Editore: Adelphi
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 16 giugno 2010
Pagine: 300 p., Brossura
  • EAN: 9788845925047

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Arte, architettura e fotografia - Arte e design industriale e commerciale - Design dei prodotti

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Per lungo tempo siamo stati costretti a sospettare che i progetti, i disegni, gli oggetti, le fotografie, le riviste di Ettore Sottsass, oltre a stupire e a innovare, raccontassero una storia. Poi, alla fine della sua lunga vita, Sottsass quella storia ha cominciato a scriverla - partendo da molto lontano. E così, in queste schegge di un'autobiografia pensata come testamento, Sottsass manovra una scatola ottica di cui lui solo sembra conoscere il funzionamento, e la usa per proporre al lettore, in un ordine solo apparentemente capriccioso, le immagini della sua infanzia e della sua giovinezza. La materia di cui il racconto è fatto - i primi anni in Austria, l'arrivo a Torino, le retrovie e il fronte di una guerra a metà orrenda e a metà farsesca, e la Milano del dopoguerra, e l'America, e la nascita del design contemporaneo - basterebbero a giustificarlo. Ma a colpire, e subito a incantare, è il fuori campo con cui Sottsass accompagna ogni rievocazione: una voce ironica, beffarda, sorniona, che sembra sempre condurre a una conclusione già scritta, ma all'ultimo momento scarta verso il paradosso - riuscendo, ogni volta, a sorprendere. Chi tiene fra le mani questo libro, dice Sottsass in una sua breve introduzione al testo, tiene fra le mani (forse) un uomo nudo. La parentesi - e non potrebbe essere altrimenti - autorizza dunque un dubbio: per scioglierlo, non resta che cominciare a leggere.

€ 21,25

€ 25,00

Risparmi € 3,75 (15%)

Venduto e spedito da IBS

21 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 25,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Domenico

    19/09/2018 13:46:26

    Lo sguardo di Sottsass è prezioso perché è quello di qualcuno che frequentava e si faceva conquistare dall'ambiente culturale italiano e che, non sorvolando sulle comuni difficoltà quotidiane, con il suo racconto permette anche di vedere per davvero, a me nata post-boom economico e per tanto completamente ignara di come fosse prima, quanto arretrata e povera fosse l'Italia post-bellica. Eppure leggendo questo libro mi sono detto che questa generazione ha delle responsabilità, responsabilità che identifico con una sorta di ingratitudine. Per chi si occupa di architettura e vorrebbe fare l'architetto i frammenti di Sottsass offrono un confortante abbraccio, per i dubbi, le incertezze, il disincanto e l'assoluta modestia con cui racconta di sé. In un certo senso c'è anche del tragico in un uomo che dice di essere un architetto e quello voler fare che si ritrova ad esser ricordato per progetti di design.

  • User Icon

    franco scaramuzzi

    14/03/2011 07:20:57

    Un romanzo storico dove l'autobiografia non è mai troppo retorica. Voto abbassato da quattro per il prezzo assolutamente sproporzionato alla qualità dell'edizione.

Scrivi una recensione