La scienza in valigia

Jacopo Pasotti

Editore: Codice
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 7 luglio 2016
Pagine: 205 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788875786014
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Dai consigli sul jet lag all'origine delle piogge monsoniche. Dai viaggi possibili a quelli che non potrete mai fare. Dal volo degli aeroplani a quello delle sterne artiche. Dai consigli per i viaggiatori solitari a quelli per chi preferisce gettarsi nella mischia di una megalopoli. Jacopo Pasotti prepara le valigie e le riempie di tutto ciò che manca in una guida turistica per chi ha sete di scienza: curiosità, miti da sfatare, la pianificazione, la preparazione e lo svolgimento del viaggio, senza trascurare il ritorno a casa. Perché il tramonto ai tropici è un'illusione? Perché le rotte degli aerei sulle mappe sono disegnate curve? Infine, è proprio vero che viaggiare rende felici? Un libro per incuriosirsi prima di un viaggio avventuroso e in cui per ogni tipo di destinazione - che sia il deserto del Sahara, una sperduta isola tropicale, l'Artico o una megalopoli - saprete già cosa vi è utile mettere in valigia.

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    maurizio .mau. codogno

    08/10/2017 20:01:57

    Mettiamola così. Quando si va in vacanza, è improbabile che uno si metta a guardare tutto con l'occhio di uno scienziato. E va anche bene così: la vacanza deve servire per staccare dalla routine. Ma per chi scienziato non è, può risultare invece divertente scoprire alcune curiosità del nostro pianeta, visto sotto la luce di chi cerca un posto diverso. Ecco qual è il taglio di questo libro: Pasotti non si è messo a scrivere un trattato scientifico, ma si è proposto di raccogliere tante curiosità, dai posti con le temperature estreme e quelli con la maggiore biodiversità, oltre che raccontare per esempio come fa un aeroplano a muoversi in mezzo all'aria. Il libro ha anche un taglio ecologico, e ci racconta dell'impronta antropica che abbiamo in qualità di turisti; un'altra cosa da tenere a mente quando ci muoviamo, anche se spesso facciamo finta di nulla.

Scrivi una recensione

Alcune frasi del libro:

«Per alcuni partire è un po’ morire. Per altri è rivivere. Sono pochi quelli indifferenti al viaggio. Il viaggio muove molti sentimenti, e questo ancora prima della partenza. Alcuni cominciano a sognarlo settimane, se non mesi, prima di partire. C’è poi chi non smette mai di immaginarsi su un treno, con la valigia sotto il sedile, la distanza da casa che si accumula in ogni istante mentre quella dalla meta si accorcia sempre di più. Ma se viaggiamo così tanto, se possiamo raggiungere in poche ore Nuova Delhi, è anche grazie alla scienza e alla tecnica».