Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

La scienza sotto l'ombrellone -  Andrea Gentile - copertina

La scienza sotto l'ombrellone

Andrea Gentile

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Illustratore: Alessandro Damin
Editore: Codice
Anno edizione: 2014
Pagine: 192 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788875784386
Salvato in 10 liste dei desideri

€ 17,10

€ 18,00
(-5%)

Venduto e spedito da Multiservices

Solo una copia disponibile

+ 2,50 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 9,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Dai trucchi per costruire un castello di sabbia perfetto ai cambiamenti del nostro corpo in immersione, dalla mappa dei migliori posti per fare surf fino alla composizione del nero di seppia, Andrea Gentile ci regala uno sguardo inedito e divertente sulla vita da spiaggia. Fisica, chimica, biologia e scienze ambientali diventano lo strumento per spiegare cosa succede in riva al mare e nelle profondità degli oceani. Tante curiosità sorprendenti e altrettanti miti da sfatare: sott'acqua, per esempio, vediamo meglio da lontano che da vicino, e non è vero che si possono mangiare solo le femmine dei ricci di mare. Ancora: paradossalmente bere l'acqua salata ci disidrata. Un libro illustrato bello da leggere e da vedere, scritto con un linguaggio alla portata di tutti e dedicato a chi si chiede sempre il perché delle cose.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Onda su onda, un corpo sta a galla e un altro affonda.
Ma perché anche quando siamo in vacanza al mare la legge non è uguale per tutti? Perché quando voglio farmi una tranquilla nuotata le onde hanno più cresta di un gallo cedrone e quando invece voglio surfare con la mia nuova tavola il mare è più piatto del Tavoliere delle Puglie? Perché se io provo a star fermo e a “fare il morto” vado a fondo come una banca in bancarotta, mentre il mio amico rotondetto sta a galla meglio di un turacciolo di sughero? Vabbè, smettiamola di lamentarci. Andiamoci piuttosto a leggere il capitolo 2 di La scienza sotto l’ombrellone. Magari, dopo, ne sapremo un po’ di più.
Per quest’anno, non cambiare, studia chimica molecolare.
Ho deciso: la pianto di fare castelli in aria, e mi metto piuttosto a farne uno di sabbia. Mi converrà usare sabbia fine o sabbia grossa? E quanto dev’essere bagnata, la rena, perché la tenuta di torri e contrafforti sia a prova di bambini? Mah, non c’è che provare, e riprovare, se necessario, a edificare merletti e ponti levatoi pezzo dopo pezzo, con pazienza e precisione, fino a che quei bastioni non assumeranno la consistenza inespugnabile di un maniero medievale. Non c’è bisogno di iscriversi a un corso di granulometria, basta andarsi a studiare con attenzione la tabella a pagina 154.
A-a-abbronzatissima, sotto i raggi UVA la scottatura è massima.
Beh, lo sappiamo: una bella abbronzatura al rientro in ufficio fa sempre la sua figura, ma bisogna stare attenti. La pelle non ha troppe difese contro i raggi ultravioletti, e se abbiamo passato tutto l’anno a volgerci come girasoli in direzione della lampada alogena che campeggia sopra la nostra scrivania, allora sarà bene adottare qualche precauzione per permettere alla melatonina di dare il meglio di sé un poco alla volta. Tu, laggiù… sì, dico a te, che hai il colorito di una mozzarella fiordilatte: metti giù malta e cazzuola. Basta una buona crema abbronzante, fattore di protezione quindici. Vai a leggere a pagina 114, e fattene una ragione.
Un’estate al mare, voglia di studiare.
Ogni spiaggia è un meraviglioso laboratorio per scoprire come funzionano le leggi della fisica, della chimica e della biologia. Quando ci prepariamo a fare un tuffo poco dopo aver mangiato; quando, incuranti del solleone, giochiamo a biglie sulla pista meravigliosa che abbiamo tracciato trascinando per i piedi il fratellino come fosse un vomere d’aratro; quando appoggiamo un orecchio alla conchiglia di nautilus che abbiamo trovato sul bagnasciuga per ascoltare il suono della risacca… quando, insomma, siamo intenti a goderci il nostro meritato riposo in riva al mare, possiamo approfittarne per imparare qualcosa sul modo in cui la natura dispone e organizza le proprie forme meravigliose. Quello scritto da Andrea Gentile è un libro divulgativo nel senso migliore del termine, un compendio di scienza applicata che prende le mosse da un’esperienza comune e condivisa com’è quella della vita da spiaggia per raccontarne il “dietro le quinte”.
I lettori e bagnanti curiosi sono avvisati: questo è un vero libro per l’estate, una lettura da fare sotto il sole, possibilmente in compagnia di amici e parenti, fino a che non sarà arrivato il momento di fare un altro tuffo, prima di andare a casa. E allora ci siamo tutti? Era ora. Vamos a la playa.

A cura d Wuz.it

Note legali