Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Oscar Mondadori -20%
Salvato in 1512 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Il secondo sesso
24,70 € 26,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+250 punti Effe
-5% 26,00 € 24,70 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
24,70 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
26,00 € + 2,50 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
24,70 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
26,00 € + 2,50 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Il secondo sesso - Simone de Beauvoir - copertina
Il secondo sesso - Simone de Beauvoir - 2
Chiudi

Descrizione


Con Il secondo sesso Simone de Beauvoir affranca la donna dallo status di minore che la obbliga a essere l'Altro dall'uomo, senza avere a sua volta il diritto né l'opportunità di costruirsi come Altra.

«Testo sacro del femminismo che un editto Vaticano nel 1956 mise all’indice, Il secondo sesso è una riflessione filosofica che applica l’esistenzialismo di Sartre ai temi dell’emancipazione femminile, sottraendo la donna a un destino biologico che la esclude dalla storia, ma anche all’interpretazione fallocentrica di Freud.» - Cristina Taglietti, la Lettura

«Tutto ciò che è stato scritto in questi settant’anni dai vari femminismi, pro e contro di lei, le ricerche, le battaglie, le conquiste nasce da questo libro, raccontato in una lingua squisita, con una cultura immensa, filosofica ed esistenzialista.» - Natalia Aspesi, Robinson

«Un giorno ebbi una rivelazione: questo mondo era maschile; la mia infanzia era stata nutrita da miti forgiati dagli uomini, e io non avevo reagito, proprio come se fossi stata anch’io un ragazzo.»

Con veemenza da polemista di razza, Simone de Beauvoir passa in rassegna i ruoli attribuiti dal pensiero maschile alla donna - sposa, madre, prostituta, vecchia - e i relativi attributi - narcisista, innamorata, mistica. Approda, nella parte conclusiva, dal taglio propositivo, alla femme indépendante, che non si accontenta di aver ricevuto una tessera elettorale e qualche libertà di costume, ma che attraverso il lavoro, l'indipendenza economica e la possibilità di autorealizzazione che ne deriva - sino alla liberazione del suo peculiare "genio artistico", zittito dalla Storia - riuscirà a chiudere l'eterno ciclo del vassallaggio e della subalternità al sesso maschile. L'avvenire, allora, sarà aperto. Con una determinazione prima sconosciuta e un linguaggio nuovo, che tesse il filo dell'argomentazione attraverso un'originale mescolanza di mito e letteratura, psicoanalisi e filosofia, antropologia e storia, Simone de Beauvoir sfida i cultori del gentil sesso criticando le leggi repressive in materia di contraccezione e aborto, il matrimonio borghese, l'alienazione sessuale, economica e politica. Provoca il pubblico conservatore, cerca il riconoscimento personale, rivendica la solidarietà collettiva. Prefazione di Julia Kristeva. Postfazione di Liliana Rampello.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2016
3 marzo 2016
763 p., Brossura
9788842822318

Valutazioni e recensioni

4,83/5
Recensioni: 5/5
(12)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(10)
4
(2)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
ElenaP
Recensioni: 4/5
Necessario, ma che fatica!

Un caposaldo della letteratura femminista. Temi ancora drammaticamente attuali. Un testo importante per smuovere le anime e capire che la società di oggi deve cambiare. Un libro che da energia e voglia di ribellione. Un libro che fa capire l’assurdità di un tempo e fa riflettere sulla società odierna. Attenzione però, per leggerlo dovete essere disposti ad essere concentrati e zero distrazioni, non adatto a chi cerca leggerezza e spensieratezza nella lettura.

Leggi di più Leggi di meno
Simona
Recensioni: 5/5
Il secondo sesso

Tomo necessario per la comprensione e la riflessione sulle tematiche femministe, l'autrice tratta ogni ambito del rapporto con l'identità femminile, dalla filosofia alla storia, alla vita privata.

Leggi di più Leggi di meno
lisa
Recensioni: 5/5

Libro illuminante! Consigliatissimo!

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,83/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(10)
4
(2)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

Come si costruisce la libertà femminile e su cosa si fonda? Alla base della bibbia del femminismo contemporaneo, scritta da Simone de Beauvoir, c’è questa domanda che abbatte qualsiasi rivendicazione sociale e obbliga ad allargare gli orizzonti della ricerca e della riflessione. Ricerca e riflessione che trovano le risposte in testi filosofici e storici. Da qui l’indagine antropologica, biologica, psicoanalitica e letteraria del primo volume cui fa seguito il secondo volume con un’analisi prettamente più filosofica. «On ne naît pas femme, on le devient» («Donna non si nasce, lo si diventa»): è l’incipit del secondo volume. Una frase che ancora brucia, scuote, inquieta e lascia uno spazio bianco tra la parola femminismo e la parola donna.

Le Mouvement d’avant le Mouvement, come lo ha simbolicamente definito Michèle Le Doeuff, Il Secondo Sesso (763 pagine, 26 euro) di Simone de Beauvoir, edito in Italia da Il Saggiatore nella traduzione di Roberto Cantini e Mario Andreose, dopo oltre settant’anni dalla sua pubblicazione continua a fungere da catalizzatore di saggi, conferenze, testi critici, quasi a sottolineare l’eternità della parola scritta. Questo ci ricorda che il libro di Simone de Beauvoir non solo ha trasformato la vita di milioni di donne, ispirando le attiviste femministe dalla seconda metà del Novecento in poi, ma ha anche anticipato la ricerca femminista e gli studi di genere universitari in termini di collaborazione e interscambio multidisciplinare.

