Lo scrittore fantasma

Philip Roth

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
In commercio dal: 30/11/2005
  • EAN: 9788806175139

€ 8,08

€ 9,50

Risparmi € 1,42 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Raffaele

    23/05/2018 17:57:22

    Nel giorno che ci ha lasciati voglio onorare il grande Philip Roth proprio nello spazio dedicato al libro che me lo ha fatto conoscere; mi ha insegnato a leggere, trasformando in vera passione il piacere per la lettura. Nessuno scrive come lui, per me è stato e resterà il migliore in assoluto. GRAZIE PHILIP ROTH.

  • User Icon

    Giuseppe Russo

    19/02/2014 13:52:03

    È una sorta di staffetta ideale, quella che crea le relazioni tra i personaggi del primo romanzo di Philip Roth in cui Natan Zuckerman agisce da vero protagonista. Il giovane autore che ha pubblicato soli pochi ma fortunati racconti su alcune riviste va alla ricerca delle strategie utili a crescere come scrittore rivolgendosi al classico "venerato maestro", che invece è ormai stanco e ha perso la gioia dell'atto della scrittura. Questi a sua volta cerca di tenersi in piedi e magari di rinnovare le proprie energie creative in un triangolo con le due donne che si mettono a sua disposizione in qualità di giovane ancella, l'una, e di badante tuttofare, l'altra. Ma anche Amy, la ragazza che attira su di sé le attenzioni maschili, è palesemente insoddisfatta del proprio ego e cerca di ridisegnarlo in un ulteriore gioco di specchi con un personaggio molto più grande di lei, ma che a determinate condizioni potrebbe essere lei. Insomma, ognuno dei protagonisti cerca nel proprio vicino del carburante per alimentare il motore della propria soggettività, creando appunto una staffetta. E ogni legame rappresenta la risposta alternativa - in termini di concretezza della vita - a quella fornita da Henry James (e che torna più volte nel testo) alla domanda: perché scriviamo? In meno di 150 pagine, Roth riesce a concentrare ansie e speranze che avrebbero impegnato altri autori per due o tre volumi.

  • User Icon

    Francesco

    30/07/2012 11:42:23

    "Lo scrittore fantasma" è tanto breve quanto complesso. Il confronto fra il giovane scrittore Zuckerman e l'affermato autore Lonoff, narrato attraverso il punto di vista di Zuckerman, indaga principalmente la questione della scrittura, delle ragioni per le quali si scrive, delle conseguenze di tale atto. Le pagine di questo libro sono dense, piene di concetti interessanti e su cui vale la pena di soffermarsi e riflettere, ma personalmente non mi ha convinto molto la figura di Amy Bellette e la questione di Anne Frank (non dico altro per non svelare troppo a chi non l'ha letto). Ho preferito di gran lunga la prima metà del libro.

  • User Icon

    Tommaso

    02/11/2008 17:27:40

    Naturlamente stiamo parlando di un grande autore, che, purtroppo, in questa sua prima assoluta opera non ha saputo regalarci quei momenti magici di cui è capace. La trama talvolta è difficile da seguire!!!

  • User Icon

    Feliciana

    07/01/2008 13:08:29

    Tra i capolavori di Roth, penso che questo sia decisamente uno dei minori. Sto leggendo tutto ciò che Roth ha scritto e che al momento è tradotto in italiano, perchè comunque questo autore mi interessa molto e voglio farmi un quadro completo di lui come autore e anche come persona attraverso i suoi scritti. En passant, non capisco perchè Patrimonio sia stato tradotto in italiano dopo 15 anni che è stato scritto, quanto dovremmo aspettare per Exit Ghost, che è uscito negli USA nel settembre 2007 ? Consiglio questo libro solo a quelli, come me, che vogliono sapere tutto su Roth. Mentre ad altri, consiglio di rimanere su L'Animale Morente, Pastorale Americana e, perchè oramai è un classico da conoscere,Il lamento di Portnoy.

  • User Icon

    Giuliopez

    05/06/2007 08:30:52

    L'esordio di un personaggio alter ego dell'autore come Nathan Zuckerman. Libro che ad un certo punto mi stava deludendo (se veramente Amy fosse stata Anna Frank...), ma che poi ci restituisce la giusta dimensione umana di tutti i personaggi non solo di Nathan, ma anche del suo "idolo" il famoso scrittore Lonoff che conduce una vita da recluso e si trova a dover contrabbattere le scenate della moglie Hope... C'è chi l'ha definito ormai un classico, penso che lo sia!

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione