Le scelte di allora. I militari italiani in Montenegro dopo l'8 settembre

Ferdinando Cordova,Clemente Gavagna,Mario Themelly

Editore: Franco Angeli
Collana: Temi di storia
Anno edizione: 2001
In commercio dal: 6 novembre 2001
Pagine: 160 p.
  • EAN: 9788846433275
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 27,50

Venduto e spedito da IBS

28 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

L'8 settembre è una data spartiacque nella storia nazionale e destinata, nella coscienza dei più, a stabilire la frattura tra un prima e un poi. Gli eventi sono noti, così come l'atteggiamento delle declinanti leadership nazionali, a partire dalla monarchia. Meno conosciuta è la storia - sarebbe meglio dire il destino - e i contrastanti sentimenti che animarono quanti, e furono veramente tanti, subirono gli effetti di quella che per alcuni è la data che segna la "morte della patria", per altri la sua rinascita. Il volume è ultimo di una serie di testimonianze reseci da quanti condivisero la terribile esperienza di trovarsi in territorio straniero, nella specie il Montenegro, nel mezzo di una guerra terribile e violentissima, senza comandi e disposizioni, durante il trapasso da un regime politico devastante e devastato a una realtà i cui connotati erano ancora del tutto incerti. Sui vari aspetti della formazione di una nuova coscienza nazionale, attraverso l'esperienza delle circostanze e null'altro, ruota il diario di Clemente Gavagna, giovane sottotenente degli alpini nel battaglione Aosta. La maturazione di una cognizione del senso dei fatti passa attraverso il confronto, secco e non mediato, con gli stessi. Una generazione cresciuta sui campi di battaglia, e in un sistema politico e culturale fondato sul conformismo e l'indifferenza, si deve misurare per la prima volta nella vita con l'obbligo di una scelta, da esercitare liberamente. E assumendosene la piena responsabilità. Gavagna riferisce con efficacia l'evoluzione accelerata di eventi e pensieri. Al diario propriamente inteso si accompagna un'appendice documentaria e un saggio di Mario Themelly sui militari italiani in Montenegro dopo l'8 settembre.

Claudio Vercelli