La scrittrice abita qui

Sandra Petrignani

Editore: Neri Pozza
Edizione: 4
Anno edizione: 2003
In commercio dal: 8 novembre 2002
Pagine: 221 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788873058410
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 7,83
Descrizione
Un po' pellegrinaggio e un po' seduta spiritica, questo libro porta dalla Sardegna di Grazia Deledda all'America di Marguerite Yourcenar, dalla Francia di Colette all'Oriente di Alexandra David-Néel, dall'Africa alla Danimarca di Karen Blixen, all'Inghilterra di Virginia Woolf. Un lungo viaggio in case-museo che, attraverso mobili e suppellettili, stanze e giardini raccontano la storia sentimentale delle più significative scrittrici del Novecento. Da Parigi alla Provenza, dal Kenya al Maine, da Copenhagen al Tibet, Sandra Petrignani le cerca nei loro oggetti, interroga i loro diari, la poltrona in cui si sedevano, il portafortuna da cui non si separavano, ma anche le persone che ancora conservano un ricordo vivo di loro. Così il viaggio, concretissimo, diventa favoloso, un giro del mondo dove a ogni tappa è come se le protagoniste in persona aprissero la porta e svelassero sottovoce i segreti della loro vita. Le mele nel tinello della Yourcenar e il suo cane ancora vivo, il tempio tibetano ricreato a Digne dalla David-Néel o la stanza chiusa che fu sua nel monastero del Sikkim dove si ritirò in meditazione, la Barbagia della Deledda con le fate e i folletti che influenzarono la sua fantasia, il grammofono della Blixen portato con sé dalla sua Africa in ricordo dell'uomo che aveva amato e perduto per sempre: Sandra Petrignani ascolta "la voce delle cose" e la traduce nelle affascinanti storie di questo libro.

€ 12,32

€ 14,50

Risparmi € 2,18 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Michela

    28/07/2018 09:01:42

    Suggerito da Michela Murgia, nell'audio libro di Canne al vento, mi sono approcciata a questa lettura incuriosita dal racconto della scrittrice Sanda Petrignani proprio sulla Deledda. Oltre all'autrice nuorese, la Petrignani con la sua ottima scrittura e la coinvolgente narrazione, ci racconta anche di altre cinque grandi donne: Marguerite Yourcenar, Colette, Alexandra David-Neel, Karen Blixen e Virginia Woolf. Come ha riportato la stessa Petrignani, nel leggere della vita di queste inestimabili scrittrici, narrata dalle loro case che ne hanno racchiuso ricordi, gioie e dolori, possiamo rintracciare anche un po' di noi, della nostra stessa vita e, magari, trovare anche risposte a dubbi che ci affliggono. Un libro, quindi, da leggere, sottolineare e di cui fare tesoro. Davvero consigliato, anche grazie alla preziosa scrittura della Petrignani.

  • User Icon

    Paola

    13/02/2015 16:25:52

    Bellissimo libro, mi è rimasto nel cuore. Splendidi ritratti di scrittrici raccontate attraverso i luoghi in cui vissero. Interessante, e molto intimo.

  • User Icon

    Raffaella

    13/07/2006 23:08:49

    Adoro il suo modo di scrivere, il suo modo di catapultarti ''in casa altrui'', il fatto che ti dia la possibilità di curiosare nelle vite altrui, nelle loro case. Io sono un tipo curioso di mio e sembrerà strano ma quando conosco una persona interessante mi viene sempre voglia di vedere la sua casa, vedere se la rispecchia in un qualche modo, e tramite la casa sapere cose che ancora non abbiamo avuto il tempo di conoscere... E' questo che ho vissuto, entrando nelle vite e nelle case di alcune tra le più grandi scrittrici del mondo....ve lo consiglio.

  • User Icon

    Elena

    27/02/2005 15:56:21

    E' un libro che si legge facilmente e che ha il pregio di farci entrare nelle case amate e vissute di alcune grandissime scrittrici scoprendo la grandezza e le tante fragilità di queste donne senza tempo. L'autrice ci presenta il suo viaggio ben organizzato senza un' emotiva partecipazione che invece a mio avviso doveva risultare con grande evidenza

  • User Icon

    Dorina

    03/11/2004 12:06:56

    Chi si è fermato al giudizio dello stile di questo libro non è riuscito ad entrare nella realtà del viaggio proposto dall'autrice; in cerca delle case, degli oggetti, dei profumi, delle personalità non comuni che vi abitarono per arrivare ai loro sentimenti e al concludersi delle loro esistenze. E' un libro da leggere, da possedere e da rivedere per scoprire con le biografie e i testi citati, anche le indicazioni per come raggiungere quelle dimore in un possibile viaggio reale alla loro scoperta.

  • User Icon

    daniela

    07/05/2004 17:23:19

    Dopo le interviste raccolte ne "Le signore della scrittura", con "La scrittrice abita qui" Sandra Petrignani continua il viaggio verso se stessa, consegnando al lettore un saggio di piacevolissima lettura, corredato di numerose immagini fotografiche, la cui pubblicazione di sicuro incontrerà forma di appassionata adesione.

  • User Icon

    Marina

    01/03/2004 18:39:16

    Si, la Petrignani ha usato una tecnica narrativa piuttosto scostante, molto descrittiva, senza lasciarsi andare, solo a tratti ci comunica le sue emozioni nel ripercorrere la vita delle donne che ha scelto per il suo libro. Eppure pensare e parlare di queste donne fantastiche dovrebbe aprire il cuore e far uscire incontrollati i pensieri, tanta è la passione che suscitano con il ricordo della loro vita e delle loro opere. Mi ha comunque fatto emozionare questa raccolta, ma è importante dire che il merito è delle scrittrici con le loro vite, non della Petrignani che sembra essersi semplicemente limitata a metterle insieme. (01/03/04)

  • User Icon

    freddy

    06/10/2003 09:33:14

    Stile sciatto, giornalistico... LA letteratura è un'altra cosa, cara Petrignani.

  • User Icon

    Maria Grazia

    25/09/2003 07:51:35

    Trovo assolutamente perfetto lo stile in cui il libro é stato scritto. Personalmente queste "biografie" mi hanno affascinato! Non credo che l'autrice abbia usato un tono giornalistico e comunque quando si parla della vita altrui, soprattutto quando non si era presenti ai fatti di cui si racconta, é giusto mantenere quel certo distacco. Bellissimo, l'ho preso in biblioteca ma lo comprerò.

  • User Icon

    Prof. Rolletta

    19/09/2003 12:35:47

    La scrittura è "giornalistica". Infatti l'autrice è una giornalista, e ci permettiamo di consigliarle di non avventurarsi in territori della scrittura che con ogni evidenza non le appartengono.

  • User Icon

    Silvia

    03/09/2003 18:07:20

    bellissimo libro che si segnala proprio in virtù della splendida scrittura, non fate caso al giudizio del lettore precedente.Consiglio a tutti di leggerlo, non ve ne pentirete!

  • User Icon

    adamo VERRI

    02/09/2003 12:01:24

    no, non ci siamo. scrittura piatta, giornalistica, scarsa immaginazione eccetera. Vorrei consigliare all'autrice di dedicarsi ad altro che la letteratura, per esempio il ricamo o il giardinaggio... (non censurate questo intervento)

Vedi tutte le 12 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione