Saluti e baci da Mixing Part

Erlend Loe

Traduttore: G. D'Amico
Editore: Iperborea
Anno edizione: 2012
In commercio dal: 30/03/2012
Pagine: 216 p., Rilegato
  • EAN: 9788870915020
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 12,00

€ 15,00

Risparmi € 3,00 (20%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Adriana

    08/07/2012 12:50:28

    E' un racconto a sketch, più o meno comici, più o meno surreali. A momenti ti sembra una buffonata di libro, a momenti ci trovi del buono. Si legge in un nulla ma qualcosa lascia.

Scrivi una recensione

  I Telemann sono una famiglia norvegese. Lui adora il teatro e odia la Germania, lei disdegna il teatro e adora la Germania. Hanno tre figli di cui la primogenita gioca compulsivamente a tennis mentre gli altri due non fanno nulla che i genitori reputino interessante. I Telemann vanno in vacanza un mese in Baviera, a Garmish Partenkirchen: Saluti e baci da Mixing Part è la cronaca di quei trenta giorni. Mixing Part è la traduzione automatica di Garmish Partenkirchen. Perché la famiglia tedesca da cui i Telemann affittano la casa parla solo tedesco e fa tradurre le e-mail da Google. Il signor Telemann, invece, parla solo inglese e si fa tradurre tutto dalla moglie che parla tedesco. Rapidi dialoghi minimalisti ornano le pagine del romanzo. Sono incolonnati senza rientro e senza fronzoli, neanche virgolette, caporali o trattini. A pagina 39 compare una foto. È di Nigella, procace conduttrice di un famoso programma di telecucina. La foto si inserisce perfettamente nella narrazione, anzi, ne amplifica ad arte il significato. Sono imperdibili "l'ora di Telemann", in bagno, scandita dalla durata delle batterie di uno spazzolino elettrico e la presunta allergia che la moglie sviluppa per il marito. Lo stile è tagliente come un rasoio e scarnifica il rapporto di coppia contemporaneo, alienato da repressioni familiari, da Internet e dalle perversioni nascoste. Non è però un trattato di critica della coppia moderna. È una storia circolare di una vacanza assurda in cui succede tutto quello che può capitare a una coppia in una vita. Un mese che mette a nudo i meccanismi dell'incomunicabilità tra mariti e mogli e tra genitori e figli. Con degli sprazzi salutari di autoironia, paradossi e leggerezza che rendono il racconto simpaticamente originale. Una lettura che demolendo la coppia la invita a non prendersi troppo sul serio e ad andare avanti lo stesso sorridendo della propria follia. Federico Jahier