Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
Pagine: XXVI-210 p., Brossura
  • EAN: 9788833923239
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Tiktaalik

    11/10/2014 12:16:33

    E' una raccolta di scritti sui testi sacri della tradizione orientale,che a me è piaciuta molto.Jung non tradisce se stesso,quando afferma che"l'essere psichico è l'unica categoria dell'essere di cui abbiamo conoscenza diretta",cosa che raramente l'Occidente ha riconosciuto,salvo poche eccezioni,quale Schopenhauer,credo riferito al suo concetto del mondo come rappresentazione.Tantissimi spunti di riflessione,la top-frase che segnalo è: "contrariamente alla parola di Cristo,i fedeli tentano di rimanere fanciulli anziché diventare come i fanciulli", da un grande,grandissimo pensatore.

  • User Icon

    Negli ultimi trent'anni della sua vita Jung ha concentrato la sua attenzione sull'osservazione psicologica dei fenomeni religiosi. Nella sua concezione, i dati religiosi devono essere studiati come l'espressione simbolica dell'aspetto globale della personalità umana, di quel "Sé" che si pone quale sintesi degli opposti (luce e ombra, bene e male) presenti nella psiche. È religiosa, afferma Jung, ogni esperienza di pienezza e di totalità che "afferri" l'individuo per farlo procedere lungo il tragitto dell'individuazione". In questo cammino spirituale le religioni orientali si rivelano maestre nel guidare verso un "processo d'iniziazione", vale a dire di "liberazione da un precedente stato di tenebra e di inconsapevolezza". In questa raccolta di scritti scelti e presentati da Luigi Aurigemma, Jung si misura con i testi sacri della tradizione buddhistica e confuciana, e con le pratiche yoga e zen. Nell'evidenziare le singolari affinità tra le simbologie religiose dell'Oriente e le produzioni psicologiche (sogni, visioni, creazioni artistiche) dell'uomo occidentale, Jung non si allontana mai da un profondo senso di concretezza storica, mettendo in guardia il lettore, come ricorda Aurigemma, da "ogni imitazione semplificatrice e scimmiottatura orientalizzante, quale che ne sia la motivazione".

Scrivi una recensione