Categorie

Carlo Pastore

Editore: Mondadori
Collana: Arcobaleno
Anno edizione: 2009
Pagine: 235 p. , Brossura
  • EAN: 9788804584575

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Silvia

    14/12/2009 23.38.38

    Mi aspettavo molto di meglio da questo libro: Carlo Pastore non scrive male, anzi. Ma la storia non è per niente appassionante, a tratti persino assurda, e soprattutto si parla troppo spesso di droga. Veramente troppo. Non esiste solo quella per sfuggire a un'esistenza banale, Carlo Pastore lo sa?

  • User Icon

    Gabriele

    24/05/2009 18.11.55

    Io e Carlo siamo coetanei, ma non mi rispecchio in pieno nel suo modo di descrivere la provincia. Ho comprato questo libro grazie al titolo accattivante, che suppongo preveda il bisogno, più che la voglia, di andare contro il mondo e di godersi la vita fino in fondo, senza perdersi un attimo che sia uno soltanto, prendendo un bel respiro e tuffandosi a capofitto nelle acque della vita. Annaspando quando c'è da annaspare (amicizie perse: ecco, questo mi pare un tema ben affrontato, in modo molto realistico) e nuotando in mare aperto quando se ne ha la possibilità. E allora lungi da me fare il moralista, ma arrivano le feste che paiono necessariamente distruttive, la droga facile (troppo) e il sesso altrettanto sbrigativo e leggero. Carlo non fa altro che descrivere ogni spaccato d'adolescenza (che coincide con la "guerra", come scrive lui e come cantano i TARM), ogni senso di disagio verso una società che è difficile da digerire (scrive: "io non mi sento italiano, ma per fortuna o purtroppo lo sono", come diceva pure il Signor G.), e sono tutti argomenti già espressi milioni di volte. Lui lo fa alla sua maniera che non considero sbagliata, ma nemmeno da paragonare a quella di "Jack Frusciante è uscito dal gruppo", come ho avuto modo di sentire in giro. Ha uno stile che non mi dispiace, in ogni caso, e dice le cose senza troppi giri di parole, arrivando al sodo. E' soltanto la folta presenza della droga, che proprio non sono riuscito a digerire: sembra quasi un must degli adolscenti, il modo più facile per fuggire via. E posso dire che non è sempre così. Anche se poi capita che sia assunta soltanto per bravate tra amici, e questo mi porta ancora a riconoscere in parte a Carlo i suoi meriti nel tentare di descrivere un'età spesse volte buia e solitaria. Non manca poi -altro segno distintivo dell'adolescenza- la ricerca assidua dell'amore e la delusione che esso porta certe volte, e le sorprese che invece sa anche regalare inaspettamente; perché no. Carlo Pastore grandissimo vj, ma da rivedere come scrittore.

Scrivi una recensione