Categorie

Mario Giordano

Editore: Mondadori
Collana: Frecce
Anno edizione: 2011
Pagine: 168 p. , Rilegato
  • EAN: 9788804610038

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    monica

    10/05/2013 12.54.01

    Dedicato come dice l'autore a tutti i lavoratori che si spaccano la schiena per sopravvivere sperando inutilmente in una vecchiaia dignitosa, che votano fidandosi di chi dovrebbe rappresentare i loro diritti non sapendo in realta' cosa loro hanno in serbo per questi loro elettori. Dedicato a tutti coloro che non possono usare la scusa di avere dei figli per incassare compensi giganteschi come gli anelli di Saturno, compensi tra l'altro che alcuni (i privilegiati) cominciano ad incassare quando sono ancora in fasce. Un libro che tutti dovrebbero leggere per capire il valore che i nostri rappresentanti danno alle nostre vite e alle nostre schiene, io personalmente ormai ho la certezza che non avro' mai diritto alla vecchiaia, e le motivazioni sono spiegate in modo chiaro in questo libro. Leggetelo ma sappiate che vi arrabbierete all'inverosimile.

  • User Icon

    laura

    19/10/2011 13.36.18

    interessantissimo e scorrevole

  • User Icon

    sergio fiorani

    09/05/2011 15.21.29

    Fanno la morale agli altri dopo essersi riempiti la pancia alla faccia degli altri esseri spregevoli, grazie Giordano.

  • User Icon

    Gianni

    06/05/2011 19.49.40

    Completamente in disaccordo con la recensione del Sig. Antonio: scusi, ma che libro ha letto? Il libro di Giordano è una lodevole presa di posizione contro gli SPRECHI perpetrati da una classe politica che non solo continua - da decenni - a farsi beffe dei cittadini onesti, arricchendosi e ampliando a dismisura i propri "benefits", ma lo fa, nei casi sottolineati dall'autore (vedi gli scandalosi esempi di Giuliano Amato o dell'ex Capo dello Stato, Oscar Luigi Scalfaro), dopo avere (con molta ipocrisia) sbandierato ai quattro venti la necessità di recuperare un'Etica nazionale, contro il malcostume imperante. Il malcostume SONO LORO e gli italiani perbene dovrebbero cominciare ad aprire gli occhi e ricordarsi di certa gentaglia quando si andrà a votare per le prossime elezioni

  • User Icon

    Antonio

    03/05/2011 12.40.23

    Un libro inutile e dannoso. In 160 pagine (per 18,50 euro, non poco, direi) Mario Giordano presenta un elenco di casi con l'obiettivo di additare al pubblico disprezzo i percettori di pensioni eccessivamente alte. Tuttavia quello che sembra un lodevole compito informativo resta una piazzata fine a sè stessa; non c'è un'analisi sulle storture del sistema, e su come porvi rimedio. No, semplicemente la si butta in caciara con il solo scopo apparente di dare ad ognuno di noi l'idea che ogni pensione (quelle degli altri, beninteso) sia un furto. Esemplare "lo scoop" su Renato Curcio: pare che abbia presentato domanda di pensione e che non gli sia stata concessa perché non ne ha diritto. Caso chiuso? Giordano lo riapre al solo scopo di colpire l'immagine di Indro Montanelli, reo di aver definito il capo delle BR come un terrorista che ha mantenuto la testa alta, la dignità e il coraggio. "Montanelli ha sbagliato! Curcio la dignità non ce l'ha se chiede la pensione allo stato" strilla Giordano e mi chiedo dova sta il senso di questa indispensabile rivelazione. Il libro, insomma, non contribuisce ad un dibattito sul sistema pensionistico nell'epoca della precarizzazione del lavoro e delle vite, ma sembra più interessato a demolire -delegittimandolo- l'istituto stesso della pensione. In questo è coerente con l'esprit du temps, che vede come fumo negli occhi il lavoro, i lavoratori e i loro diritti. Marchionne docet. A chi fosse interessato ad un discorso serio, consiglio La politica pensionistica di Matteo Jessoula, Il Mulino 2009, 28 euro per 360, con un rapporto qualità(e quantità)/prezzo decisamente più conveniente di questo, mi si passi il termine, libro.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione