Saggio sopra la lingua francese - Francesco Algarotti - ebook

Saggio sopra la lingua francese

Francesco Algarotti

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: epf
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 85,55 KB
  • EAN: 9780244257514

€ 1,99

Punti Premium: 2

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Francesco Algarotti (Venezia, 11 dicembre 1712 – Pisa, 3 maggio 1764) è stato uno scrittore, saggista e collezionista d'arte italiano, polimata, filosofo, poeta. Spirito illuminista, anglofilo, erudito dotato di conoscenze che spaziavano dal newtonianismo all'architettura, alla musica, era amico delle personalità più grandi dell'epoca: Voltaire, Jean-Baptiste Boyer d'Argens, Pierre Louis Moreau de Maupertuis, Julien Offray de La Mettrie. Tra i suoi corrispondenti vi erano Lord Chesterfield, Thomas Gray, George Lyttelton, Thomas Hollis, Metastasio, Benedetto XIV, Heinrich von Brühl, Federico II di Prussia.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Francesco Algarotti Cover

    (Venezia 1712 - Pisa 1764) scrittore italiano. Figlio di ricchi commercianti, ebbe un’educazione tipicamente settecentesca, centrata su due interessi preminenti: lo studio delle scienze, filosofiche e matematiche, e i lunghi viaggi per l’Europa. Nel 1735 partì per Parigi, dove divenne intimo di Voltaire e di Maupertuis; nel 1738-39, dopo due soggiorni londinesi, compì il grande viaggio che, attraverso l’Olanda, la Danimarca e la Svezia, lo portò fino in Russia, a Pietroburgo, e poi a Lipsia e a Dresda. Dal ’40 al ’53, salvo la parentesi di un biennio (1743-44) trascorso alla corte di Augusto III elettore di Sassonia, fu al servizio di Federico II di Prussia, che lo volle con sé a Potsdam, lo nominò conte e ciambellano e gli affidò una missione diplomatica alla corte di Torino. Nel ’53, dopo... Approfondisci
Note legali