La segretaria quasi privata (DVD)

The Desk Set

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: The Desk Set
Regia: Walter Lang
Paese: Stati Uniti
Anno: 1957
Supporto: DVD
Salvato in 18 liste dei desideri

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 12,88 €)

Un'impiegata dell'ufficio informazioni dalla memoria sensazionale rischia il posto perché l'azienda ha deciso di dotarsi dell'ultimo ritrovato tecnologico: un cervellone elettronico. Ma la donna non si dà per vinta e...
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Aurora

    30/01/2020 21:23:19

    Penultimo film della coppia Tracy-Hepburn e, a mio parere, anche uno dei loro migliori, sostenuto da un ritmo brioso, da un’ottima squadra di attori e dalla brillante sceneggiatura di Phoebe e Henry Ephron (genitori di Nora). È uno dei rari casi di commedie romantiche hollywoodiane con protagonisti non più “giovanissimi” ed è anche (almeno stando al Morandini) il primo film di Hollywood in cui compare un computer, per quanto la mastodontica “Emma” abbia le dimensioni di una stanza ed emetta luci e suoni che oggi si adatterebbero più a un contesto fantascientifico. La scena delle sue bizze indiavolate finché la Hepburn declama il poema “La campana non suonerà stanotte” di Rose Thorpe vale, da sola, l’acquisto del dvd. Deliziosa – come sempre – e palpabile l’alchimia fra i due attori protagonisti.

  • Produzione: A & R Productions, 2017
  • Distribuzione: A & R Productions
  • Durata: 103 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0);Inglese (Dolby Digital 2.0);Tedesco (Dolby Digital 2.0)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: 2,35:1 16:9
  • Joan Blondell Cover

    Attrice statunitense. Inizia la carriera vincendo un concorso di bellezza per diventare Miss Dallas e, dopo esperienze nella rivista e nella commedia musicale, esordisce a fianco di J. Cagney con La vacanza del peccatore (1930) di J.G. Adolfi, nel ruolo della protagonista. La simpatia e la naturalezza che la contraddistinguono, accompagnate da un certo sex appeal, le aprono le porte del successo, prima in coppia con J. Cagney e successivamente con D. Powell. Gira una serie interminabile di musical per poi passare alle commedie sofisticate e a quelle giallo-rosa che sfruttano abilmente il personaggio di donna vivace e ingenua a lei congeniale, come per es. la Mamie di Nemico pubblico (1931) di W. Wellman, che conserva la sua dolcezza in un mondo dominato dalla violenza. Anche nel genere drammatico... Approfondisci
  • Katharine Hepburn Cover

    Propr. K. Houghton H., attrice statunitense. Alta, magra, le lunghe gambe slanciate, lo stupendo volto coperto di lentiggini, proviene da una famiglia progressista e anticonformista, il padre medico famoso, la madre plurilaureata e con un passato da suffragetta militante. Frequenta il college, ma sin da giovanissima la sua aspirazione è diventare attrice. Dopo un non brillante esordio in teatro, il cinema si rivela presto il suo autentico universo. Evita l'apprendistato esordendo da protagonista in Febbre di vivere (1932) di G. Cukor. L'anno seguente ottiene il suo primo Oscar per l'interpretazione in Gloria del mattino (1933) di L. Sherman, nelle vesti di una ingenua e sfortunata attrice di teatro in cerca di scrittura. Dopo alcuni film di routine, tra i quali Amore tzigano (1934) di R. Wallace,... Approfondisci
  • Gig Young Cover

    "Attore statunitense. Interprete accattivante e garbato, dal sorriso irresistibile, appare come Byron Barr in ruoli minori a partire dagli inizi degli anni '40; si serve anche dello pseudonimo di Bryant Fleming finché nel 1942 il successo di Le tre sorelle (1942) di I. Rapper lo induce ad appropriarsi del nome del suo personaggio. Notevole in parti drammatiche (come ha modo di dimostrare in Non si uccidono così anche i cavalli?, 1969, di S. Pollack, Oscar come migliore attore non protagonista), rimane intrappolato in caratteri di amabile mascalzone (Dieci in amore, 1958, di G. Seaton; Il visone sulla pelle, 1962, di Delbert Mann). È tristemente famoso per aver sparato alla quinta moglie, l'attrice K. Schmidt, prima di suicidarsi. " Approfondisci
Note legali