Categorie

Andrzej Sapkowski

Traduttore: R. Belletti
Editore: Nord
Collana: Narrativa Nord
Anno edizione: 2012
Pagine: 393 p. , Rilegato
  • EAN: 9788842916659

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    spartan91

    02/03/2014 17.35.17

    finalmente ho potuto leggere il primo vero romanzo che ha come protagonista Geralt lo strigo, davvero un gran bel romanzo anche se l'autore poteva dare di più, infatti la fine l'ho trovata un po tirata per le lunghe ma che lascia davvero tanto con la voglia di sapere come si evolveranno gli eventi! scrittura fluida, libro quindi che non annoia e che si lascia leggere fino alla fine; tengo inoltre a precisare che se anche questo sia il primo libro di una saga è importante aver letto prima i due libri di racconti, perchè qui ritroviamo personaggi gia noti e magari qualche informazione utile! libro davvero consigliato agli amanti del buon fantasy!!!

  • User Icon

    Enrico

    19/02/2013 20.14.46

    Ho preso il libro per caso per leggere un autore che non conoscevo, in verità incuriosito dal Tempo della Guerra di fresca uscita. Dopo una breve ricerca con il cell ho scoperto che il primo libro della saga era questo qui e quindi preso per primo. Devo dire che Sapkowski mi ha colpito molto per il suo modo di narrare che differisce rispetto agli altri simili del genere. La trama del libro parte in maniera soppiatta ma ben presto i personaggi principali entrano nel vivo si legge con molta semplcità. Non ho trovato neanche un momento di noia, inoltre l'autore inserisce dei segmenti che rendono più chiari tutti i vari salti temporali nella trama. Mi ha colpito anche molto il modo in cui descrive determinati personaggi in alcune fasi della storia, gli conferisce una visuale in prima persona senza aver bisogno di inserire gli altri componenti della scena ma ne fa percepire la loro presenza e comportamento. Ho apprezzato tanto anche la completa assenza di parti introduttive super descrittive e noiose e nonostante il romanzo non concentri la sua trama principalmente sull'azione, il libro non risulta mai essere lento. Davvero ben fatto, non vedo l'ora di prendere il nuovo. Curioso il fatto che benche questi romanzi siano presenti sin dagli anni 90 siano arrivati solo ora in Italia.

  • User Icon

    Francesco Ongarin

    05/01/2013 01.19.47

    Bel libro, indubbiamente ben scritto, però, essendo il primo libro di una saga (gli altri due sostanzialmente presentavano Geralt e altri personaggi, ma la vicenda vera e propria comincia ora) risulta troppo lento e volto a introdurre la vicenda che dovrebbe cominciare a scorrere veramente dal prossimo libro.

  • User Icon

    pint74

    22/11/2012 20.56.49

    Terzo libro,ma non ultimo,che ha come protagonista il cacciatore di mostri Gerald. Putroppo non bello come i precedenti,anche se è un romanzo molto valido... La storia rimane interessante ma vi sono alcuni punti ,a mio parere,in cui l'autore appesantisce un pò troppo la storia con descrizioni inutili o troppo dettagliate.Potrebbe annoiare gli amanti dell'azione... Il personaggio principale non perde il suo fascino,come la spalla,il poeta e musicista ranuncolo. Interessanti i nuovi personaggi che entrano in gioco e le nuove pieghe che sembra prendere la storia principali. Tutto sommato un buon libro,consigliato a chi ha già letto i primi 2,mentre i novizi di questa saga dovrebbero,a mio avviso,iniziare dal primo libro,prima di passare a questo.

  • User Icon

    Lettore

    20/06/2012 20.18.59

    Si ritorna nel mondo ideato da Sapkowski questa è l'unica cosa da dire. Se avete apprezzato quello che i due volumi precedenti hanno rivelato ovvero un mondo duro, reale, cupo e ironico questo sarà per voi la manna dal cielo. Se invece non lo avete apprezzato non troverete motivi per cambiare idea: anche la struttura di libro non nasconde come sotto sotto esso sia quattro macro-sequenze collegate tra loro da un filo comune, anche se questo filo è molto più forte rispetto agli altri. Infatti lo strigo accettando il suo destino è finito per legarsi al mondo che lo circonda e verrà coinvolto nelle sue dinamiche. Perché Cirilla è l'unica erede di Cintra e su di lei si annodano i destini politici della regione e non solo. Infatti la bambina è legata dal suo sangue e dalle sue abilità ad un'antica profezia elfica di cui non si conosce il senso ma che minaccia un futuro apocalittico. Il mio consiglio è quello di acquistare questo libro. Perché è una fantasy di alto livello, originale, profonda ma non pesante, curata ma non in maniera maniacale. I protagonisti si relazionano con numerosi altri personaggi ma scordatevi i 120 punti di vista, solo fino ad ora, della Ruota della Tempo o le decine di sotto-trame di Martin eppure queste persone e questo mondo mondo li troverete altrettanto vivi e appassionanti.

  • User Icon

    Gabriele

    30/03/2012 12.31.03

    Buona lettura che introduce la storia del Witcher (strigo) Geralt di Rivia e del mondo fantasy grigio e molto realistico realizzato dall'autore. Dopo le prime due raccolte di racconti ci voleva proprio il primo "vero" romanzo della saga! Forse qualcuno lamenterà il fatto che non ci siano eccessivi colpi di scena ma a mio parere deve essere preso come il primo libro di una serie e di conseguenza non può che essere un libro fatto di premesse che si andranno poi a svolgere nei successivi romanzi. Spero che la Nord continui a pubblicare tutti gli altri romanzi di questo bravissimo autore!

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione