Scritti sulla Resistenza (1954-1980)

Carlo Francovich

Curatore: M. Bianchi
Editore: Polistampa
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 16 febbraio 2009
Pagine: 272 p., Brossura
  • EAN: 9788859602255
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Sono pubblicati 30 saggi sulla Resistenza e su alcuni dei suoi più importanti protagonisti, redatti da Carlo Francovich tra il 1954 e il 1980. Grande studioso e storico, Francovich offre attraverso queste pagine un prezioso contributo sui temi dell'antifascismo e della Resistenza. La stampa a Firenze dall'armistizio alla liberazione, l'omicidio di Giovanni Gentile, le esecuzioni sommarie in Toscana sotto la R.S.I., la collaborazione internazionale nella Resistenza, il delitto Matteotti: sono solo alcuni argomenti. Tra i molti personaggi ritratti o ricordati citiamo Vieri Nannetti, Roberto Battaglia, Carlo Rosselli, Nello Traquandi, Foscolo Lombardi, Ottorino Orlandini, Roberto Bolaffio.

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibile in 10 gg

Quantità:
 
 
 

Questa raccolta di interventi non è solo un omaggio all'energico direttore e, in seguito, presidente dell'Istituto storico della Resistenza in Toscana. Come si evince dagli scritti che l'accompagnano (di Ivano Tognarini, Paolo Bagnoli, Zeffiro Ciuffoletti e Giorgio Spini), è una silloge che ben si presta a restituire di Francovich un ritratto vivo e a far ascoltare ancora la calamitante attrattiva della sua lezione. Non certo per farla accettare in tutte le sue argomentazioni o adottarla come schema interpretativo tuttora valido in ogni sua parte. Qui parla uno storico-partigiano, nell'accezione più alta: del resto Francovich, che Spini amava definire un "gentiluomo mitteleuropeo", anche per le origini fiumane e per l'incidenza che la cultura tedesca aveva avuto nella sua formazione, non nascose la passione militante dei suoi articoli, spesso ospitati su "Il Ponte" di Calamandrei o in atti oggi di difficile reperimento. Una delle sezioni da rileggere con curiosità è quella dedicata all'esecuzione di Giovanni Gentile, caso al centro di infervorate controversie. Francovich era convinto che l'atto potesse essere attribuito alla parte più estremistica del feroce fascismo fiorentino, e cercò di appoggiare con sottili argomentazioni deduttive la sua tesi. Oggi sappiamo che non regge, anche se al riguardo una versione compiuta è tuttora da scrivere. Il contributo più evidente di Francovich sta nell'insistenza sulla dimensione europea della Resistenza, spesso sacrificata a un uso propagandistico di taglio nazionale. In una relazione del 1980, rivendicò con fierezza, a petto della conclamata egemonia comunista, il ruolo del variegato azionismo di ascendenza liberalsocialista, di "una forza nuova, laica e democratica, inferiore di numero, ma non seconda nella volontà di lotta e nella capacità di sacrificio". Roberto Barzanti