Salvarsi. Gli ebrei d'Italia sfuggiti alla Shoah. 1943-1945

Liliana Picciotto

Editore: Einaudi
Collana: Einaudi. Storia
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 26/09/2017
Pagine: 592 p., Rilegato
  • EAN: 9788806235093
Disponibile anche in altri formati:

€ 32,30

€ 38,00

Risparmi € 5,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

32 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 
Indice

Introduzione

I. La ricerca del CDEC sugli ebrei che si sono salvati in Italia nel 1943-1945
Obiettivi e metodologia
Definizione di Ebreo
Definizione di slavo
Fonti utilizzate nella ricerca
Il data base degli ebrei salvi in Italia

II. La storia
L'oppressione fascista
La persecuzione nazista
La persecuzione fascista
Che cosa si sapeva in Italia della politica di sterminio?
Quale consapevolezza del pericolo avevano i soccorritori di ebrei?
Il pericolo cui andavano incontro i soccorritori
I figli di matrimonio misto si salvarono?
Gli ebrei sposati con "ariani" si salvarono?
Il soccorso ad altri clandestini in pericolo oltre che agli ebrei
Salvarsi mediante una fuga collettiva
Salvarsi grazie alla DELASEM
Episodi di soccorso da parte di diplomatici stranieri
Fuggire in Svizzera
La Resistenza e il soccorso agli ebrei
Gli ebrei nella Resistenza, una modalità di salvezza?
Il soccorso prestato dal mondo cattolico
Gli aiuti diocesani concessi alla DELASEM - L'ospitalità nelle case religiose a Roma e altrove - Parrocchie e sacercoti in soccorso degli ebrei - Reti cattoliche di assistenza - L'accoglienza nelle case religiose vaticane extraterritoriali o a statuto speciale

Collettività in soccorso degli ebrei (Rorà, Cotignola, Amandola, Bagnacavallo, Assisi)
Bambini salvati dalla Shoah
Comunità evangeliche in aiuto di ebrei
Nascosti negli ospedali e nelle case di cura
Evasioni rocambolesche
Rilasciati

III. I numeri
Demografia e pericolo considerato: dati oggettivi
L'universo dei salvi
Fattori decisivi per la salvezza - Geografia della salvezza - Principali (ma non tutte) modalità di salvezza e di autosalvezza - I salvi secondo l'età, il genere, la condizione socioeconomica
L'universo dei soccorritori

IV. Le persone
Due Giusti tra le nazioni raccontano
Storia di Elsa Poianella Bellio - Storia di Mario Canessa
I protagonisti raccontano come sono stati salvati: storie di autosoccorso
Disperdersi tra la folla [Dario Basevi] - Bambini soli nella tempesta [Saul Ventura] - Occultarsi in convento [Pietro Piperno] - Nascondersi sotto il letto durante la retata [Angelo Citoni] - Vivere da partigiana [Anna Maria Levi] - Discendere la Penisola in bicicletta [Enrico Levi] - Essere capo partigiano[Haim Vito Volterra] - Sconfinare in Svizzera [Aurelio Ascoli] - Ingannare le SS [Lea Loewenwirth] - Evadere durante la propria deportazione [Giorgio Sealtiel] - Correre via mentre arrestano la mamma e la nonna [Giuseppe Laras] - Fuggire in dodici senza separarsi mai [Liliana Treves Alcalay] - Mantenere le tradizioni ebraiche in condizioni estreme [Pnina Schotten Horowitz] - Scappare, da neonato, da un campo di internamento [Uri Breit] - Allontanarsi da una porta mentre le guardie entrano dall'altra [Emanuele Cohenca] - Salvarsi buttandosi dalla finestra [Giulia Sermoneta] - Salvare i bambini! [Reuven Campagnano] - Uscire indenni dal Collegio militare dopo la grande retata a Roma [Alberta Levi Temin] - Mimetizzarsi da malato in ospedale [Federico Sacerdote] - Uscire illesi dal carcere di San Vittore[Miriam Romanin Guetta] - Calarsi da un camion in corsa verso il campo di Fossoli [Giacomo Di Segni] - Salvarsi perché figlio di matrimonio misto [Luciano William Levi] - Girovagare per Roma elemosinando un ricovero [Clelia Menasci Efrati] - Essere partigiano a tredici anni [Adolfo Perugia] - Vagare da un rifugio all'altro [Dario Di Capua]
I protagonisti raccontano come sono stati salvati: storie di soccorritori
Una rete di maestranze e amici [Luisella Ottolenghi Mortara] - Colleghi di lavoro del papà [Laura Ravenna Tedesco] - Una portinaia [Vittorio Polacco] - Un vicino sconosciuto [Isacco Kostoris] - Un'impiegata e un rifugio segreto [Dino Molho] - Un'amica antifascista [Ada Levi Nissim] - Una tata e un caseggiato solidale [David Misrachi] - Tre eroici preti [Marcella Moresco Di Segni] - Un industriale [Noè Foà] - Una generosa folla anonima [Rosetta Sermoneta Ajò] - Un capostazione e una cliente di negozio [Corrado Vivanti] - Una suora coraggiosa [Ester Sonnino Limentani] - Un passante altruista e un federale indulgente [Riccardo Polacco] - Una casa di riposo evangelica [Carla Bachi] - Un valoroso primario ospedaliero [Eugenio Sonnino] - Una balia fedele e altri soccorritori [Lia Sacerdoti] - Le audaci suore di San Giuseppe di Chambery [Lia Levi Tas] - Una guardia di finanza [Giorgio Ajò] - Una banda partigiana e una famiglia montanara [Simonetta Luzzati] - Il console del Portogallo [Suzette Hodora Weissy] - Un sarto riconoscente [Cesare Mosè Finzi] - Un eroico interprete del carcere di Regina Cœli [Leone Sonnino] - Un generoso pretore [Enrica Amar Vigevani]
La storia di Erna Finci e della sua famiglia

Conclusioni
L'Italia nel cono d'ombra della Shoah
Elementi oggettivi in favore della salvezza
Strategie di salvezza messe in atto dagli ebrei
Due Italie: una ufficiale e una sommersa
Il soccorso da parte dell'antifascismo
Il soccorso da parte dei religiosi
Il punto di vista dei soccorritori
Il punto di vista dei contemporanei
In guisa di epilogo

Bibliografia

Indice dei nomi