Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Saturno contro (DVD)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia
Anno: 2007
Supporto: DVD
Salvato in 58 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

spinner

Disponibilità immediata

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 7,80 €)

Un gruppo di amici, che hanno attraversato la giovinezza negli anni '80 e '90, si ritrovano alla soglia dei 40 anni a fare i conti con il senso e la tenuta della loro amicizia, dei loro affetti, della loro vita. Il tema della separazione, sia nell'amicizia che nell'amore, e l'impossibilità di accettarla, li costringe a confrontarsi con i loro sentimenti, le loro emozioni e le loro paure più profonde...
4,56
di 5
Totale 9
5
5
4
4
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    kopy17

    08/07/2021 22:51:05

    Bella commedia italiana

  • User Icon

    alexcavaleri909090

    08/07/2021 17:54:50

    un bellissimo film del regista turco. Come sempre tocca dei temi molto importanti.

  • User Icon

    ENRIKO7

    25/02/2021 18:06:30

    Ancora il tema dell'omosessualità al centro della scena, ancora una volta Ozpetek fa cadere pregiudizi e squarcia le vite dei protagonisti per farci vedere quanto tutti quanti noi siamo miserabili, e come di ciò purtroppo ci ricordiamo solo nel momento del dolore.

  • User Icon

    Ario Escher

    27/12/2020 17:17:39

    Sinossi: Una coppia omosessuale profondamente legata, due coniugi alle prese con il tradimento, una donna spaventata dall'idea della morte, un uomo con la paura di invecchiare. Confidenze, amarezze, speranze e delusioni di un gruppo di amici. Viene affrontato il tema della malattia improvvisa, la morte che ne consegue, il dolore difficile da superare. Vorremmo sempre che tutto rimanesse immutabile , purtroppo questi eventi della vita ci colgono impreparati. L'amicizia può aiutare a trovare un senso al dolore, ad alleviare le sofferenze. Vivere il dopo è sempre cosa difficile, bisogna farsi forza, sempre che queste si abbiano.

  • User Icon

    GiuC

    17/05/2020 06:24:22

    In questo film dal forte taglio drammatico, si intrecciano le storie di persone che sembrano prese dalla vita quotidiana. Un racconto che mostra paure e debolezze dell'animo umano. La forza di ozpetek è quella di riuscire a raccontare temi così impegnativi e drammatici non perdendo l'ironia che lo contraddistingue. Insomma un film di non solo lacrime ma anche di grandi risate

  • User Icon

    Wren

    16/05/2020 20:39:05

    Un film che ha al centro grandi sentimenti: l'amore, l'amicizia, il dolore cieco per la perdita, le reazioni al tradimento. Ozpetek crea un'atmosfera magica, riuscendo a coinvolgere emotivamente dal primo all'ultimo minuto della pellicola. Il cast è abilissimo e lavora in ottima sintonia. Un film che resta nel cuore.

  • User Icon

    bel film

    15/05/2020 15:20:24

    un bellissimo film come sempre questo regista non si smentisce mai. Bella la trama anche se molto drammatica, come sempre la scelta degli attori non si smentisce mai.

  • User Icon

    bel capolavoro

    25/09/2019 19:49:53

    Come sempre con Ferzan un capolavoro unico un bellissimo film ben realizzato. Trama molto bella anche se drammatica.

  • User Icon

    Mary

    22/09/2019 19:37:48

    Ferzan Ozpetec riesce sempre a fotografare abilmente fragilità, dubbi, speranze e sogni di una generazione “sempre giovane e immatura”

Vedi tutte le 9 recensioni cliente

Ritratto borghese di un gruppo di fate (cresciute) in un interno romano

Trama

Una generazione di quarantenni che ha vissuto la sua giovinezza negli anni ottanta e novanta, si trova a fare i conti alla soglia della maturità con la necessità di riscoprire il senso del "gruppo".
Il tutto avviene in un contesto in cui la crisi economica, lo spettro delle nuove malattie e il terrorismo internazionale hanno reso il senso della vita più precario e più fragile.
La morte non è più soltanto un fantasma lontano e il bisogno di protezione e di immortalità non si cerca più soltanto nella realizzazione personale e nella sicurezza economica ma anche nella protezione degli altri.

  • Produzione: Cecchi Gori, 2019
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 110 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti; Inglese
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Ferzan Ozpetek Cover

    Regista e sceneggiatore; dal 1976 vive a Roma. Autore di numerosi film tra cui Il bagno turco (Hamam) - con cui esordisce -, Le fate ignoranti, La finestra di fronte, Cuore sacro, Saturno contro, Mine vaganti, Allacciate le cinture. Nel 2013 esce per Mondadori il libro Rosso Istanbul; nel 2015 esce Sei la mia vita. Approfondisci
  • Stefano Accorsi Cover

    "Attore italiano. Fra i più dotati della generazione affermatasi negli anni ’90, esordisce con P. Avati nel 1991 in Fratelli e sorelle, ma acquista popolarità soprattutto grazie a Jack Frusciante è uscito dal gruppo (1996) di E. Negroni e alla campagna pubblicitaria di una nota marca produttrice di gelati. Sul set di questi spot incontra D. Luchetti che ne fa il protagonista della sua intensa rievocazione della lotta partigiana I piccoli maestri (1998), tratto dall’omonimo romanzo di L. Meneghello. La consacrazione arriva lo stesso anno con la sorprendente opera prima di L. Ligabue Radiofreccia, per la cui interpretazione riceve il primo David di Donatello come miglior attore protagonista, aggiudicandosene poi un altro con L’ultimo bacio (2001) di G. Muccino, dove interpreta con persuasiva... Approfondisci
  • Margherita Buy Cover

    "Attrice italiana. Diplomatasi presso l’Accademia d’arte drammatica, esordisce al cinema in La seconda notte (1985) di N. Bizzarri. Bionda con gli occhi azzurri, timida e in apparenza fragile, è un volto ormai consacrato del cinema d’autore italiano. È la ragazza snob in La stazione (1990) di S. Rubini, l’innamorata enigmista in La settimana della sfinge (1990) di D. Luchetti, la nevrotica farmacodipendente in Maledetto il giorno che t’ho incontrato (1992) di C. Verdone, la contestatrice in Facciamo paradiso (1995) di M. Monicelli e la suora tentata dalla maternità in Fuori dal mondo (1999) di G. Piccioni, forse il suo ruolo più convincente, che le ha portato meritati riconoscimenti. Segue il percorso artistico dei registi con cui ha iniziato la sua carriera: C. Verdone (Ma che colpa abbiamo... Approfondisci
  • Pierfrancesco Favino Cover

    Attore italiano. Diplomato all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico, si dedica da subito alla professione teatrale lavorando in molti spettacoli di L. Ronconi. Noto a molti per alcune interpretazioni in varie fiction italiane (Amico mio, Padre Pio, Gli insoliti ignoti), approda presto al grande schermo: colleziona una doppia nomination (David, Ciak d’Oro) vestendo i panni del sergente Rizzo in El Alamein (2002) di E. Monteleone. Acquista notorietà tra il grande pubblico con Da zero a dieci (2002) di L. Ligabue, a cui segue una serie di apparizioni in film di discreto successo, quali Passato prossimo (2003) di M.S. Tognazzi, Mariti in affitto (2004) di I. Borrelli, Le chiavi di casa (2004) di G. Amelio, Nessun messaggio in segreteria (2005) di P. Genovese e L. Miniero, Amatemi... Approfondisci
Note legali
Chiudi