52

    Di Camilleri avevo letto finora soltanto storie di Montalbano ed ero troppo abituata a quelle trame poliziesche infarcite di termini dialettali e parolacce tipiche siciliane. Con questo libro ho conosciuto uno scrittore universale che si esprime in ottimo italiano, ma la cosa che mi ha meravigliato è che se non avessi saputo chi era l'autore, avrei pensato a un giovane scrittore dal linguaggio fluido e fresco. Grande, Camilleri.

  • User Icon

    Marek

    22/10/2009 20:53:06

    Ottimo....per 3 ore di svago!!

  • User Icon

    Roberto

    20/10/2009 20:48:49

    Chiaramente non mi aspettavo qualcosa "alla Montalbano", cercavo una lettura diversa, tuttavia non mi è piaciuto. Probabilmente però il libro è valido e certamente, superata qualche riserva iniziale, può piacere. C'è molto in questo piccolo romanzo: noir, scrittura nervosa, scene e temi violenti, certamente tanto cinismo.

  • User Icon

    gaetano, alcamo

    24/07/2009 20:00:13

    Pessimo! Del Camilleri che conosciamo c'è solo il nome sulla copertina. Nonostante sia brevissimo ho anche faticato a finirlo.

  • User Icon

    luigi

    17/07/2009 10:39:57

    Ho letto praticamente tutto di Camilleri lo amo moltissimo e resto incredulo:é il suo primo libro che mi delude. Dubito che lo abbia scritto lui!

  • User Icon

    Tommaso

    08/07/2009 15:14:15

    Avvincente: la struttura narrativa ricorda quella di un film con brevi scene che sempre più lentamente e profondamente portano all'incontro del sabato. Pensavo di centellinarlo, l'ho letto tutto insieme.

  • User Icon

    roberta

    02/07/2009 16:55:22

    é il primo libro Camilleri in assoluto di che mi ha deluso. Bruttissimo. Ma l'ha scritto lui?

  • User Icon

    Megant

    03/06/2009 14:22:28

    Decisamente fuori dai canoni del Camilleri di sempre, non lo si può certo definire un classico giallo. Mi ha suscitato forti emozioni, l'ho letto tutto d'un fiato e sinceramente mi ha preso molto. Certo che i tasti interiori che va a toccare non sempre sono "positivi": alcune parti hanno quasi il risvolto del noir, alcune scene sono sicuramente inquietanti. Mio padre l'ha trovato addirittura "sgradevole", posso capire perchè, ma sicuramente è originale e vale la pena almeno provarne la lettura. Credo che le reazioni possibili poi siano solo 2: o lo si ama o lo si detesta. Mi piace l'idea che Camilleri alla sua età abbia ancora voglia di sperimentare, di allontanarsi dallo stile che lo ha reso famoso.

  • User Icon

    Sara

    16/05/2009 10:05:59

    Ma sono l'unica a cui questo libro è tremendamente piaciuto?! Ma sono l'unica che cerca di staccarsi dalle abitudini di una narrativa consolidata, di un autore ben definito e conosciuto per un certo tipo di letteratura, che riesce ad apprezzare un tentativo molto lontano, e secondo me pienamente riuscito?! Complimenti al maestro, piacevolissima sorpresa.

  • User Icon

    alessandra

    08/04/2009 15:36:37

    Raramente, quasi mai a dire il vero, ho pensato di avere buttato i miei soldi comprando un libro, in tutti trovavo un qualcosa piccolo o grande che lo rendeva comunque degno di lettura. Non in questo che davvero non vale il prezzo della carta su cui è stampato. Amo Camilleri di Montalbano, la sottile ironia , la non troppo velata critica al mondo contemporaneo sempre presente nelle sue storie, trovo affascinanti le sue storie sulla Sicilia arcaica. Ma questo sabato tra gli amici proprio non lo capisco. Certo, si legge facilmente ma questi personaggi , psicotici, segnati da traumi infantili, che riescono a ritrovarsi tutti insieme malgrado si dispezzino a vicenda, li trovo degni di una sceneggiatura teatrale di quart'ordine.

  • User Icon

    TG

    01/04/2009 21:43:31

    Il romanzo del "sommo" non mi è assolutamente piaciuto!i personaggi,i loro traumi da piccoli ed i loro problemi da grandi. Non è il Camilleri che si aspetta il lettore secondo me!

Vedi tutte le 39 recensioni cliente
  • Andrea Camilleri Cover

    Nato a Porto Empedocle (Agrigento), Andrea Camilleri ha vissuto per anni a Roma.  Dal 1939 al 1943, dopo un periodo in un collegio da cui viene espulso, studia ad Agrigento al Liceo Classico Empedocle dove ottiene la maturità classica senza dover sostenere l’esame a causa dell’imminente sbarco degli alleati in Sicilia. A giugno inizia, come ricorda lo scrittore, "una sorta di mezzo periplo della Sicilia a piedi o su camion tedeschi e italiani sotto un continuo mitragliamento per cui bisognava gettarsi a terra, sporcarsi di polvere di sangue, di paura".  S’iscrive all’Università (Facoltà di lettere) ma non si laureerà mai. Si iscrive anche al Partito Comunista.Inizia a pubblicare racconti e poesie e vince il Premio... Approfondisci
Note legali