Curatore: B. Maier
Editore: Garzanti Libri
Collana: I grandi libri
Edizione: 16
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
In commercio dal: 15 gennaio 2015
Pagine: LXXVII-98 p., Brossura
  • EAN: 9788811810780
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Considerato il capolavoro di Alfieri, "Saul" è una tragedia di argomento biblico, lineare nell'intreccio ma potente e drammatica. In primo piano la figura del sovrano: nel suo animo nobile e sensibile albergano uno smisurato orgoglio e una cupezza sconsolata; diviso tra cielo e terra, ribelle a Dio, non riesce a dominare l'anelito che lo avvelena: oltrepassare "il limite". Vittima della sua brama di potere si macchia di crudeltà e delitti, pur consapevole che porteranno solo rovina. Il contrasto insanabile stringe a poco a poco Saul nel cerchio della follia, da cui evade con un ultimo gesto: l'eroico suicidio, catarsi della tragedia.

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 5,40

€ 10,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 10,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Chiara

    23/09/2018 20:39:37

    Non immaginavo che la scrittura di Alfieri potesse essere così bella, fluida, piacevolissima da leggere. Questa tragedia scorre liscia come l'olio, ed è un profluvio di cose mirabili, prima di tutto Saul. Perché Saul è stato scelto, protetto, eletto da Dio, eppure quando è il momento di invecchiare e rinunciare al trono, Saul diventa tiranno, pericoloso, tormentato dall'orrore, dalla pazzia, da un consigliere che gli mostra tradimenti ed odio. Tutto ciò è meraviglioso perché Alfieri non vuole raccontare David, né la sua prodezza, né la sua pietas, se non come immagine di ciò che un tempo anche Saul è stato scelto ad essere. Così i prodigi di David un tempo sono stati quelli che lo hanno indicato come guida e re del popolo d'Israele. Perché ora teme d'essere sostituito? Teme la vecchiaia, la morte, il tradimento, teme di rimanere solo, come pure accade infine, perché allontana tutti con la sua empietà.

Scrivi una recensione