Attraverso il libro di Simone de Beauvoir scivoliamo lentamente nell’universo del femminismo militante che per l’autrice (e per coloro che si misurano, quotidianamente, con le sue idee) vuole essere una consapevolezza, soggettiva e politica, una lotta individuale e collettiva, una scelta esistenziale.

Per comprendere la portata de Il Secondo Sesso dobbiamo calarci nel contesto sociale e politico della Francia intorno agli anni ’50 del Novecento, ovvero il periodo in seguito alla pubblicazione del libro. Per la prima volta una donna parlava delle donne (senza necessariamente auspicare un interlocutore femminile) partendo da testi scientifici e avvalorando, attraverso gli stessi, le proprie tesi. Questo permette, per le donne dell’epoca, di immergersi, per la prima volta, nella propria esistenza. Non più oggetto ma soggetto. «Questa rivelazione della condizione delle donne ha avuto qualcosa di spaventoso ma anche profondamente liberatorio, aprendo la strada alla presa in carico della mia vita». A parlare è Annie Ernaux che spiega, con assoluta lucidità, il significato e la valenza del libro della de Beauvoir: «Pour comprendre le choc du livre de Simone de Beauvoir, il faut se représenter le contexte politico-social de l’époque. En 1959, la France était engagée dans une guerre coloniale, la guerre d’Algérie, qui mobilisait tous les débats. Les valeurs traditionnelles – la religion, le mariage et la famille – régissaient la société, l’union libre constituait un scandale. L’opacité était totale sur la condition des femmes. Paradoxalement, l’image d’une mère commerçante active, jouissant de pouvoir et de liberté, n’ayant que mépris pour les tâches ménagères et convaincue de la nécessité pour une femme d’avoir son indépendance financière, m’avait, à la fois, occulté la réalité du fonctionnement de la société et empêchée de m’y soumettre sans souffrance. Les codes maternels que j’avais assimilés étaient en conflit avec ceux de la société, en clair, je n’étais pas « féminine » ni dans ma tête ni dans mes comportements, sous une apparence affichant au contraire, avec excès, les signes de la féminité, style Brigitte Bardot. Les expériences sexuelles de l’été précédent avaient fait éclater ce conflit que j’avais vécu sans le comprendre, dans la honte et de la solitude, et qui m’avait menée à la boulimie, puis l’anorexie. Au printemps 1959, le texte de Beauvoir, en surgissant dans ma vie, me permettait de « relire » mon adolescence, de me situer en tant que femme. Ce dévoilement de la condition des femmes avait quelque chose d’effrayant mais aussi de profondément libérateur, ouvrant la voie à une prise en main de ma propre vie».

Non solo Annie Ernaux. A difendere la parola di Simone de Beauvoir ricordiamo anche Colette Audry, Dominique Aury e Françoise d’Eaubonne. Gli interventi, gli articoli, i libri e i saggi non hanno fatto altro che arricchire la sua opera. Ricchezza e complessità, confronto e condivisione. Questo è quello che emerge dalla proficua produzione post-pubblicazione del libro della de Beauvoir. Oltre allo shock iniziale, come riportato anche dalla Ernaux, il libro esercita una notevole influenza su tutta la generazione femminile, come riconosciuto dalla stessa Ménie Grégoire. Da subito il suo lavoro appare in tutte le bibliografie (ed è tuttora sistematicamente citato negli studi sulla materia femminista). Molti saggi ne fanno un’analisi critica: Le complexe de Diane, érotisme ou féminisme di Françoise d’Eaubonne può essere considerato un’estensione de Il Secondo Sesso. Qualche tempo dopo, ritorna Ménie Grégoire che propone delle possibili risposte al libro della de Beauvoir. Anni dopo Andrée Michel e Geneviève Texier cercheranno di dare alle stampe un’opera che sia riposta e aggiornamento al tempo stesso de Il Secondo Sesso. Tutto ciò a dimostrazione del significato e della reale portata di questo libro che, inconsapevolmente, abbiamo ereditato.

Nel successo lo scandalo. Nella valorizzazione dei fatti e dei miti della prima parte si insinua l’esperienza vissuta, quella più autobiografica, quella più intima e memoriale della seconda parte. Quei capitoli che hanno folgorato tutti, uomini e donne, femmine e maschi.

Una lettura necessaria, oggi più che mai, soprattutto per chi ha dimenticato il significato della libertà femminile.

Recensione di Sara Durantini

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Simone de Beauvoir

1908, Parigi

Simone de Beauvoir è stata scrittrice, saggista, filosofa ed insegnante francese. Considerata una delle madri del femminismo, fu compagna per quasi tutta la vita del filosofo esistenzialista Jean-Paul Sartre, di cui condivise anche alcune dottrine, in un fecondo e brillante dialogo durato più di cinquant'anni.Nata da una famiglia alto-borghese di Parigi in una notte del 1908, la piccola Simone si deve ben presto adattare ad uno stile di vita più scarno, dato dalla bancarotta del nonno paterno. Tutta la famiglia, in seguito al triste evento, abbandonerà l'arioso appartamento di Boulevard Montparnasse per trasferirsi in uno più piccolo e periferico, in Rue de Rennes. Simone e la sorella Hélène vivono anni di notevoli ristrettezze economiche, eppure...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore