Scritti sulla fotografia - Pierre Mac Orlan - copertina

Scritti sulla fotografia

Pierre Mac Orlan

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Claudina Fumagalli
Curatore: Simone Paliaga
Editore: Medusa Edizioni
Collana: Argonauti
Anno edizione: 2020
In commercio dal: 04 aprile 2020
Pagine: 128 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788876984631

€ 14,25

Libro in arrivo

In uscita da: 4 apr 2020
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Mi torna in mente un pomeriggio trascorso a Londra nel quartiere cinese, a Pennyfields. La nebbia conferiva alle ragazze sbronze davanti alla porta delle loro case in mattoni, una dignità e un onore da museo Grévin. Lo spettacolo di quelle figure di cera perse nella nebbia poteva far nascere qualche idea. Mi affrettai a scattare qualche foto, rapidamente, a casaccio. Poi le feci sviluppare. Non erano venute bene ma mi procurarono delle sensazioni meravigliose. In una di queste, in primo piano si vedeva una porta con la vetrata rotta. Al suo posto era stato incollato un manifesto in caratteri cinesi. La strada era ripresa in tutta la sua lunghezza. Si vedevano tutte le porte che si aprivano sul marciapiede di destra. E nel vano di ogni porta appariva una gonna femminile, solo una gonna perché tutte le ragazze di cera si erano affrettate a ritirarsi vedendomi armeggiare con la macchina fotografica. In primo piano, una gamba molto bella e l'orlo di un abito si associavano al manifesto cinese. Il mistero iniziava da questa gamba". Gli scritti di Pierre Mac Orlan sulla fotografia sono sempre sospesi a questo sguardo che incarna la poetica del "fantastico sociale". Lo scrittore del "Porto delle nebbie" e di molti altri libri che gli diedero il successo nella prima metà del Novecento, aveva una predilezione per la nuova arte e nel 1929 scrisse che "la fotografia è un'arte di espressione letteraria". In questo libro che per la prima volta presenta al lettore italiano, Mac Orlan parla della Parigi di Atget e di Kertész, dello sguardo di Cartier-Bresson e del mondo che appare negli scatti di Willy Ronis. Mai tecnico, sempre calato nei mondi che la fotografia sa far lievitare e rendere nella loro segreta verità, questi scritti occasionali non sono affatto una parte minore dell'arte letteraria di Mac Orlan.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Pierre Mac Orlan Cover

    (Péronne 1882 - Saint-Cyr-sur-Morin 1970) romanziere francese. Cominciò la sua carriera di scrittore con racconti umoristici: Le zampe per aria (Les pattes en l’air, 1911), Racconti della pipa di terra (Contes de la pipe en terre, 1913). Ferito nel 1916 e traumatizzato dall’esperienza della guerra, scrisse Ricordi di un corrispondente al fronte (Souvenirs d’un correspondant aux armées, 1919) e Bob nel battaglione (Bob bataillonnaire, 1920). Nella sua narrativa rivivono spesso le suggestioni pittoresche delle città di mare, secondo facili schemi evocativi di derivazione romantica: A bordo della «Stella mattutina» (A bord de l’«Etoile Matutine», 1920), sulla vita dei filibustieri del ’700; La cavallerizza Elsa (La cavalière Elsa, 1921), avventurosa storia ambientata nella Russia sovietica; Donnine... Approfondisci
Note legali