La santità dimostrabile. Antropologia e prassi della canonizzazione

Lodovica Maria Zanet

Editore: EDB
Collana: Lapislazzuli
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 18/03/2016
Pagine: 240 p., Brossura
  • EAN: 9788810558683
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 17,00

€ 20,00

Risparmi € 3,00 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    cosimo de matteis

    16/06/2017 12:44:28

    La santità è esigenza di ogni cristiano: “siate perfetti come è perfetto il Padre vostro che è nei Cieli”. L’invito di Gesù è così chiaro ed autorevole da non lasciare spazio a dubbi. Molti santi ce lo hanno ricordato ed anche essi in modo esplicito – Mons. Escrivà su tutti- e poi a ribadirlo ulteriormente ci ha pensato il Concilio Vaticano. La santità di cui invece parla Lodovica Maria Zanet è quella dimostrabile -e dimostrata, aggiungiamo- ossia quella riconosciuta dalla Chiesa e sancita con la Beatificazione/Canonizzazione. Ed è un libro che, pur nella completezza ed esaustività sull’argomento , non è “pesante”: le ripetizioni, talora, di certi concetti giovano e favoriscono una maggiore comprensione. Il volume della Zanet si compone di tre parti: dapprima la esposizione dei requisiti di quella che è la santità canonizzabile ossia quella che viene vagliata dalla Chiesa nei processi di beatificazione e canonizzazione. Leggendo si “entra” in quella che è la vera prassi dei processi e si ha così modo di conoscere e capire: la finalità del volume è anche quella di permettere a persone che magari non conoscono bene tali argomenti, o li conoscono solo dai mezzi di comunicazione, talvolta così imprecisi e deformanti, di fare chiarezza. Ma è pure un vero e proprio manuale, in uso presso Atenei Pontifici, scritto sulla scorta di una intensa esperienza sul campo: Lodovica Zanet collabora attivamente con la Postulazione Generale della Congregazione Salesiana. La lettura scorre sempre serena. In più si coglie con piacere la fede che permea le pagine: senza appesantirle, anzi. E’ un delicato tocco che fa “respirare” il lettore: respirare non perché affaticato dalla lettura e/o in affanno da essa. E’ una boccata d’aria pura -la fede, nitida- che a volte manca anche in testi scritti da credenti. Anche per questo il libro della Zanet è decisamente da leggere.

Scrivi una recensione