Categorie

Arthur C. Clarke

Traduttore: M. Gallone
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 203 p., Brossura
  • EAN: 9788804640530

18° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Fantascienza - Fantascienza classica

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Manuel Giacometti

    30/06/2015 21.49.07

    Clarke definisce una cornice valida in cui fa svolgere al suo protagonista un viaggio che nel giro di breve tempo lo porta a vivere decisioni e scoperte inaspettate. Clarke riesce a vivificare pensieri e ambientazioni molto ben descritte, veicolandone anche una vivida sentimentalità.

  • User Icon

    camilletta85

    01/09/2014 21.33.36

    La cosiddetta "fantascienza classica" è sempre una garanzia di qualità, profondità e avanguardia negli sviluppi scientifico-tecnologici. In Sabbie di Marte si riconosce il tocco di Clarke, soprattutto la sua anima di giornalista ed inventore, prima ancora che brillante romanziere: il libro è un concentrato di trovate tecnologiche e di invenzioni (si fa di necessità virtù, dato che il libro fu scritto negli anni '50), come le creature marziane, la piante oxyfera, la realizzazione del Progetto Autora e le tecnologie alla base dei viaggi interplanetari. Tutto riesce ad essere, anche agli occhi del lettore contemporaneo, molto credibile ed accettabile. Inoltre Clarke ci restituisce tutto l'entusiasmo e la tensione romantica di un futuro in cui si possano allargare i confini umani e anche Marte possa essere un pianeta a misura d'uomo, cercando al contempo di convivere con quelli che l'autore definisce i suoi antichi abitanti e "legittimi proprietari". Molti i temi più profondi racchiusi in questo libro, come l'importanza del viaggio come momento di crescita e maturazione individuale, il ripudio nei confronti di una colonizzazione selvaggia e distruttiva dei nuovi pianeti, la valorizzazione della ricerca scientifica... Un altro piccolo capolavoro, da accostare al ciclo dei robot di Asimov (che rimane, a mio avviso, insuperabile).

Scrivi una recensione